Crisi del Commercio: prosegue il trend negativo, dati preoccupanti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
11
Stampa
Anche per il 2019 prosegue il trend negativo per il commercio nazionale. A subire uno stop alla crescita sono soprattutto i negozi tradizionali gli esercizi di vicinato, è questo lo sconcertante risultato  che emerge dall’ufficio economico della Confesercenti nazionale. Un dato preoccupante afferma il presidente della Confesercenti provinciale di Salerno Raffaele Esposito, al quale purtroppo  la nostra provincia non si sottrae.

Da tempo stiamo chiedendo a livello locale e verticistico una serie di misure di tutela per il comparto commerciale regionale e nazionale, dal canto nostro, prosegue il Presidente, stiamo mettendo in campo diverse soluzioni come la formazione professionale mirata alla vetrina digitale degli esercizi storici e tradizionali ovvero il social media marketing. Una esigenza quella di coniugare tradizione ed innovazione sempre più importante per contrastare almeno in parte il fenomeno dell’e-commerce riportando i consumatori nei centri cittadini e nelle nostre comunità puntando ad un’offerta commerciale di qualità.

Siamo stati i primi a proporre la creazione dei centri commerciali naturali ed oggi stiamo ragionando con le università dei centri commerciali naturali digitali. Provocatoriamente, prosegue il Presidente, stiamo chiedendo alle istituzioni di riconoscere le imprese con 30 anni di attività come patrimonio UNESCO, chiediamoci come sarebbero le nostre città i nostri quartieri senza la vita assicurata da questi piccoli commercianti.

Rivalutare la valenza sociale del commercio di vicinato è un dovere civico di ogni comunità. Dobbiamo trovare la giusta formula frutto del dialogo e della concertazione per scongiurare l’aumento dell’Iva ed assicurare dei sistemi di premialità per i commercianti storici ed impegnati a diffondere la qualità attraverso il made in Italy.

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

11 COMMENTI

  1. Di questi articoli ne leggeremo ancora tanti, finché non vengono abbassate le tasse! Sono qualcosa di vergognoso, praticamente si lavora per lo stato

  2. Gli esercizi commerciali non possono reggere lo stato fiscale attuale.e’ il caso di far capire che oltre le tasse vi sono altri problemi: 1) concorrenza sleale; 2) supermercati in Città che per legge non possono esserci, infatti, devono essere ubicati in perifieria e col parcheggio di proprietà; 3) attività lavatrici di moneta illegale; 4) nessun controllo sui prodotti contraffatti; 5) attività intestate a teste di legno che non hanno ne arte e ne parte; 6) elusione di tasse ed imposte; 7) pedaggio parcheggi alti; 8) parcheggiatori abusivi; 9) città sporca e maleodorante; 10) nessuna certezza sulla sicurezza pubblica.
    Quindi; la domanda è: come si fa a rimanere aperti a Salerno?

  3. Sono un commerciante del centro e a fine anno chiuderò. Concordo con il lettore che chiede al Comune parcheggi liberi. Certamente non sarò ascoltato perché il Comune e Salerno Mobilità devono far cassa. Ma come me molti chiuderanno e licenzieranno i propri dipendenti.

  4. Non sarei molto contento,come alcuni,che le città diventino quartieri dormitorio,sai che tristezza. Un commerciante non potrà mai essere competitivo rispetto alle vendite online,per ovvi motivi che non stò qui ad elencare.Diventeremo tutti più poveri e pochi più ricchi,maledetta globalizzazione.

  5. Sui i dipendenti dei commercianti salernitani meglio stendere un velo pietoso: se va bene 50 ore a settimana pagati a nero e lavoro festivo non riconosciuto, solo per questo specie per quelli al centro è meglio che chiudete.

  6. bisogna puntare sul turismo e stop! chi e che si va ad imbottigliare ne traffico per colpa dei centinaia di bar e per poi pagare 6 euro di parcheggio l’ora? neanche a piedi si puo girare in questa citta!

  7. Fate lavorare chi ne è capace, ci vogliono le gradi catene? Cosi sia! Non parlate di dipendenti, sareste tutti da mettere in galera e buttare le chiavi, sono solo contento che chiudiate, vi siete abbuffati, il migliore di voi evade più del 50% di tasse se va bene, con la scusa della crisi, pagate i dipendenti 4 soldi per 12 ore al giorni senza giorni liberi e ferie non pagate, mi spiace solo per chi lotta tutti giorni nella legalità che guadagna meno per pagare in modo dignitoso i propri dipendenti. Per il resto ben venuta Amazon (loro pagano i dipendenti per quanto il lavoro sia duro) e se qualcuno ha qualcosa da ridire faccia il nome del proprio negozio e vediamo quanto pagano i dipendenti e non le buste paga false che date ma il reale, tanto si sa inizio io a fare qualche nome se volete. Viva internet abbasso gli evasori e schiavisti

  8. Impossibile : l’ASSESSORE Loffredo, il galoppino dell’ONOREVOLE figlio dell’innominabile(pena censura) afferma che va tutto bene, che il commercio va a gonfie vele, che la città è una bomboniera e che siamo tutti felici e contenti. E così sia, amen

  9. Avete sfruttato per anni i dipendenti senza ferie e paghe miserabili a nero… Questo vi meritate… AMAZON A VITA

  10. Vorrei ricordare al Signore che invoca AMAZON e grandi catene che i primi veri evasori sono loro! Poi, che ci siano “i cattivi imprenditori” è perchè esistono i buoni imprenditori. da tenere in conto che se dovesse accadere che tutto viene o deve essere acquistato on-line … ssarebbe una sciagura colossale, già vedo che le Persone più Anziane abbandonate a loro stesse o prigionieri di chi (quando ha tempo!) potrebbe acquistatre per loro. E’ un argomento sensibile e delicato e va trattato, innanzitutto, da coloro che sono impegnati attivamente e NON DAI SOLITI “LEONI DA TASTIERA”. GRAZIE
    P.S: IO FACCIO L’IMPRENDITORE ED HO SEMPRE RISPETTATO LE LEGGI E QUINDI RISCHIO DI CHIUDERE PER COLPA DELLA MANCATA SORVEGLIANZA SULLE ATTIVITA’ CHE NON OSSERVANO I REGOLAMENTI.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.