Carenza di personale al Ruggi: la replica di un ‘avvisista’ alla Cgil

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Sono un avvisista del Ruggi da circa 3 anni, dopo aver superato un lungo percorso fatto di prova selettiva e colloquio orale siamo stati chiamati da questa azienda per sopperire alle gravi carenze di personale.

Oggi dopo 2 concorsi regionali (cardarelli e asl na 2) ed altri nazionali ,molti di noi si ritrovano vincitori o idonei nelle graduatorie pubbliche e quindi in caso di chiamata costretti a dover lasciare il Ruggi. Leggo dell’impegno della Cgil e di tanti altri sindacati a far sì che escano quanto prima i concorsi ,come mai però non si pensa mai a trovare soluzioni anche in casa?

La legge lo permette, si lo permette. Un’azienda con personale a tempo determinato ha facoltà tramite apposite procedure di poter stabilizzare il personale vincitore di concorso a tempo indeterminato in altre aziende. Al Monaldi e’ stato fatto,a Bologna e’ stato fatto e in tante altre aziende. Perché al Ruggi questo non lo si propone ?

A volte ci sono anche soluzioni rapide ed economiche per l’azienda,forse scomode per altro. Le amministrazioni vecchie hanno fatto finta di girarsi dall’altra parte, chiediamo al nuovo commissario e a tutte le sigle sindacali che realmente vogliono il bene dell’azienda e di noi lavoratori  ,di farsi portavoce di tale battaglia ripeto assolutamente Legale e consentita.

Perdere dopo tre anni personale formato rappresenterebbe per il Ruggi un ulteriore passo indietro. Noi siamo operatori vincitori di concorso a tempo indeterminato e chiediamo di continuare a svolgere il nostro lavoro qui al Ruggi.

Costantino D’Angelo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. L’infermiera o Oss ha vinto un avviso pubblico che prevedeva assunzione a tempo determinato e per 36 mesi.
    Ora non comprendo,nonostante le criticità, per quale motivo chieda, e su quali base giuridiche, un’assunzione a tempo indeterminato
    Sapeva che sarebbe stata precaria prima di parteciparvi e che dopo 36 mesi avrebbe dovuto trovarsi un nuovo impiego altrove, ora cosa pretende,che chi non ha partecipato all’avviso non abbia nessuna possibilità di poter partecipare ad un potenziale/normale concorso per assumere il personale carente da almeno 10 anni?
    in una nazione normale andrebbero fatti i concorsi perché avviso pubblico è una selezione al pari di un contratto a tempo e non può essere convertito in assunzione a tempo indeterminato.

  2. oltre alla soluzione proposta dalla collegha,come mai il Ruggi vuole fare un concorso per infermiere quando nella vicina ASL di Salerno ci sono in graduatoria per la mobilita’ oltre 1400 infermieri che attendono di rientrare in regione?
    non si potrebbe cedere la graduarotia esaurirla e dopodichè’ fare concorso congiunto asl ruggi?si risparmierebbero molti soldi

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.