Docente derisa in rete scatta l’indagine: chi ha fatto il video rischia la denuncia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
12
Stampa
Il video della prof derisa dai suoi alunni mentre fa l’appello è diventato virale ed è finito anche sul tavolo del direttore generale dell’Ufficio scolastico campano, Luisa Franzese. Lo scrive Il Mattino oggi in edicola.

«Un fatto grave su cui ci sono già accertamenti», fa sapere la direzione generale dell’amministrazione scolastica che esprime «rammarico» per il video in cui la docente viene derisa da una parte della classe.

L’uso dei cellulari – fa sapere l’Ufficio scolastico – non può trasformarsi in un «abuso» in un contesto educativo e didattico come quello di una classe. La Franzese ha espresso «incredulità» per il contenuto del video. «Le indagini sono già partite», annuncia il direttore generale. Compete adesso alla scuola dove s’è verificato il fatto individuare il responsabile della ripresa e ascoltare altri studenti presenti».

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

12 COMMENTI

  1. E’ pur vero che i ragazzi non avevano il diritto di pubblicare il video e vanno puniti per questo, ma è pur vero che è assurdo mettere in carica una persona con un evidente stato di disagio. Mettiamo caso che l’insegnante in questione, oltre a presentare evidenti stati confusionali, fosse stata anche violenta? La responsabilità su chi andrebbe a ricadere? Come possono non valutare l’idoneità mentale in un lavoro tanto delicato? Nel video ci sono due vittime: la povera professoressa (che spero ora riceva le dovute attenzioni da familiari, sanità e istituzione)e gli alunni.

  2. E’ pur vero che gli alunni non avevano il diritto di pubblicare il video e vanno puniti per questo, ma è pur vero che l’insegnante presenta un evidente disagio. Mettiamo caso che l’insegnante presentasse anche disturbi aggressivi e violenti, su chi andrebbe a ricadere la colpa? Come è possibile non valutare l’idoneità mentale in un lavoro così delicato? In questo video ci sono due vittime: la professoressa (che spero ora riceva le dovute attenzioni familiari, sanitarie e istituzionali) e gli alunni.

  3. Se un domani vostro figlio verrebbe deriso e ripreso in un video, voi come vi sentireste?

    Bocciare chi ha ripreso la scena in un video e tutti gli asini che ridevano.

    Chi non vuole andare a scuola deve andare a zappare.

    A scuola si tiene un comportamento civile.
    Ci sono altre sedi per far valere le proprie ragioni non deridendo una persona.

  4. ho visto il filmato, la docente avrà forse qualche problema, ma i ragazzi sono vergognosi. Non e’ possibile accettare tutto quello che fanno e combinano. Ci vuole la sferza e basta !

  5. è il minimo, questi ragazzini crescono sempre più impuniti e si credono onnipotenti, sempre e solo tutelati per ogni fesseria, mentre loro possono fare qualunque nefandezza, protetti dal buonismo ottuso iniziato negli anni 60. Spero che vengano punitii severamente, e magari pure i social che ospitano quei video. A parti invertite, per molto meno, ci sarebbero state interrogazioni parlamentari e girotondi del caxxo

  6. Non è ridicolo il comportamento dei ragazzi, ma l’insegnante che ricopre questo ruolo. Datele una pensione di invalidità e lasciatela a casa perche non è adatta ad insegnare.

  7. E’ evidente che l’insegnante non è idonea e di questo i ragazzi ne approfittano. Ci vuole autorità e carisma per farsi rispettare in una classe, specie con i ragazzi di oggi che non aspettano altro che farti un video per riderci sopra. I cellulari vanno banditi dalle classi perchè non servono. Se c’è bisogno di comunicare all’esterno si fa attraverso i canali istituzionali. Chi viene sorpreso col cellulare a scuola va immediatamente sospeso e in caso di recidiva bocciato.

  8. Da denunciare è chi ha permesso alla povera professoressa di continuare ad insegnare invece che essere sottoposta a cure….ma colleghi preside e chi altro erano ciechi?…..i ragazzi hanno sbagliato ma credo che si siano fatti anche una pessima opinione di chi mandava mandava nella loro classe la povera professoressa….punire i ragazzi ma mandare a casa immediatamente chi si deve fare un esame di coscienza grosso così…..colleghi …preside vice e consiglio istituto…..Vergognatevi….

  9. Ai nostri giovani servono insegnanti veri.

    Avete rovinato gia’ 3 generazioni!! Mo noi siamo cresciuti!!

  10. La cosa sconvolgente e’ che nessuno riesca a togliere dalla gogna nazionale questa che e’ una poverina, mentre dovrebbero starci le autorita’ che l’hanno messa ad insegnare. E anche chi la dileggia,come quel Bassano che viene addirittura intervistato come una star! Ma ci rendiamo conto che cazzo di popolo siamo divenuti? Alla gogna vanno messi i grandi truffatori,e le autorita’ deviate e violente. Ma a quelli,com”e’..vien fatto l onore della privacy! Addio Italia: sempre più disonorevole.!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.