Salerno e l’incubo Quota100. Manca personale, chiudono gli uffici

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
Dovrebbero essere poco meno di un centinaio i dipendenti comunali di Salerno in pensione grazie a Quota 100, la misura varata dal precedente governo Movimento 5 Stelle-Lega che, di fatto, permette il pensionamento anticipato, consentendo ai dipendenti di lasciare il lavoro prima di avere maturato i requisiti, attualmente in vigore dal primo gennaio e che prevede la possibilità di andare in pensione a 62 anni di età e 38 anni di contributi.Lo scrive Le Cronache oggi in edicola

E così, ad oggi, numerosi sono gli uffici comunali della città di Salerno chiusi per mancanza di dipendenti. Un esempio su tutti può essere proprio il settore politiche sociali e anagrafe di Fratte che si ritrova ancora chiuso, dopo due mesi.

La motivazione ufficiale sarebbero “problemi tecnici” come si legge dinanzi alla struttura. I problemi tecnici sono collegabili dunque alla mancanza di personale, molti andati in pensione proprio grazie alla misura del governo Quota 100.

Ma non è l’unico caso. Fino al mese di agosto, infatti, sono circa un centinaio i dipendenti del Comune di Salerno che hanno lasciato il mondo del lavoro grazie al pensionamento anticipato.

L’età avanzata dei dipendenti, inoltre, soprattutto nella città capoluogo è un problema che va avanti ormai da diversi mesi. Solo pochi giorni fa, infatti, il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli ha annoverato tra le problematiche relative al degrado in cui versa la città proprio l’età avanzata di molti dipendenti di Salerno Pulita.

Intanto, anche in Campania si è registrastato un vero e proprio boom di domande, a pochi giorni dall’entrata in vigore della misura varata dal precedente governo. A soli un mese dall’entrata in vigore del meccanismo di pensionamento anticipato, il salernitano è stata la seconda provincia della Cam pania per il maggior numero di richieste avanzate dai dipendenti in età da pensione.

Così, Quota100 sembra essere diventato un incubo, almeno per la città capoluogo e tutta la sua provincia che oggi deve fronteggiare questa nuova emergenza relativa proprio alla mancanza di personale negli uffici comunali, molti dei quali sembrano definitivamente chiusi o almeno fino all’assunzione di nuovi dipendenti che, formazione permettendo, dovrebbero prendere il posto dei loro predecessori.

Fonte Le Cronache

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Salerno è la seconda città della Campania e dovrebbe essere abbastanza ovvio che sia seconda pure come numero di domande di pensione, sembra tanto la scoperta dell’acqua calda.

  2. solo un imbecille e analfabeta poteva approvare una legge demenziale come quota 100.
    ma la storia insegna che le conseguenze negative delle leggi pessime si ripercuotono contro i loro promotori. eliminarla sarebbe un bene per tutti i cittadini, se poi si riuscirà anche ad annullare il famoso reddito di cittadinanza, che nulla ha prodotto di positivo, si potrebbero investire quei miliardi nei settori produttivi.

  3. Ma come vogliamo andare avanti al sud se un esempio nei cantieri e nei lavori stradali ecc.. gli operai hanno un età media che va dai 50 anni in poi….

  4. Certo che pensare di mandare in pensione la gente per riposarsi e godersi gli ultimi anni di vita e definirlo un “incubo” mi sembra un tantino fuori luogo. Sarà di sicuro un incubo per quei dirigenti che non si sono attivati per tempo per sostituire il personale in uscita. E poi criticare il provvedimento da parte dei soliti idioti cattocomunisti è solamente ridicolo.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.