Kappa e Dalì, su spiaggia di Pioppi la tartaruga marina e il pesce mangia-rifiuti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Due inedite creature marine abitano da circa una settimana la spiaggia di Pioppi. Si tratta di Kappa e Dalì, rispettivamente una tartaruga marina e un pesce mangia-rifiuti, a cura del collettivo Refuse Factory.

L’opera è stata presentata al pubblico lo scorso 20 luglio, in occasione dell’inaugurazione del quarto Festival della Dieta Mediterranea di Pioppi, organizzato da Legambiente in collaborazione con il Comune di Pollica, il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni e la Regione Campania.

Kappa e Dalì sono due installazioni artistiche, pensate per sensibilizzare e coinvolgere in prima persona tutti coloro che si approcciano per la prima volta al tema del recupero e del riutilizzo di materiali di risulta. La loro funzione è quella di raccogliere materiali di scarto, quali sigarette esauste e plastica.

Le due opere di riciclo creativo sono state realizzate con materiali di risulta: la struttura con tondini di ferro, il rivestimento con rete metallica zincata a maglia esagonale e gli elementi decorativi con reti da pesca e rifiuti plastici.

«Siamo fieri di ospitare due creazioni dal valore sociale prima che artistico» commenta Valerio Calabrese, direttore del Museo e del Festival della Dieta Mediterranea «che intendono lanciare un messaggio forte e diretto sui danni dell’inquinamento marino e sull’importanza di ogni singolo comportamento virtuoso per contrastarlo».

La collaborazione con Refuse Factory si riconduce al tema dell’edizione 2019 del festival, “Cambiamenti”, che si declina, fra le altre cose, nella formulazione di idee e proposte per rendere il mondo più vivibile e sostenibile.

Inoltre, è in continuità con l’impegno degli organizzatori del festival per la tutela delle specie marine a rischio estinzione. Il Museo Vivo del Mare di Pioppi, infatti, ospita il Marine Turtle Centre, un centro di primo soccorso per le tartarughe marine, realizzato con i fondi del progetto europeo Tartalife e impegnato nel fare informazione sulla cattura accidentale e sulla nidificazione degli esemplari Caretta caretta.

Refuse Factory è un centro​ sperimentale di cooperazione e lavoro comunitario finalizzato al riuso e alla rigenerazione di materiali di scarto; un collettivo di ingegneri, architetti, artisti e upcyclers che ha unito le proprie forze ed esperienze per sensibilizzare alle problematiche ambientali, e in particolare al recupero e allo smaltimento etico dei rifiuti. La loro visione cerca di dare un nuovo significato e valore a quei materiali che sono solitamente visti come spazzatura e quindi scartati: loro li vedono infatti come risorse.

 

Per maggiori informazioni:

Valerio Calabrese, Direttore del Festival

Tel. 338/1556904

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.