Sapri, studente cadde da solaio scuola, Cassazione: Preside responsabile

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Il preside di una scuola è responsabile della sicurezza degli allievi – la cui incolumità non può essere garantita da «misure artigianali» come i lucchetti – come se si trattasse di suoi dipendenti, e le scuole vanno considerate come luoghi di lavoro, non importa se il preside non è il proprietario e non ha poteri di spesa per tamponare i rischi. Il dirigente deve attivarsi innanzitutto con un piano antirischio che non sottovaluti alcun dettaglio, nemmeno le magagne che risalgono alla notte dei tempi, e poi deve sollecitare l’intervento delle Province senza ricorrere a soluzioni ‘fai da te’.

Lo sottolinea la Cassazione. I supremi giudici, infatti, hanno condannato a un mese di carcere, pena sospesa, per lesioni colpose gravi una preside e il responsabile del piano di sicurezza del liceo ‘Pisacane’ di Sapri (Salerno), Nicola I., per la caduta di uno studente precipitato a seguito dell’apertura di un lucchetto che teneva chiusa la porta di un solaio con fragili lucernai. Per la Suprema Corte, il lucchetto è un escamotage «artigianale» non adeguato poiché, accidentalmente, anche solo per rinfrescare l’aria come avvenuto in questo caso che risale al sette luglio 2011, il lucchetto può essere rimosso.

A nulla sarebbero valsi dei cartelli di allerta, obietta la Cassazione dato che il ragazzo precipitò dopo essere inciampato nella battuta a terra della porta privata del lucchetto dalla bidella. La quale non ha alcuna colpa perché non aveva ricevuto formazione sui rischi. Le situazioni che presentano fattori di insicurezza vanno risolte senza ‘mezze misure’, se serve con richieste alle Province anche se l’immobile è del Comune, e anche quando le insidie sono presenti fin dall’epoca di progettazione della scuola, prosegue il verdetto 37766 degli ermellini replicando alla preside Franca P. che si eè difesa, tra l’altro, dicendo che quel lucernaio c’era da sempre.

Correttamente, sottolinea la Cassazione, è stata condannata per «il mancato inquadramento ‘ab origine’ del rischio rappresentato dalla presenza di aperture coperte da fragili cupolini di plexiglass e sia per la insufficiente gestione successiva del rischio». La circostanza che lo studente, Niccolò D.L. – che si è laureato in legge dopo aver subito tanti interventi alla testa, ed essere stato in coma – quella mattina si trovasse a scuola solo per assistere all’esame orale di un suo amico, avendo già sostenuto la sua prova giorni prima, non esonera da responsabilità perché le prove orali della maturità hanno «svolgimento pubblico» e chiunque può assistervi, conclude la sentenza. Una causa civile stabilirà l’entità del risarcimento che i due responsabili dovranno versare alla vittima, oltre ai 15mila euro di provvisionale immediatamente esecutiva.

Fonte giustizianews24.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. È una assurdità… Spiegatemi a chi si devono rivolgere i presidi per ottenere certificati di agibilità, manutenzioni e messe in sicurezza…. Alle province, ma se le province nn esistono, nn hanno un soldo… Nn diciamo fesserie..
    .. Nn c è una scuola a norma in tutta la provincia… Fate arrivare i controlli da parte delle ASL e dei vigili del fuoco… Chiuderanno tutte le scuole… Fate un articolo su questo, se no è normale che ogni tanto o magari spesso succedono questi casi.

  2. cioè un cartello e un lucchetto che chiude una porta di un’area il cui accesso è vietato da cartello sarebbe un metodo artigianale??? quindi stiamo dicendo che è normale andare su un lucernaio, aprire una porta dove c’è un lucchetto e infischiarsi del divieto ben esposto?? stiamo dicendo che un ragazzo di liceo è un incapace per definizione e non capisce cosa può fare e cosa no nonostante un cartello???
    quindi quando trovo un cartello con limite di velocità posso fregarmene e chiedere tutti gli annullamenti alla cassazione perchè (dirò) “la polizia non mi ha impedito, per tempo, di infrangere la legge”?!?! buono a sapersi
    Mi chiedo a cosa pensano quando fanno certe sentenze. Solidarietà alla preside.

  3. Questo articolo è quanto di peggio abbia letto negli ultimi anni. Le vere domande che un giornalista dovrebbe porsi sono: L’area di chi era pertinenza? Era un posto dove si poteva accedere o era vietato? È normale che una bidella debba ricevere una specifica formazione su una cosa così ovvia come quella di leggere un cartello ed impedire a chiunque di accedere su un lastrico? Va voi davvero camminereste su dei lucernari su di un lastrico? La vera domanda è perché chi ha costruito questo posto così insicuro non è stato punito? La vera domanda è perché la provincia, proprietaria del plesso non è stata chiamata in causa?

  4. Andrebbero chiuse tutte le scuole. Non sono a norma e i Dirigenti rischiano ogni giorno. Sono i capri espiatori facili di un sistema assurdo. Un lucchetto è un metodo artigianale? E cosa avrebbe dovuto fare la Dirigente? Murare l’accesso. La collaboratrice scolastica non è stata formata? Cioè? Come avrebbe dovuto essere formata? E a cosa? Avrebbe dovuto soltanto non aprire il lucchetto.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.