Simon Gautier morto nel Cilento, la famiglia insiste: “Ritardo nei soccorsi”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
C’è stato un ritardo nei soccorsi. Ne è convinta la famiglia di Simon Gautier, il turista francese di 27 anni morto durante una escursione, lo scorso 9 agosto, a San Giovanni a Piro, in Cilento, nella provincia di Salerno. Delphine Godard, la madre del giovane studente transalpino e Olivier Compte, il suo compagno, che hanno sempre denunciato che la macchina dei soccorsi, a loro avviso, si è attivata tardi, lo ribadiscono nel corso di una intervista al quotidiano francese Le Monde.

“Apparentemente, né il 112 né il 118 sapevano come aiutarlo a geolocalizzarsi” dice Olivier, mentre Delphine, la madre di Simon, dichiara: “Ci siamo sentiti abbandonati a noi stessi, nell’incertezza totale”. I due, poi, chiedono alle autorità italiane e francesi “chiarimenti sui ritardi e l’assenza di coordinamento delle operazioni di soccorso”.

Intanto, la Procura di Vallo della Lucania indaga ancora per omicidio colposo a carico di ignoti: i magistrati sono chiamati a stabilire se si potesse fare qualcosa in più per localizzare e salvare Simon Gautier. Il giovane francese, da qualche anno a Roma per studiare, era arrivato in Cilento intenzionato a raggiungere Napoli e piedi.

Il 9 agosto, all’inizio del suo cammino, qualcosa è andato storto: al 112 arriva una telefonata del 27enne che, nel Golfo di Policastro, avverte di essere caduto in un dirupo e di essersi gravemente ferito le gambe. Dopo giorni di ricerche, il cadavere di Simon viene ritrovato, il 18 agosto, proprio in fondo a un burrone.

L’autopsia sul corpo stabilirà che il giovane transalpino è deceduto a causa di uno choc emorragico dovuto alla frattura delle gambe, che gli hanno reciso l’arteria femorale: la morte sarebbe sopraggiunta subito, circa 45 minuti dopo la telefonata alle forze dell’ordine.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. L’elicottero dei soccorsi è partito 26 ore dopo la chiamata dello studente. I familiari sono stati avvertiti 3 giorni dopo. Se non è ritardo questo?!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.