Ladri di bestiame fanno sparire 250 capre in una notte nel salernitano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un furto studiato nei minimi dettagli. Niente oro o denaro contante. Nessun appartamento da svaligiare dopo aver forzato la finestra. Stavolta i ladri, professionisti nel vero senso della parola, hanno preso di mira un allevamento e, nella notte tra domenica e lunedì scorso, hanno prelevato ben 250 animali dalle montagne di Scala. A scriverlo IlVescovado.it

A scoprire quanto accaduto, alle prime ore del mattino di ieri, il proprietario del bestiame, risalito verso Santa Maria dei Monti, a circa mille metri d’altitudine, per aprire il recintato e consentire il libero pascolo agli animali. Ma per Maurizio Mansi, 40 anni, tutti impiegati nella pastorizia, è stata una mattinata da incubo: il suo gregge sembrava essere spariti nel nulla. In preda all’ansia ha allertato i suoi parenti che lo hanno raggiunto sul posto: insieme hanno cercato di ricostruire il percorso degli animali nella notte.

Duecentocinquanta capi di bestiame che si muovono in contemporanea inevitabilmente lasciano tracce che li hanno condotti dal lato opposto del versante dei Lattari, ad Agerola. Stando alla ricostruzione dei Mansi, la transumanza si sarebbe conclusa sulla strada rotabile, nei pressi del traforo.

Con tutta probabilità gli animali sarebbero stati caricati a bordo di più automezzi. Con loro anche i cani pastore che hanno guidato il gregge nella notte. Il fatto è stato denunciato alla stazione dei Carabinieri di Pimonte che per le indagini potrebbero avvalersi delle immagini delle telecamere di videosorveglianza installate nella zona. Informati anche i Carabinieri della Stazione di Ravello.

Gli animali, provvisti di “bolo endoruminale”, il microchip con tutti i dati di riconoscimento, potrebbero essere individuati solo prima di un’eventuale macellazione clandestina. Per Marco Mansi e la sua famiglia un danno enorme se si pensa che quella della pastorizia era la loro prima fonte di reddito.

Non è la prima volta che sui monti di Scala si verificano episodi a danno di greggi: nell’ottobre del 2016 vennero rubate 12 capre in località Senite, nel novembre del 2012 avvelenate 12 pecore. Conseguenza di regolamenti di conti o inosservanze di regole di convivenza montana non scritte.

Fonte Il Vescovado.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.