Crisi Governo: Conte da Matterella per dimissioni. E ora che succede?

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
15
Stampa
Entra alle 15 tra gli applausi nell’Aula presieduta da Maria Elisabetta Alberti Casellati. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte stringe le mani a tutti, anche con Matteo Salvini con cui scambia poche (e segrete) parole. Poi il premier prende la parola, parla fino alle 15,58. E attacca duramente il vicepremier leghista più volte interrotto dalle proteste dei leghisti, dagli applausi ironici di FI, da applausi di sostegno, vere e proprie “tifoserie” come le ha definite Casellati.

Al termine del suo discorso, il presidente del Consiglio conclude con l’annuncio delle dimissioni: “Il governo finisce qui”. L’attacco alla Lega e a Salvini è durissimo. Il ministro dell’Interno prende la parola. Dopo aver precisato “rifarei tutto quello che ho fatto”, si dice disponibile a votare la legge sul taglio dei parlamentari e, poi, la manovra. A quel punto la Lega fa sapere di aver ritirato la mozione di sfiducia presentata contro Conte.

Ma il premier è irremovibile, e, nella replica, gela il vicepremier leghista: “La crisi porta la firma di Salvini. Se gli manca il coraggio politico, me lo assumo io davanti al Paese che ci sta guardando”. Concluso il dibattito a Palazzo Madama, il presidente del Consiglio è salito al Colle per presentare le sue dimissioni che vengono ufficializzate poco dopo le 21. Le consultazioni cominceranno domani alle 16. Giovedì alle 11 il capo dello Stato incontrerà il Pd, alle 16 la Lega e alle 17 il M5S.

Conte a Salvini: “Il governo finisce qui”

“Caro ministro, caro Matteo, se vuoi la crisi ritira i ministri”, dice con fermezza Conte. “Dissi che sarei stato l’avvocato del popolo, per questo l’azione di governo finisce qui, andrò dal presidente della Repubblica per rassegnare le mie dimissioni da presidente del Consiglio”. Poi l’affondo sul piano personale: “Evita di accostare slogan politici a simboli religiosi, l’incoscienza religiosa rischia di offendere credenti e oscurare il principio di laicità”. Il vicepremier replica alzando le spalle e allargando le braccia.

Amici della Lega, avete tentato di comunicare l’idea del governo dei No e, così, avete macchiato 14 mesi di intensa attività di governo pur di alimentare questa grancassa mediatica. Così, avete offeso non solo il mio impegno personale, e passi, ma anche la costante dedizione dei ministri”. “Hai invocato le piazze e chiesto poteri, la tua concezione preoccupa”. Non abbiamo bisogno di uomini con pieni poteri, ma con senso delle istituzioni”. “Matteo, non hai dimostrato cultura delle regole”.

La Lega e la Russia. Poi l’attacco per i rapporti Salvini-Putin: “La vicenda russa meritava di essere chiarita anche per i risvolti sul piano internazionale, dovevi venire in Senato. ti sei rifiutato di condividere la informazioni”.

Salvini e il governo. “La verità è che all’indomani delle Europee Salvini, forte del suo risultato, ha messo in atto una operazione di progressivo distacco dalla compagine governativa, al fine di trovare un pretesto per arrivare alla crisi e andare alle urne”. “Con le interferenze sui ministri hai minato l’azione di governo”. “In coincidenza dei più importanti Consigli europei non sei riuscito a contenere la foga comunicativa creando un controcanto politico che ha generato confusione”.

Conte: “Salvini ha seguito interessi personali”

“Gentile presidente, gentili senatrici, gentili senatori – è l’incipit del discorso del premier -ho chiesto di intervenire per riferire sulla crisi di governo innescata dal leader di una delle forze di maggioranza. Ho sempre sostenuto che in caso di interruzione anticipata di governo, sarei tornato qui, sede istituzionale dove ho raccolto la fiducia. Siamo al cospetto di una situazione grave della crisi che comporta conseguenze per la vita del Paese. Avete offeso la realtà dei fatti”.

Conte attacca Salvini e lui bisbiglia: “Qui ti sbagli amico mio”

Il rischio dell’esercizio provvisorio è altamente probabile”. Conte è interrotto dalle proteste dei senatori leghisti quando dice “il ministro dell’Interno ha seguito interessi personali e di partito”. “È irresponsabile far votare ogni anno”. Protesta dei senatori leghisti per le parole del premier Giuseppe Conte contro Matteo Salvini e il suo partito.

Ma il vicepremier, seduto sui banchi del governo accanto a Conte – dall’altro lato è seduto Luigi Di Maio – fa cenno ai suoi di ‘calmarsi’ con una mano, poi congiunge i palmi come in segno di preghiera e infine fa il segno del pollice, sempre rivolto ai leghisti. “Il nuovo governo avrebbe difficoltà nel contrastare l’aumento dell’iva e sarebbe esposto agli sbalzi dello spread”.

