Celiachia: una vera epidemia, in Campania sono quasi 20 mila. Dati e ricerca

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Celiachia: tra Studio, Ricerca e dati. L’importante e attuale problematica sarà affrontata durante il Convegno scientifico internazionale “Food as Medicine: Dietary Intervention in Disease Treatment” in programma per il 9 settembre prossimo a Salerno, presso la Fondazione Ebris.

La dottoressa Maureen M. Leonard (MD, MMScClinicalDirector, Center for Celiac Research & Treatment – Instructor, Harvard Medical School/Department of Pediatrics) interverrà sul tema: “Celiac disease and the microbiome” offrendo così alla titolata platea la possibilità di confrontarsi e discutere sulle possibili cause di una malattia sempre più in aumento.

E lo dicono i dati, quelli ufficiali (fonte Ministero della Salute. Report presentato in Parlamento il 18 gennaio 2019. Dati: anno 2017).

La celiachia – malattia causata da una intolleranza al glutine che provoca atrofia dei villi intestinali ed è caratterizzata da diarrea cronica e rallentamento della crescita (è conosciuta anche come malattia celiaca o morbo celiaco ) – colpisce oltre 200mila italiani.

In Campania i celiaci sono quasi 20mila. Le diagnosi dal 2012 al 2017 registrano un incremento di circa 5mila persone.

Nel dettaglio:

·         2012: 14mila

·         2013: 15mila

·         2014: 15mila

·         2015:17mila

·         2016: 18mila

·         2017: 20mila

La fascia di età più colpita è quella tra i 19-40 anni (8mila persone).

“La celiachia è una vera e propria epidemia – esordisce il professore Alessio Fasano (presidente della Fondazione Ebris. Guida il reparto di Gastroenterologia Pediatrica e Nutrizione al Massachusetts General Hospital di Boston della Harvard Medical School). Abbiamo visto la malattia celiaca raddoppiare ogni 15 anni.

Ciò significa che certo la predisposizione conta, ma questa è una condizione necessaria, ma non sufficiente. Un’altra cosa deve essere allora inclusa nel quadro generale del problema. Personalmente, credo che sia un cambiamento nella composizione del microbioma il che potrebbe essere un’ulteriore causa che incrina la salute e predispone alla malattia”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Complimenti al professore che usa impropriamente il vocabolo “epidemia” che è associato a malattie contagiose.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.