Raffaele muore a 19 anni: la struggente lettera del sindaco di Nocera

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Il sindaco di Nocera Inferiore, Manlio Torquato, ha scritto una lettera pubblica per esprimere solidarietà al collega di San Valentino Torio Michele Strianese dopo la drammatica morte di Raffaele Frigenti.

Lettera aperta a me stesso (quale padre).

Caro Michele Strianese,
questa lettera aperta doveva essere per te, quale capo di una comunita’ (la tua San Valentino) ferita a morte per la tragedia di un giovanissimo, Raffaele, scomparso nel fiore degli anni, come si dice, anzi, al loro sbocciare, alla guida di un auto.
Mentre andava al lavoro, per sovrappiu’ del destino.

Ti ho sentito ieri al telefono, affranto, ma non ho avuto tutta la percezione della tragedia.
Ancora un incidente, ho pensato.

Poi stamane ho aperto il giornale, e l’ho visto Raffaele, 19enne bellissimo e spensierato in quella foto.

E mi sono piegato.
Ho visto mio figlio 18enne. Identico il taglio di capelli, l’espressione, l’accenno ironico e scanzonato del sorriso. Lo sguardo.

Mio figlio, Michele, come i tuoi, come i nostri. Uguale identico.
Non so allora cosa mi abbia spinto, quale smania, quale senso, ed ho telefonato all’Umberto I, dove sta, li’, Raffaele.
Volevo vederlo.

“Sindaco non e’ possibile, sapete, e poi comunque meglio di no”, mi ha risposto l’infermiere.

E allora sto pensando da oggi di scrivere, di scriverti, a te, a San Valentino Torio, a Raffaele, a mio figlio Fulvio -che cosi sorprendentemente gli somiglia, a Raffaele- ai figli nostri tutti, qui, perche’ magari qui ci leggono, mentre quando gli parliamo neppure ci sentono.

Ho scritto per esorcizzare un angoscia, che mi ha preso oggi e che mi prende ogni sera di questa estate, ogni notte, quando escono in auto, i ragazzi, ogni sabato, ogni festa ogni MakP…e non si sa quando tornano, in auto, all’ alba magari…

Perche’ solo l’angoscia ci rimane, al loro ennesimo giro in auto con gli amici…

Perche’ e’ vero che solo ora capisco mio padre la sua reazione nervosa se rientravo troppo dopo la mezzanotte.
Ma e’ vero pure, e non e’ il caso di Raffaele, che qui ormai tornano all’alba a bordo delle auto…e noi non sappiamo manco piu’ proibire, pretendere, provare a difenderli in qualche modo insomma, in una specie di cascata a rotoli di permessivita’ a go-go cui non sappiamo piu’ opporci. Sapendo solo angosciarci in silenzio e incrociare le dita e pregare magari.

Pensiamo che vietargli una festa un giro tardi, piu’ tardi, fino al mattino, sia come tenerli fuori dalla gioia spensierata dei loro anni migliori, perche’ “papa’ ma perche’ devo restare a casa solo io”… e cosi’ pensando di farli felici sempre, non ci facciamo manco piu’ il “passaparola”, noi genitori, che magari proibir loro qualcosa, dar regole, serve, a garantire un futuro e a costruire ancora una societa’…

Lo so che per Raffaele, per sovrappiu’ terribile di un destino nemico, dicevo, manco questo vale a dire, e percio’ mi scuso. Era giorno non notte, andava al lavoro, non a divertirsi…

Eppure…
Eppure come ho detto, sto scrivendo per esorcizzare e perche’ tante cose si tengono insieme anche quando proprio non sembra e perche’, come diceva un tale, si scrive perche’ si ha voglia di dire qualcosa non solo perche’ si ha qualcosa da dire.

E perche’ ormai in questo tempo nostro abbastanza scombinato, e’ piu’ facile scrivere qui, anche per me, che non parlare, perche’ manco piu’ sappiamo farci ascoltare.

E ti scrivo per abbracciarti per abbracciare il papa’ e la mamma di Raffaele, che non avrei neanche il coraggio di avvicinare di persona, e la tua, le nostre citta’ e i loro ragazzi appena maggiorenni, perche’ siamo non solo padri dei nostri figli, ma in qualche modo anche delle nostre comunita’, cui dobbiamo non solo asfaltare strade o sistemare lavori, ma anche provare a dire, a spiegare, a spiegarci qualcosa in momenti come questi.
Per dare un senso. Se ci riusciamo. Manlio Torquato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. ❤ Commuovente e sincera la lettera del sindaco. È vero le nostre proibizioni ai figli è solo per garantirgli rosei futuri. Il tragico destino di Raffaele è dolorosissimo. Ha colpito un modello della società. Un ragazzo che a soli 19 anni lavorava per costruire la sua vita. Giovani come diceva il papa : mette la vostra vita nelle mani e fatene un capolavoro. Dio come suo capolavoro ha scelto. L innocenza è la bellezza di. Raffaele

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.