Si suicida in cella Jeffrey Epstein, miliardario accusato di abusi su minori

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Jeffrey Epstein si è tolto la vita in cella. Ne dà notizia L’Abc. Il ricco finanziere americano, accusato di abusi sessuali su minori, aveva già tentato di togliersi la vita meno di un mese fa. Il miliardario, un tempo amico del presidente Donald Trump e dell’ex presidente Bill Clinton, oltre che del principe Andrea, era accusato di traffico e sfruttamento sessuale di ragazze minorenni tra il 2002 e il 2005 nelle sue case di Manhattan e Florida.

Il «Lolita Express»

Il caso Epstein era emerso all’inizio di luglio, quando nella cassaforte del suo attico di Manhattan erano stati scoperti dvd di foto di ragazze minorenni giovanissime. Al punto che la Procura di New York lo aveva messo in carcere, con una serie di accuse che possono portare a una condanna fino a 45 anni di cella. Dal 2002 al 2005, oltre a divertirsi con Donald Trump e a scorazzare Bill Clinton sul suo aereo, Epstein, nato a Brooklyn 66 anni fa, adescava ragazzine a centinaia, tutte minorenni.

Le portava nella sua casa di New York, a un isolato da Central Park oppure nella residenza invernale di Palm Beach, in Florida. All’inizio si faceva massaggiare, «poi le molestava e le abusava sessualmente». Alla fine della prestazioni buttava lì cento-duecento dollari e convinceva le sue vittime a reclutare altre adolescenti, per ripartire con un nuovo giro di soprusi.

L’accordo con Acosta

Nel 2008 l’uomo d’affari fu incriminato per violenza sessuale in Florida, ma se la cavò con un patteggiamento a 15 mesi, trascorsi, con grande agio in un penitenziario. L’accordo per evitare il processo fu gestito dall’allora procuratore Alexander Acosta, costretto — dopo la rivelazione dell’intesa con Epstein — a lasciare il posto di ministro del Lavoro nell’amministrazione Trump. Lunedì 7 luglio Epstein si era dichiarato «non colpevole», sostenendo di aver «intrattenuto relazioni consenzienti» con persone che pensava fossero maggiorenni.

Fonte Corriere.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.