Studenti bocciati a Salerno: genitori contestano decisioni dei prof

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
13
Stampa
Sarebbero poco più di 200 gli studenti che non hanno superato l’anno scolastico nel salernitano.

Tra questi almeno una ventina hanno contestato la decisione rivolgendosi al Tar per mettere in discussione le bocciature degli alunni. Lo scrive Il Mattino.it

Per i genitori, dovrà essere un giudice a decidere sulla sorte dei propri figli non ammessi alla classe successiva.

I genitori avrebbero, secondo quanto riferito dai presidi, presentato istanza di accesso agli atti relativi ai propri figli non ammessi alle classi intermedie. E non è escluso a questo punto che il contenzioso possa sfociare in tribunale.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

13 COMMENTI

  1. Nella scuola di oggi i ragazzi debbono mettere più impegno per essere bocciati che per essere promossi. Genitori patetici….

  2. Battaglia persa, oramai. Tra genitori “moderni” e scuola “azienda”, meglio “giocare” d’astuzia: eliminare voti e scrutini, promozioni e bocciature. Ogni alunno dovrà uscire dal percorso scolastico con un portfolio di conoscenze e abilità. Così, noi insegnanti saremmo più liberi di registrare le effettive competenze dei ragazzi, poi se la “fottono” loro e i loro cari genitori.

  3. Cose da pazzi… Prima se si veniva bocciati ti beccavi pure le mazzate a casa. Oggi se vieni bocciato i genitori fanno ricorso al Tar.. poi non lamentiamoci dei nostri figli facciamoci un esame di coscienza.

  4. Quando la scuola era una cosa SERIA, fatta per chi voleva VERAMENTE STUDIARE, le classi subivano tagli del 30% ed oltre! Cioè, chi voleva solo parcheggiare veniva inesorabilmente tagliato, mentre chi andava avanti usciva veramente preparato. Poi hanno dei presidi ne hanno fatto dei dirigenti (peraltro pochissimi all’altezza) e in quel momento è cominciato il declino inesorabile! Veramente oggi per essere bocciati bisogna impegnarsi alla grande!!!! E lo specchio della scuola è il paese che ci ritroviamo. i genitori invece di fare ricorsi per le bocciature, dovrebbero pretendere impegno assiduo dai propri figli e una scuola molto più seria e selettiva.

  5. ai miei tempi se venivo bocciato non ero nè difeso nè premiato dai genitori.
    E’ inutile andare a scuola se non si è capaci di fare profitto,considerando che anche il pezzo di carta meritato e sudato non serve a nulla,almeno in Italia.

  6. Ma poca miseria solo mia mamma disse ai prof ‘la dovete bocciare guai a voi se la fate passare in quarta”! Usciti gli esiti ed io venni bocciata andò a complimentarsi e a ringraziare i professori!
    Oggi però sono io che ringraxzio lei!

  7. Prossima notizia strepitosa: pensionato fa ricorso contro la bolletta dell’enel troppo cara.

    Vi mancano le fesserie politiche con cui riempire il sito?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.