Prima vittima per il fumo della sigaretta elettronica: è americano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
È ufficiale: gli Stati Uniti hanno registrato la loro prima vittima da fumo di sigaretta elettronica. Si tratta di un paziente deceduto in Illinois, dopo aver sviluppato una malattia respiratoria di elevata importanza.

Il decesso è avvenuto tra il 21 e il 23 agosto e riguarda una persona, l’identità non è stata resa nota, che era affetta da una condizione respiratoria severa e non chiaramente diagnosticata. Spesso infatti a rendere difficile la diagnosi tempestiva della patologia derivante da “svapo”, ovvero dal consumo di “e-cigarette”, sono i sintomi comuni ad altre malattie. Le manifestazioni vengono infatti scambiate per polmonite, ma poi non migliorano nemmeno con la somministrazione di antibiotici o altri farmaci mirati.

l primo sintomo è l’affanno, il respiro che diventa difficile, un senso di oppressione che grava sul petto. Poi arriva la tosse, la fatica appesantisce le membra, e delle fitte di dolore attraversano il torace. Qualcuno ha sperimentato vomito e diarrea, tutti sono corsi al più vicino pronto soccorso in cerca di aiuto.

L’INCHIESTA «Questa tragica morte in Illinois rafforza i seri rischi associati ai prodotti di sigarette elettroniche», afferma Robert Redfield, direttore del Center for desease control (Cdc). «Siamo rattristati dalla notizia della prima morte correlata a una grave malattia polmonare per chi usa sigarette elettroniche».

Il centro per il controllo delle malattie di Atlanta ha iniziato a prendere sul serio la minaccia che i giovani statunitensi hanno già imparato a temere: l’uso delle vape, le sigarette elettroniche, e più ancora dei composti in commercio che vengono bruciati al loro interno, sta diventando pericoloso e potenzialmente mortale.

L’inchiesta appena aperta dal Cdc ha raccolto 193 casi in 22 stati degli Usa, non tutti ancora confermati e associati alla stessa casistica, ma molto simili nella dinamica che ha portato gli svapatori a cercare l’aiuto di personale medico.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Subito a colpevolizzare lo svapo che malapena ha 4 sostanze che vengono inalate anziche un centinaio dei quelle nocive contenute nelle sigarette. Il punto è chiaro 193 casi in 22 stati d’America. SOLO li questo è il punto hanno svapato dei liquidi nocivi che se contenevano tossine di qualche genere hanno portato ovviamente a problemi gravi anche in breve termine. Se poi ci aggiungiamo che questi svapatori fumavano con il cosidetto tiro di polmone signigfica che ad ogni tiro inalavano dai 5 ai 9 litri di aria compromessa da queste tossine. Non è difficile capire che la lobby dei tabaccai ha colpito ancora una volta. Non dimenticate che i produttori di tabacco hanno perso miliardi di dollari per colpa dello svapo. Non dimenticate che il denaro e il potere spingono l’aria solo nella direzione che vogliono loro e noi respiriamo l’aria che loro decidono di farci respirare! Haimè!

  2. informatevi prima di scrivere….è come dire che uno è morto di overdose per colpa della siringa….queste persone hanno avuto problemi usando oli estratti di thc…estratti con butano ed altre sostanze….informatevi

  3. Le sigarette o le e-sigarette dovrebbero mettersele dove non batte il sole. Non hanno rispetto per nessuno e fumano ovunque. Gente da niente.

  4. Ma vi siete chiesti intanto che moriva questa persona (forse)per aver fumato sigarette elettroniche quante migliaia di altre sono morte per aver fumato quelle vere? È proprio vero che quando il dito indica la luna l’imbecille guarda il dito…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.