Salernitana quanto vali? Con il Benevento test di alta quota

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Da una parte una squadra costruita per vincere, il Benevento, rafforzata dopo aver perso la finale per andare in A in modo rocambolesco e inspiegabile. Dall’altra una squadra risorta dopo il crollo nella passata stagione culminata con la salvezza ai rigori nello spareggio per non retrocedere, rigenerata dalla cura Ventura e rivoluzionata da una serie di innesti di qualità anche se non tutti disponibili. Salernitana – Benevento è questo ma tanto altro ancora.

E’ la sfida a distanza tra Coda e Sau contro Giannetti e Jallow con Cerci che riassaporerà l’aria del campo anche se partirà dalla panchina. E’ un test di verifica importante per la capolista in condominio. Dopo aver battuto Pescara e Cosenza il coefficiente di difficoltà sale subito con un avversario dotato di grande qualità in tutti i reparti.

Lo sa bene Gian Piero Ventura che ha fatto leva sulle corde emotive della sua squadra chiedendo un ulteriore percentuale nella fase di crescita costante a cui guarda l’allenatore. Da un lato la squadra dall’altro l’ambiente. Il mister è riuscito non solo con i risultati ma anche con il lavoro a ricostruire un patrimonio di entusiasmo che sembrava completamente perso fino a 40 giorni fa leggendo il numero degli abbonamenti staccati.

Ed invece i tifosi, al di là della gara di cartello, e della posizione di testa si stanno riavvicinando alla Salernitana dando fiducia al progetto tecnico di Ventura che nelle parole rilancio e riscatto ha fondato le basi per costruire con questo gruppo – sono sue parole – qualcosa di importante. Sul piano tecnico sarà ancora 3-5-2 contro. Kiyine ha recuperato e sarà della partita, Odjer sostituirà Akpa Akpro mentre Firenze sarà la mezzala sinistra con Di Tacchio in mezzo. Completerà la linea Cicerelli.

In difesa il trio Karo-Migliorini-Jaroszynski dinanzi a Micai. In avanti spazio al duo Giannetti-Jallow con Cerci in panchina e con un contro aperto con Pippo Inzaghi. Nel 2015 l’ex Toro era al Milan e super Pippo, allenatore dei rossoneri, dopo avergli dato fiducia lo fece scivolare nelle retrovie.

Un occasione di riscatto per Cerci avrà una chance ma l’occasione più grande dovrà costruirla la Salernitana. Lo scoro anno i sanniti espugnarono l’Arechi sfruttando un errore clamoroso di Micai. Nell’anno del riscatto e delle rivincite dopo Pescara e Cosenza chissà che non tocchi anche al Benevento subire l’onda granata della vendetta sportiva ovviamente

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.