Vanno a 13 anni in gita scolastica, tornano incinte in sette

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Partono in ventotto per la gita scolastica e tornano in trentacinque. In Bosnia, sette ragazzine tra i 13 e i 15 anni in gita con la scuola a Sarajevo sono rimaste incinte durante il viaggio d’istruzione con la capitale.

Naturalmente la scuola è finita nella bufera per il mancato controllo sugli studenti, ma l’episodio, stando a quanto riportano i media serbi, sarebbe indicativo di un problema rilevante: quello della carente educazione sessuale degli adolescenti e dei preadolescenti.

In Serbia, il numero delle ragazzine tredicenni sessualmente attivo sarebbe in crescita da anni, come ha ammesso anche il Coordinatore nazionale per la salute riproduttiva della Repubblica serba, Nenad Babici. In merito all’episodio della gita scolastica, però, Babici ha spiegato che la colpa, se di colpa si può parlare, non è delle insegnanti, ma delle istituzioni e delle famiglie, che sarebbero state negligenti nell’educazione delle ragazzine.

“Noi adulti non possiamo continuare a permettere che i nostri figli ricevano informazioni sul sesso in strada e non a scuola, lasciando che poi la vita li colpisca duramente – spiega
il ginecologo di Sarajevo Senad Mehmedbasic – Dobbiamo essere più diretti nell’educazione sessuale dei ragazzi, istituti scolastici e genitori dovrebbero svolgere un ruolo più forte. È ovvio che a quell’età i bambini non abbiano nozioni sufficienti in materia: di conseguenza cominciano ad avere rapporti senza capirne le possibili conseguenze.”

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. I nostri giovani sono a digiuno su due aspetti salienti della nostra società, e cioè sugli effetti (che includono la sfera della sessualità), e come è organizzata la società in tema di partecipazione alla vita politica e programmazione sul territorio (quali infrastrutture occorrono, quanto costano, quali servizi essenziali, chi paga, ecc). Le famiglie temono a scuola che si parli di affetti (e sessualità) immaginando chissà quali fatti scabrosi. Va a finire che i ragazzi imparano per strada o dai film porno su internet e spesso capiscono una cosa per un’altra. La scuola poco se ne occupa temendo le reazioni delle famiglie, e si va avanti così a tentoni, come in passato.

  2. La colpa è dei ragazzi..all’uscita il prof gli aveva detto mettetevi il cappello….hanno frainteso

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.