In fiamme azienda di rifiuti tra Eboli e Battipaglia: allarme e paura

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Un vasto incendio ha avvolto una azienda di rifiuti speciali tra Eboli e Battipaglia. Le fiamme – secondo Zerottonove.it – si sarebbero propogate dalle steppaglie, per poi arrivare fino alle ecoballe. Nonostante la presenza di Vigili del Fuoco e Protezione Civile, risulta difficile domare le fiamme in breve tempo.

I cittadini preoccupati dalla densa nuvola di fumo nero che si sta alzando sulle due città hanno immediatamente allertato i soccorsi.  Durissimo il commento del sindaco di Eboli Cariello: Ennesimo incendio collegato con la gestione privata dei rifiuti, che  allarma una parte del territorio ebolitano, penalizzando e minacciando  abitazioni e residenti.

VIDEO BATTIPAGLIA 1929

Il sindaco di Battipaglia Cecilia Francese sul suo profilo facebook scrive: «Un atto irresponsabile da parte del privato che quest’amministrazione non esiterà a denunciare. Il Comune ha messo in campo ogni azione preventiva affinché questo non accadesse. È possibile, infatti, reperire sul sito l’ordinanza di smaltimento e bonifica in danno al privato.

A giugno il soggetto responsabile New Regeneral Plast, dopo diversi cambi di proprietà, ha chiesto un’ulteriore proroga, che è stata diniegata dagli uffici per rimuovere i rifiuti immediatamente avviando contestualmente la procedura art. 242 del codice dell’ambiente con trasferimento per competenza alla Provincia e Regione affinché venissero attuate immediatamente misure di prevenzione, di ripristino o di bonifica.

“Avevamo già messo in campo quanto necessario. È grave che un privato investito di responsabilità non dia seguito e ci costringa a ricorrere a Provincia e Regione. Ora basta va fermata la cattiva gestione, abbiamo fatto tempo fa gli atti dovuti verso questa azienda e procederemo con le denunce” dichiara il sindaco di Battipaglia Cecilia Francese.

Al fianco degli ebolitani il sindaco di Eboli,  Massimo Cariello, impegnato nella salvaguardia del territorio e  dell’ambiente e nella tutela della salute pubblica. Il primo cittadino
chiede garanzie, controlli, provvedimenti drastici e definitivi. «Si  tratta del quarto incendio, nel giro di un solo anno, che si sviluppa  all’interno della gestione privata dei rifiuti nel Comune di Battipaglia  – attacca con fermezza il sindaco di Eboli -.

I cittadini ebolitani sono  allarmati ed io con loro, perché questi incendi stanno determinando un  enorme danno soprattutto alle nostre colture agricole ed a tante  abitazioni private sul territorio comunale. Chiedo ufficialmente al  Comune di Battipaglia se in questo ultimo anno, visti i tanti e  pericolosi incendi registrati, abbia operato interventi.

Se, inoltre,  siano stati fatti dei controlli e quali siano i risultati. Il pericolo  potenziale è evidente, la preoccupazione dei cittadini è concreta,  invito ufficialmente le autorità competenti ad intervenire urgentemente.

Un danno del genere è inaccettabile, occorre controllare gestioni e  flussi dei rifiuti, l’ambiente e la salute dei cittadini non possono  essere penalizzati da un mancato controllo del territorio, chiediamo  chiarezza».

L’Amministrazione comunale di Eboli si è attivata  immediatamente. «Insieme con il sindaco – dice l’assessore all’ambiente,  Emilio Masala – abbiamo effettuato un primo sopralluogo. Siamo rimasti  allibiti, si sta verificando inquinamento vasto e danno enorme  sull’intera Piana del Sele, è una vera emergenza di cui i cittadini sono  vittime».

VIDEO MICHELE CAMMARANO

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Non sarebbe il caso di usare qualche elicottero, o un Canadair, anziché lasciar bruciare tutto quel materiale tentando di spegnerlo con le autopompe?

  2. I volontari della protezione civile dovrebbero essere allontanati dal sito. Non sono equipaggiati, ne formati, ne protetti per questi incendi, ma soprattutto non risponde ai loro compiti e non sono assicurati per questi eventi.

  3. L’antimafia sta perdendo tempo nessuno indaga su questi roghi solo frottole qui oltre agli autotrasportatori di rifiuti c’è di mezzo la politica viviamo in un paese di merda abbiamo aziende di riciclo rifiuti mq ci sono anche aziende di trasporti del materiale nelle mani di delinquenti nessuno fa niente nel frattempo gli impianti seri non vengono costruiti parlo dei termovalorizzatori per via del partito dei noi in combutta con questi signori riciclatori o presunti trasportatori politici e che più ne metta siamo nel merda totale su questo tema

  4. Purtroppo battipaglia non si ribella .non e la prima volta che succede m conoscendo i .battipagliaesi domani e un altro giorno.non gli ne po frega na ceppa . Ridicoli

  5. Tutti i cittadini di Battipaglia, Eboli, bellizzi, e tutti i cittadini di Salerno e provincia dovrebbero e bobbiamo iniziare a scendere seriamente in piazza per far sentire la nostra voce… Prima possibile altrimenti faremo la fine dei condannati a morte prima del tempo… Che brutta fine grazie a questa politica di merda dx, sx, centro.. . Ecc ecc

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.