Conte critica poi Salvini anche sull’uso di simboli religiosi nei suoi comizi: “Sono episodi di incoscienza religiosa che rischiano di offendere il sentimento dei credenti e di oscurare il principio di laicità, tratto fondamentale dello stato moderno”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

15 COMMENTI

  1. Ho sentito il discorso di Salvini……..che dire..un discorso da bar,non da vero statista….

  2. Rifarei tutto e dopo un’ora ritira la sfiducia?.Confermo, sto tizio non sta bene,ma davvero!

  3. Secondo me ,anche l’ottuagenario Berlusconi ha capito che costui è proprio un pisellone.Sono sicuro che fonderà un partito di centro con Renzi,favorirà l’appoggio esterno,perché molti peones berlusconiani hanno paura di perdere il posto,e farà fuori definitivamente il capitone,come successo con Fini

  4. Conte ha dimostrato di essere un vero politico come da decenni l’Italia non ne aveva. Discorso coerente,accessibile a tutti,sensato,tremendamente ricco di significati e assolutamente inappellabile. Vi invito anzi vi prego,ascoltate il suo discorso e avrete chiaro il quadro politico attuale..Salvini viene demolito senza alcuna calunnia,ma semplicemente raccontando il suo operato e il suo essere politico in questi 14mesi. Per la prima volta sono stato fiero di avere quell’uomo, quel politico a rappresentare la mia nazione e la mia persona in Italia,ma soprattutto all’estero.

  5. A me il discorso di Conte è sembrato quello di un bambino capriccioso che dice tutto alla maestra. Se Salvini non gli stava bene poteva dirlo anche prima e non aspettare che si bisticciassero per il giocattolino rotto. Salvini, per me, è molto discutibile per modi e comportamenti ma è molto concreto, fa quello che promette ed è dalla parte del popolo non delle caste. Come tutti i comuni mortali commette degli errori ed il suo errore è stato quello di allearsi con i 5STELLE. Se in passato ha speso qualche parola contro i meridionali un po’ di ragione l’aveva. Dalle nostre parti, anche per colpa delle nostre mentalità e per lo schifo di politicanti che ci ritroviamo, vige il degrado, la mancanza di professionalità, un altissimo livello di clientelismo, una corsa al potere per scopi privati. Basta con figlioletti raccomandati ed imposti con atteggiamenti camorristici. Basta con favoritismi a figli ed appartenenti alla casta. Basta.

  6. Pisellone m’è piaciuto, ma pisellone s’è tolto davanti due problemi enormi: il primo è la flat tax che avrebbe messo in ginocchio tutti i poveri e semi-poveri dei paese, a favore dei ricchi e ricchissimi (peraltro tutti del Nord). La cosa in breve tempo sarebbe diventata insostenibile. Il secondo è l’aumento dell’IVA. Poi, non dimentichiamoci che pisellone è morto proprio alle europee quando solo noi fessi e pochi altri lo abbiamo votato: i sovranisti in europa hanno straperso e con questo ci siamo isolati a parlare a vanvera di negri, sbarchi e altre robe certamente importanti ma sicuramente non fondamentali per la tenuta dei conti, tant’è che questi hanno bruciato miliardi in borsa come fossero noccioline in tre giorni.

  7. Ah, certo, il Nord fondato su tangenti e “consulenze” è l’Eden. Salernità, questi si sono fatti fare le infrastrutture per 100 anni e a noi ci hanno lasciato col cappello in mano ad elemosinare centesimi, mentre mandavano allegramente i nostri parenti a pagare tasse e a lavorare da loro. Il paese è decisamente nord-centrico. E’ del tutto ovvio che se se ne vanno tutti, qua ti resta chi amministra poteri e potericchi locali, ma come effetto collaterale prima che come problema di mentalità.

  8. La gente non ragiona,pensava che ,per caso,parlando solo di immigrati miglioravano le nostre condizioni economiche?Soprattutto al sud?.Stavamo e stiamo precipitando in burrone le cui conseguenze sono inimmaginabili.La colpa è di chi ha votato questi fenomeni da baraccone e mi ci metto anche io.Una vera destra moderata non può sostenere simili personaggi

  9. Immigrazione :Salvini pensava che bloccando quattro barconi bloccava il flusso migratorio da solo?È un fenomeno epocale dove solo con un’azione concertata con tutti i paesi europei poteva sperare di”poter”regolare il fenomeno. Che ha fatto?…Si è isolato ,ha aizzato gli animi,gli sbarchi sono continuati,non ha rimpatriato i 600000 clandestini come promesso ,mentre l’economia va a rotoli.
    Un’altra consideraziione:lo sa chi sono i lavoratori che prestano la loro opera ,per esempio,nelle concerie del nord est?…sono tutti immigrati ,visto che lavoro nel terziario,in quanto i figli dei piccoli imprenditori sono tutti laureati e non vogliono sporcarsi le mani nelle loro fabbrichette.Nei campi del sud chi si trova a lavorare se non immigrati irregolari ,pagati 4 soldi e in nero?…Per me Salvini è politicamente finito

  10. Caro Giuseppe cerca di essere più realista.Per me è il sud che ha fallito incapace di reaggire e come tale subbirà tutti gli effetti negativi degli sbarchi clandestini.

  11. Ma voi veramente volete sapere adesso che succede?

    Succede che avete trascorso un anno bellissimo, come dice l’ex pappagallo del consiglio, e adesso dovete pagare il conto.

    E lo pagherete tutto.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.