Le feste in casa dei ragazzi dai 14 anni ai 22 dal 1960 al 1975

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Le feste erano tutte concentrate al sabato e si facevano per festeggiare un avvenimento . Nell’ ambito della casa si sceglieva l ‘ ambiente giusto e quasi sempre la scelta cadeva sul salone o la camera più grande .

Il festeggiato cambiava l ‘ elegante disposizione della sala scelta , si spostavano poltrone, divani, sedie e tavoli. I tappeti, tolti, arrotolati e nascosti sotto i divani. La nuova disposizione prevedeva un allineamento perimetrale di sedie e divani da lasciare lo spazio libero al centro destinato al ballo . Ballavano tutti, le bruttine nei balli lenti facevano da tappezzeria.

Il tavolo grande veniva accantonato in un angolo e la mamma preparava la tovaglia,bianca ed elegante, dove si sarebbero appoggiati in un determinato momento della serata tartine, pizzette, rustici e coca cola .

Il televisore era sempre presente ma rigorosamente spento. In un angolo il giradischi con il braccio e tanti dischi quasi tutti 45 giri. La serata incominciava alle 18,30 e terminava alle 22,30

Le prime a giungere erano sempre le ragazze che da subito si facevano indicare il bagno per gli ultimi ritocchi al vestito , ai capelli e al trucco.

Durante la festa era proibito per ordine del festeggiato l’ ingresso ai genitori, nonni e cani e mal si sopportava la presenza dell’ immancabile fratello più piccolo che voleva parlare solo di ” pallone” con gli ospiti. Alla mamma era consentita la presenza per la torta e pizzette varie.

Durante la festa si alternavano, un gruppo di balli lenti agli svelti. I 15 anni di successi dal 60 al 75 furono tutti ballati, da Edoardo Vianello fino ai Delirium .

Il ballo lento aveva un suo significato e il suo risultato veniva deciso da come la coppia si disponeva all’ abbraccio. Il balcone della sala era fondamentale per decisioni immediate da prendere : mi fidanzo ? Lo bacio , ci parlo o ci penso.

Con la meta ‘ degli anni ’70 tutto finisce , il costume cambia e le feste, le belle feste a casa rimangono un ricordo un dolce ricordo di una Salerno e una Italia che non c’ e’ più . A proposito dopo la festa scattava l’ appuntamento del gruppo maschile per la domenica , Varese, Nettuno, Cannavale, Tafuri la mattina , Vestuti il pomeriggio. Dal Gobbetto pizza e birra 350 la sera, se vivevi al Torrione dal grande pizzaiolo ‘ o muto.

di Adolfo Gravagnuolo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.