Il caso Navigator, De Luca: «Si apra vertenza contro l’Anpal, spetta a loro contrattualizzarli»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Dopo ben 5 giorni i vincitori di concorso per navigator hanno stoppato lo sciopero della fame. Una scelta, quella dei 471 vincitori di concorso, necessaria quanto, ieri mattina, alcune persone hanno iniziato ad accusare i primi malori, dopo 5 giorni senza mangiare e in presidio permanente sotto la sede della Regione Campania.

«Ci auguravamo di non arrivare a questo. Credevamo nelle istituzioni ma ci hanno ignorato», hanno dichiarato i navigator secondo cui dei «dei nostri amici, colleghi, eroi, chiamateli come volete, oggi (ieri per chi legge ndr) hanno ceduto». A ricorrere a cure mediche d’urgenza Ilenia De Coro e Carlo Del Gaudio, trasportati in ambulanza uno al Fatebene Fratelli e l’altro al Loreto Mare.

Stando al racconto dei presenti, la giovane stava camminando quando è svenuta mentre Carlo è stato colto da un attacco di panico e si è sentito male. Proprio quest’ultimo sembra avere, attualmente, il quadro clinico più delicato: i medici del 118 hanno infatti constatato la presenza di febbre alta e parametri al limite.

«E’ incredibile che nessuno della Regione Campania si sia affacciato anche solo per chiedere cosa stesse succedendo o qualcuno che ci abbia dato una parola di conforto, neanche un bic chiere d’acqua! Solo omertà, indifferenza. È impensabile che la solidarietà umana sia così offuscata da non vedere e non sentire nulla».

Da qui l’annuncio di interrompere lo sciopero della fame, sollecitati dalla preoccupazione delle nostre famiglie e dal personale medico intervenuto. «Sono stati 5 giorni intensi, dove abbiamo ricevuto sup porto da tutti, tranne da chi deve darci ancora delle risposte», hanno poi spiegato attraverso la pagina facebook Navigator Campania i vincitori di concorso.

Sia Ilenia che Carlo, già nella giornata di giovedì avevano accusato dei malori ma entrambi avevano rifiutato il ricorso in ospedale. «I navigator stanno facendo un’iniziativa sbagliata», ha dichiarato il governatore De Luca ieri, nel consueto appuntamento con LiraTv secondo cui lo scorso 17 aprile la Regione ha espresso parere favorevole per sbloccare il reddito di cittadinanza. Secondo il presidente di Palazzo Santa Lucia spetterebbe all’Anpal procedere con la contrattualizzazione.

«Non capisco perchè non si apra una vertenza con l’Anpal che la Regione Campania sosterrebbe, al di là della mia opinione, perchè ci sono tutti gli elementi per pretendere i contratti».

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. e’ lo spaccato della disoccupazione,navigator = precariato ma questi credono di entrare e di non uscirne piu,come puo la regione campania dare loro credito quando ha bandito un regolare concorso non per precariato ma stabile per chi ha la fortuna di vincerlo?questa volta de luca ha ragione.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.