La Campania è la prima regione del Sud nella vendita a domicilio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La Campania è la regione numero uno del Sud, e la seconda a livello nazionale, nel settore della vendita a domicilio: il fatturato 2018 è stato di 176 milioni 185mila euro. Il dato emerge dalle rilevazioni del Centro Studi Univendita sulle proprie aziende associate, che vede la Campania piazzarsi dopo la Lombardia, e prima del Veneto,nella classifica per fatturato che vale il 10,6% del totale delle vendite nazionali, pari a 1,662 miliardi nel 2018.

Il Sud e Isole è l’area dove si realizza complessivamente il 35,1% del fatturato nazionale (583 milioni di euro). Qui, dopo la Campania, il fatturato più alto è stato realizzato in Sicilia (7,8% del totale nazionale) e Puglia (6,9%). La classifica nazionale è dominata dalla Lombardia (249 milioni di euro) e vede al secondo posto, appunto, la Campania, al terzo il Veneto (161 milioni di euro) e al quarto il Lazio (131 milioni di euro).

La Campania ha però un primato assoluto, quello del numero di venditori a domicilio: nella regione operano 24.800 addetti, il 15,6% del totale nazionale(che è di oltre 159.000 addetti).

Di poco inferiori i numeri della seconda classificata, la Sicilia (22.700 addetti); al terzo posto troviamo poi la Lombardia (17.800 addetti). Nell’area Sud e Isole risulta essere concentrato il 50,7% dei venditori a domicilio (oltre 80.700). Il 18,9% dei venditori opera nel Nord Ovest mentre Nord Est e Centro hanno lo stesso numero di venditori, 24.200 (il 15,2% del totale).

«La Campania è tradizionalmente la “regina” del Sud nella vendita a domicilio: il fatturato realizzato è sempre ai livelli delle regioni del Nord, mentre il numero di venditori risulta da sempre il più alto d’Italia –dichiara Ciro Sinatra, presidente Univendita–. In Campania e in tutto il Mezzogiorno la fiducia dei consumatori non conosce crisi e la vendita a domicilio offre interessanti opportunità di guadagno e di realizzazione professionale, in un’area dove l’occupazione femminile è storicamente bassa.

Qui le donne (che costituiscono il 92,5% degli incaricati Univendita a livello nazionale) sono attratte soprattutto dalla possibilità di conciliare famiglia e lavoro. Inoltre la vendita a domicilio è un settore che apre le proprie porte a categorie che faticano a entrare, o rientrare, nel mondo del lavoro, dai giovani agli over 50».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.