Scuola, ecco il maxi concorso per 24mila cattedre: tutte le info utili

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un nuovo maxi concorso a cattedra per 24mila insegnanti che partirà in autunno. È il piano messo in piedi dal ministro dell’Istruzione per rimediare al problema del precariato che affligge la scuola italiana. Lo scrive IlSole24Ore.it

Sono circa 55mila gli insegnanti precari del nostro Paese. Nonostante siano privi di abilitazione, sono ugualmente chiamati in cattedra ogni anno per la cronica carenza di docenti di ruolo. Ma proprio l’assenza di abilitazione impedisce loro di essere stabilizzati. Ebbene, proprio a questi è indirizzata la prima parte della riforma della scuola messa a punto dai tecnici del Miur che vedrà un concorso straordinario per 24mila docenti con 36 mesi di servizio, anche non consecutivi, svolti negli ultimi otto anni, vale a dire tra il 2011-2012 e il 2018-2019.

Per “anno” si intendono 180 giorni di lezione complessivi, oppure insegnamento, senza soluzione di continuità, dal 1° febbraio fino al termine delle operazioni di scrutinio finale. Il servizio dovrà essere stato prestato unicamente in scuole secondarie statali.

Precari a quota 55mila
La questione docenti, non abilitati, con 36 mesi di servizio in cattedra è esplosa negli ultimi mesi. Parliamo di una platea di circa 55mila insegnanti precari, esclusi dalle procedure di stabilizzazione di questi anni proprio perché non in possesso dell’abilitazione. Ma che comunque sono chiamati lo stesso in cattedra ogni anno per la cronica carenza di docenti di ruolo.

Supplenze record
La soluzione normativa messa a punto dai tecnici del Miur non risolve subito il problema per tutti (a settembre, stime sindacali, parlano di un nuovo record di supplenze, tra le 150 e le 170mila unità); ma, se le nuove norme entreranno in vigore, si apre a un percorso graduale di stabilizzazione che andrà avanti nel tempo.

Come funzioneranno i due meccanismi
1)  Al concorso straordinario potranno partecipare i docenti con 36 mesi di servizio, anche non consecutivi, svolti tra il 2011/12 e il 2018/19 (vale a dire negli ultimi otto anni). Un anno si calcolerà in questo modo: 180 giorni di lezione complessivi, oppure insegnamento, senza soluzione di continuità, dal 1° febbraio fino al termine delle operazioni di scrutinio finale. Il servizio dovrà essere stato prestato unicamente in scuole secondarie statali. Il concorso è nazionale, ma organizzato a livello regionale (le graduatorie di merito valgono per tre anni). L’intera selezione è molto semplificata: uno scritto al pc, poi l’orale.

2) La seconda misura riguarda l’istituzione di percorsi abilitanti straordinari (Pas), anche in questo caso riservati al personale docente della scuola secondaria con una esperienza di servizio pari ad almeno tre anni negli ultimi otto.

Ai Pas potranno partecipare anche i dottori di ricerca; e chi non ha terminato procedure di abilitazione per maternità o ragioni di salute (per loro si prescinde dal requisito del servizio). Il numero dei posti attivabili da ciascun ateneo dovrà essere fissato dal Miur.

L’ottenimento dell’abilitazione consentirà a questi precari di partecipare anche ai prossimi concorsi ordinari (avranno una super valutazione dei titoli di servizio) e, in prospettiva, alle future immissioni in ruolo.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.