Salerno: rancori personali alla base dell’omicidio di Ciro D’Onofrio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Per dare volti e nomi ai killer di Ciro D’Onofrio, i poliziotti della Mobile hanno rimestato l’intera mappa criminale legata allo spaccio di droga a Salerno. È così che Procura e Polizia incrociano le storie del 27enne Eugenio Siniscalchi, del padre Gaetano e del fratello all’epoca dei fatti minorenne.

Ma con l’aiuto di qualche con confidente- e nel silenzio omertoso di testimoni del delitto e degli stessi familiari di D’Onofrio- gli inquirenti intuiscono pure il ruolo di alcuni gregari, mettendo a segno lo scorso anno un duro colpo alle piazze di spaccio di Siniscalchi. Lo scrive Liratv.com

Finiscono sotto la lente in tanti, tra questi Lucia Rispoli madre di Siniscalchi e Gianluca De Filippis- detto il barbiere- il quale conferma subito non solo di spacciare per conto dei Siniscalchi ma anche di aver subito minacce di morte, se non avesse saldato un debito da mille euro per una partita di droga. Le assonanze con quanto emerso nel caso del delitto D’Onofrio sono notevoli.

Gli investigatori hanno a questo punto un ritratto compiuto della personalità violenta di Siniscalchi, captano i discorsi che altre figure di spicco della criminalità salernitana fanno sul suo conto (uno di questi è Ciro Persico), raccolgono le dichiarazioni di chi ha sentito lo stesso Siniscalchi vantarsi di un delitto, le discussioni avute con il padre Gaetano sui metodi da usare: «piuttosto che picchiare – diceva Eugenio- dobbiamo sparare».

Dalla base operativa tra San Mango e Castiglione del Genovesi, Siniscalchi voleva farsi strada a colpi della pistola semiautomatica che serviva per incutere terrore a pusher ed acquirenti e di minacce continue, complice lo stato di alterazione in cui spesso si trovava per abuso di droga o psicofarmaci.

In questo contesto, l’eliminazione plateale di Ciro D’Onofrio in Viale Kennedy a Pastena suona come un messaggio, ma non appare figlio di una strategia: i fratelli Siniscalchi lo uccidono con premeditazione ma non per un disegno preciso. Aveva sgarrato a parole e soldi, Ciro D’Onofrio, e questo è bastato per farlo fuori due anni fa.

Fonte LIRATV.com

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Ma questo siniscalchi non lo dipingete come un boss o serial killer .. questo è uno che dopo la puntata di Gomorra ha chiamato al cellulare il malcapitato di turno, ed è andato ad ucciderlo .. cioè uno fa a fare un omicidio con il cellulare e la moto propria? Questo è solo un matto che ha ammazzato una persona per vantarsi in mezzo al resto della spazzatura della nostra città, ma vi rendete conto? E poi 2 anni per rinchiuderlo? Con tanto di cellulare addosso, di telefonata e video della fuga con moto targata. Voleva fare Gennaro Savastano. Buttate le chiavi.

  2. Il discorso e’ sempre lo stesso…..purtroppo quando in una famiglia ….e parlo dei genitori…..si hanno principi di guapparia fine a se stesso…xche possono avere a che fare solo nel loro contesto…..x poter prevalere….questi sono i risultati…..vite rovinate…..il padre sara” contento….mo lo rispetteranno….il papa’ del boss….povera Italia…..rottami mentali…..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.