Vicenza: dimesso due volte, muore bimbo di 3 anni. Indagato medico

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un bambino di 3 anni è morto a Valli del Pasubio (Vicenza) dopo essere stato ricoverato due volte in ospedale. Il piccolo aveva dei forti dolori alla pancia. Per due volte è stato portato in ospedale ed è sempre stato dimesso. Nella notte di lunedì il piccolo è deceduto. I genitori: “Nessun esame, gli hanno prescritto solo acqua e zucchero”. Solo al secondo ricovero si sono accorti che il bimbo era diabetico. Indagato il medico.

“Solo acqua e zucchero” – Giulio Cortiana era un bimbo sano come la maggior parte dei suoi coetanei. “Lunedì mattina stava bene”, racconta la mamma Erica al Corriere della Sera, “poi all’una ha cominciato ad accusare dolori alla pancia”. E di conseguenza la prima corsa in ospedale. Al pronto soccorso del nosocomio di Santorso (Vicenza), Giulio arriva molto debilitato. “Il medico lo ha visto pallido, ci ha detto che era disidratato e che sarebbe bastata un po’ di acqua e zucchero”. Giulio aveva la febbre e per questo gli era stata data della tachipirina. Nessun esame del sangue.

Aveva il diabete, nessuno se n’è accorto – Poi il ritorno a casa per la famiglia Cortiana ma la situazione non migliora e così il ritorno nella notte in ospedale, questa volta vengono fatti gli esami ematici e arriva la sentenza: diabete. Ma per Giulio ormai è tardi, il suo sangue è troppo denso e muore poco dopo. “Non sappiamo niente – dice papà Luca, che non accusa nessuno ma vuole la verità -. Una cosa possiamo dirla: avrebbero potuto fare qualche esame in più, magari così sarebbe emerso qualche valore fuori scala, qualche campanello d’allarme”.

Per l’ospedale ha parlato il primario di pediatria, il professor Massimo Scollo: “Quando muore un bambino è sempre difficile gestire le emozioni”. La procura ha disposto il sequestro della cartella medica e iscritto, come di prassi, nel registro degli indagati il medico del secondo ricovero. Bisognerà capire se qualcuno ha sbagliato, se Giulio avrebbe potuto salvarsi.

Fonte TGCom

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.