Governo, Di Maio gela il PD: “O si fa come dico io o si va al voto”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
29
Stampa
Luigi Di Maio non molla. Quello che doveva essere il colloquio più cordiale della giornata di consultazioni a Montecitorio, cioè quello tra il premier incaricato e l’uomo che ha imposto proprio Giuseppe Conte al Partito Democratico per trattare una nuova maggioranza di Governo, si è trasformato a sorpresa in una bomba a orologeria.

Il capo politico del Movimento 5 Stelle è tornato a ribadire un concetto molto chiaro, già espresso nei giorni scorsi ma che sembrava superato: «O si fa come dico io, o si va al voto». Semplice: è il M5S a dettare le regole, altrimenti non se ne fa nulla. E le regole non sono più i 10 punti elencati alla fine delle consultazioni al Quirinale ma sono raddoppiate: ora sono diventate queste 20. «Ma sono sicuro – ha commentato Di Maio – che il premier saprà fare una sintesi».

Va bene che fa ancora caldo, ma una doccia così gelata non è stata gradita né da Conte né dal Pd. Il presidente del Consiglio incaricato aveva detto in giornata che sarebbe stato lui a decidere l’impostazione del nuovo Esecutivo. Forse per questo Di Maio ha tenuto a ribadire chi è che comanda. E a chi chiede a Conte un parere sulle parole del leader pentastellato, lui risponde: “Discorso duro di Di Maio? Non l’ho sentito”.

Dal Nazareno, le perplessità sono arrivate nell’arco di pochi secondi. Il capogruppo alla Camera, Graziano Delrio, parla di «ultimatum inaccettabile a Conte». Il vicesegretario Paola De Micheli non capisce «questo incomprensibile gioco dell’oca di Di Maio». E il deputato piddino Luigi Marattin è ancora più esplicito: «Mi piacerebbe sapere – ha scritto su Twitter – con che faccia chi ha portato l’Italia a crescita zero si permette di lanciare ultimatum e minacce a chi finora ha tenuto un comportamento leale e responsabile nell’interesse del Paese. Forse un bel bagno di realtà farebbe bene a tutti».

A confermare che le acque sono tutt’altro che tranquille, il capogruppo al Senato del Movimento 5 Stelle, Stefano Patuanelli: «Non c’è certezza al 100% che questo Governo si faccia».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

29 COMMENTI

  1. Nel vostro accordo non ci dovrà essere né De Luca e né renzi devono scomparire dalla scena politica altrimenti in caso di votazioni io non voterò

  2. Il danno è fatto caro Gigino. O ti suicidi col PD o vai alle urne e ti suicidi lo stesso. Dovevi rinegoziare con Salvini, era evidente.

  3. BRAVO DI MAIO FAI IL GOVERNO E COMANDA TU COME HAI FATTO PER LA SCELTA DEL PREMIER FANNO SEMBRARE CHE SONO DURI NEL PD MA TI VENDONO ANCHE LA MAMMA PUR DI RIMANERE AL GOVERNO. RIBADISCO CHE L’ALLEANZA ERA OBBLIGATORIA IN QUANTO SE ANDAVAMO NUOVAMENTE ALLE ELEZIONI GRAZIE ALLA LEGGE ELETTORALE LADRUNCOLA CHE HANNO FATTO AL GOVERNO NESSUNO POTEVA GOVERNARE. QUINDI CARI CONTESTATORI SE PROTESTATE SIGNIFICA CHE NON CAPITE NIENTE FORSE SOLO DI PALLONE… ARGOMENTAZIONE DI FORTE INTERESSE A SALERNO…

  4. Vai di maio continua così vai tranquillo che la maggior parte degli utenti di Salerno notizie hanno la quinta elementare nullafacenti o fanno parte della gente che vive grazie alla famiglia DeLuca quindi i loro commenti non servono!

  5. Come agg sempr ritt..gigetto è l’altra faccia della stessa medaglia di Salvini ,poltronista e subdolo come lui…Conte o Grillo comunque u manderann a f….lo molto presto!

  6. Giggino sei finito!!o si va alle elezioni o si fa il governo ti sei segato da solo come il prode,degradato,caporale!

  7. Non hai capito un cazzo caro Luigi Di Maio,il decreto sicurezza te lo voti tu e quelli come te,cioè i legaioli!

  8. Stiamo precipitando,fra un po’ faremo le fila ai bancomat e sto squallido pensa a come conservare la poltrona,altro che ideali o programmi

  9. Di Maio tu non decidi proprio niente, bisogna tornare a votare che siamo la barzelletta d Europa, anzi del mondo;il voto del popolo non conta nulla;ci vogliono i gilett gialli anche in Italia;gli italiani sono assopiti, dormono, sono stupidi!
    Io voglio e pretendo di andare a votare di nuovo, perché questa prepotenza ed arroganza di “apparare” un nuovo governicchio proprio non mi va bene.
    Ma poi il Pd se non sbaglio è stato bocciato dal popolo, perché dovrebbe ritornare a governare il paese? Inoltre sarebbe composto da personaggi “molto benvoluti” dagli italiani : Del Rio che va sulle Ong fingendosi un samaritano(però per gli extracomunitari-business), Martina che è buono a fare da controfigura a Lerch della famiglia Addams, Franceschini e poi Renzi che diede la sua parola d’onore che se bocciato alle urne si sarebbe ritirato, e poi i vari Boschi, BoldrinA. …..
    Ripeto : se saranno eletti dal popolo va bene, ma è il momento di dire basta a questi giochetti.
    Italia e italiani svegliatevi vi prego

  10. Ha fatto benissimo, perché sono ancora il partito di maggioranza relativa.Quando il PD prendera’ il 34℅ decideranno loro cosa fare.

