Ordigno Battipaglia, in corso la più grande evacuazione d’Italia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
12
Stampa
Un record che i residenti battipagliesi volevano fare a meno di detenere. Al via alle prime luci dell’alba (ore 5.00 in punto) la più grande evacuazione d’Italia per poter disinnescare l’ordigno bellico a Battipaglia.

Un esodo faraonico: oltre 36mila battipagliesi (quasi 20.000 famiglie) lasciano la parte di città che rientra nella cosiddetta ‘zona rossa’. Il tratto autostradale è interdetto, i treni bloccati, e  l’ospedale ormai è del tutto sgomberato: per un giorno, la bomba da far brillare taglierà l’Italia in due. La zona rossa avrà un raggio di 1.600 metri.

Saranno interrotte le utenze di Enel, di Telecom Italia, dell’Asis, di Salerno Energia. Il disinnesco prevede l’inizio operazioni di evacuazioni dalle 5.30 di mattina alle 8. Poi per dodici ore (sperando che si faccia prima) tutti con il fiato sospeso. La bomba è un raro esemplare inglese per potenza e dimensione.

AGGIORNAMENTI

STRANO PRANZO DOMENICALE PER MIGLIAIA DI BATTIPAGLIESI. Al Centro di Accoglienza del “Ferrari” sono 5000 i pasti preparati per la popolazione lì concentrata. A mezzogiorno il menù prevede riso all’insalata per venire incontro a chi ha intolleranze o altre difficoltà. Come secondo frittata di patate ed un frutto.  In serata saranno preparati altri e 2500 pasti: panino caprese, con mozzarella e pomodoro, ed un frutto. Ci sono anche alimenti adeguati a chi è intollerante al lattosio oppure al glutine.

ORE 13.00. CONCLUSA LA PRIMA FASE CON SUCCESSO. Proseguono le attività di bonifica dell’ordigno bellico, alle 13.15 gli artificieri dell’esercito hanno conccluso la prima fase delle operazioni di disinnesco con successo. Alle 13.45 è cominciata la seconda fase delle operazioni. Nessun problema si registra nella zona rossa che rsta sotto controllo dalle forze dell’ordine,  tutto procede come da protocollo. La tempistica per completare le operazioni resta invariata, 8 ore dall’inizio delle attività.

ORE 11.00 CIRCA. INIZIATE LE OPERAZIONI DI DISINNESCO DELL’ORDIGNO. Completata l’evacuazione dove tutto sostanzialmente è filato senza problematica poco prima delle 11.00 sono iniziate le operazioni di disinnesco dell’ordigno bellico da 250 libbre rinvenuto in località Villani a Battipaglia. Sul posto gli Artificieri dell’Esercito Italiano-21° Reggimento Guastatori di Caserta che saranno impegnati per le prossime 8/12 ore. I militari prima di oggi avevano già avviato la realizzazione di opere di “Barricamento” con scavi di ventilazione/trinceramento, necessarie per poter procedere alla bonifica.

RILEVATE SOLO ALCUNE PROBLEMATICHE CON L’EVACUAZIONE. Due sostanzialmente gli episodi di “intoppo” nelle operazioni di evacuazione per i cittadini ricadenti nella zona rossa. In via Domodossola, in pieno cento, alcune famiglie forse non a conoscenza dell’ordinanza hanno temporeggiato e sono dovute intervenire le forze dell’ordine per convincerle a lasciare le case. In Via Carducci due persone anziane non volevano lasciare la propria casa ma dopo alcuni minuti sono stati persuasi a collaborare grazie all’intervento dei medici dell’ASL e della Polizia che li hanno convinti a lasciare le proprie abitazioni.

SINDACO CICILIA FRANCESE SU FACEBOOK. Ecco le immagini della città deserta. Nell’area rossa ci sono decine di pattuglie delle forze dell’ordine e dei volontari della protezione civile che controllano gli incroci. Uomini in divisa e in borghese controllano le strade e i parchi.l. È tutto pronto per la chiusura del tratto autostradale dell’A2 del Mediterraneo da Eboli a Montecorvino-Pontecagnano, alla sospensione del traffico ferroviario e del l’attivazione della “no fly zone”. Anche le società gestori delle reti elettriche e gas stanno per procedere alla sospensione dell’erogazione dei servizi.

TUTTO PRONTO NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA PREDISPOSTI

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

12 COMMENTI

  1. siiii, a noi ci piace grande, la piu grande l’italia! perchè non bloccate fino a salerno magari?! quella bomba sta da 80 anni lì sotto, in un campo aperto …. bloccare una città intera, 36000 persone per 12 ore, mi pare a dir poco “eccessivo” e mi fermo qui. Forse qualcuno traccia cerchi su una carta e ciecamente chiude il discorso. O forse c’è qualche motivo diverso, magari approfittare per qualche esercitazione??
    Nel caso della bomba al porto ero al limite della zona interdetta: non abbiamo sentito né visto neppure un sibilo.. e secondo articoli dell’epoca pesava il doppio di questa; non solo, il raggio era di 500m dalla bomba, qui 1600??? mah
    Intanto sul Mattino in un’intervista, il capo degli artificieri dice che “Il rischio è molto basso”.

  2. E ch’è? Hiroshima? Qua ci voleva pier pier con i suoi super amici : enSa carrarmato e pappagallo ragliante al seguito, e il problema era risolto!

  3. POCA MEMORIA. Ma va, l’evacuazione più grande d’Italia? A Salerno oltre una decina di anni fa evacuarono 50mila persone a causa di un ordigno trovato in via Vernieri (di fronte al convento dei cappuccini)… Evacuarono dalla chiesa di San Demetrio, con campo a piazza Casalbore, fino a tutto il rione Carmine compreso

  4. Scusate, ma voi che ne sapete come si disinnesca una bomba dell’esercito inglese degli anni ’40? Fate fare a chi sa fare, qua mica parliamo di politici da quattro soldi che fanno cose che sappiamo fare tutti noi, qua parliamo di gente che se sbaglia salta in aria nel senso letterale del termine

  5. Ribadite di non andare al Pronto Soccorso dell’ospedale di Eboli stasera per non affollarlo per sciocchezze.
    Domattina riapre l’ospedale di Battipaglia

  6. Gigi, tu cosa ne sai? invece si parla pure di politici, in quando sono loro che assieme ad altre autorità hanno deciso questa commedia tanto esagerata. Hai detto giusto! se sbagliano saltano in aria! ma hai visto le immagini? operavano a pochi metri e in alcuni casi a contatto con la bomba! se fosse stata tanto pericolosa pure a 1.5km pensi che avrebbero agito in quel modo a quella distanza?!?? ragiona con la tua testa. E poi sei smentito da subito, infatti come detto da david_rossi, il capo degli artificieri ha detto che il rischi era molto basso! Inoltre da un commento su altro articolo, sempre di david, hanno applicato il raggio in cui non ci sono radiazioni termiche per una esplosione nucleare da 2kt, che sarebbero 2 milioni di tritolo …. qui erano 30, ok? Ci puoi lasciare la libertà di pensare con le nostre teste? grazie. Tu resta con le tue certezze imposte.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.