  11. Che ciofeca di persona,si nasconde dietro i punti programmatici per soddisfare la sua sete di poltronismo

  12. Il PD, pur di non andare al voto, farebbe qualsiasi cosa. Addirittura ora che ha la possibilità di andare al governo, con il regalo fattogli da Salvini, e di non perdere le poltrone, stanno gongolano. Zingaretti, con la zeppola sempre in bocca, non crede ai suoi occhi e pende dalle labbra dei 5stelle che, fino a qualche ora fa, erano il peggior nemico. Renzi ha ricacciato la testa fuori dal sacco, nonostante che, poco più di un anno fa, gli italiani gli abbiano fatto notare il suo fallimento. Noi Salernitani non ci meravigliamo di questo schifo, di questa mancanza di dignità e di coerenza. Siamo abituati da decenni alla politica politicante fatta per scopi personali. Basta con favoritismi a figli ed appartenenti alla casta.

  13. Andiamo a votare, ma tu i due mandati te li sei giocati e quindi prossimo giro a casa. Scommetto che troverá una scusa per bypassare questa norma che era un caposaldo del movimento. Quindici mesi di governo li ha fatti, pertanto il secondo mandato è valido.

  14. La verità è che se riesce a fare quello che vuole come ha fatto il reddito (abbiamo abolito la povertà) stamm verament nguiat pegg e prim… Cmq fate quello che vi pare ma fate qualcosa per evitare l’aumento dell’Iva e poi alle urne, con chi lo fai lo fai ma non è un governo che può durare, facimm a fin ra Grecia…

  15. è tipicamente persona semplice, non dotata di strumenti culturali in genere, e politici nello specifico. Ed è persona pericolosa perchè inconsapevole dei disastri che provoca al Suo prossimo, ovvero noi. La Politica è (dovrebbe) essere l’arte di organizzare modelli sociali evoluti quanto funzionali. La Nostra Democrazia è (per fortuna) PARLAMENTARE, e la composizione del Parlamento è frutto di legge elettorale (non esiste una legge perfetta, non c’è mai stata e mai ci sarà). IL Parlamento non è frutto di sondaggi, non è frutto di telemarketing, nè di improbabili piattaforme dove le “consultazioni” (NON CERTIFICATE sono state circa 70 !) coinvolgono si e no circa 10mila partecipanti….10mila !! Questa legge elettorale OBBLIGA le varie formazioni ad un ACCORDO, a trovare punti di convergenza per il bene del Paese. Mediare quindi, non dividere. Esaltare i punti di incontro non le miserie e le pulsazioni più recondite, per infiammare le piazze! Il Popolo esercita la propria sovranita’ democratica NELLE FORME PREVISTE DALL’ORDINAMENTO !! Non in Piazza, non con le armi , ma con la cultura e l’istruzione, con la partecipazione espressa dal VOTO. Se non non si comprende questo sarete sempre vittime dell’urlatore di turno, del finto masaniello che a corrente alternata vi fomenta e vi accende, sarete sempre vittime di guitti impresari e capocomici più o meno simpatici. Ma la Politica non è esemplificazione, è sacrificio. La vita è sacrificio, non è conservazione di rendite di potere interno. Ed è studio: perchè quando sigli un contratto non regali il ministero degli interni + 11 commissioni parlamentari per due anni e mezzo (!) al socio di minoranza…e quando non governi in nessuna regione e solo in 2 città importanti (con pessimi risultati) significa che di politica e di amministrazione non capite un ciufolo, e on avete diritto di rovinare un Paese intero.

  16. Salvini è alle corde e gli ha promesso la poltrona di Presidente del Consiglio. Grillo, invece, inserendo Conte tra gli “elevati” lo ha di fatto sfiduciato. Zingaretti, dato che Conte rappresenta, per loro ammissione, il M5S, non vuole che ci sia un vicepremier (carica tra l’altro solo di facciata) pentastellato. Giggino sta per tornare a vendere bibite al San Paolo, visto che sotto la sua guida il movimento ha dimezzato i consensi ed è in caduta libera. Adesso punta i piedi minacciando nuove elezioni (che non vuole) ma la sua intenzione è accettare la proposta di Salvini.

  17. che le proteste fatte di slogan e insulti, fatte di crociate ad personam , non portano a nulla. Anzi!! Esse servono a nascondere la propria polvere sotto al tappeto, a distrarre dalle proprie nefandezze. Quando genericamente si parla di giornali ed editoria ci si dimentica del Sole 24 ore, o della stessa la CIttà, operazioni ben oltre il confine della pirateria sociale..! Quando genericamente si parla di banche, ci si dimentica delle bancarelle amiche….Zonin, l’Antonveneta, le popolari , tutti amici del Nord produttivo..!! Quando si parla di ladri ci si dimentica dei 49 milioni di euro spariti ed utilizzati non si sa come dall’amico del Nord produttivo..! Quando si parla di fondi esteri ci si dimentica delle manovre in rubli..dell’amico del Nord produttivo..! Quando si parla di scandali ci si dimentica dei soldi elettorali dirottati in smeraldi e preziosi in Tanzania, in Olanda, sempre da parte dell’amico del Nord produttivo…! Ecco perchè il populista è pericoloso. Perchè “eleva”….le sciocchezze raccontate sul marciapiede a concetti politici. Io pure l’ho elevato: a rango di ladrone evasore specializzato!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.