Adam liberato dal Centro di espulsione è di nuovo solo in strada: le foto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
20
Stampa
Il signore nigeriano conosciuto a Salerno come Adam, rinchiuso dal 6 agosto in un Centro di espulsione a Bari dopo essere stato fermato dalla polizia perché si era lavato nudo per strada, è tornato libero dopo un mese di reclusione.

Adam, però, stando alle foto scattate questa mattina è tornato in strada solo e con i suoi problemi come più volte rappresentato anche dai residenti della zona.

Adam è tornato in via Clark dove venne arrestato.

I residenti della zona chiedono se è sempre attiva la rete di persone e associazioni che si erano mosse per evitare l’espulsione sottolineando i traumi di chi è passato per le rotte e i luoghi di estrema violenza delle migrazioni odierne.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

20 COMMENTI

  1. Bravi buonisti, l’avete ributtato per strada, missione compiuta, ora tutto a posto no?

    Nessuna mobilitazione per trovargli qualcosa da fare?

  2. Se stava in un centro di espulsione…..
    Cosa aspettiamo ad espellerlo?
    Evidentemente non ha diritto di stare sul nostro territorio… a maggior ragione se manifesta segni di non lucidità… aspettiamo un’aggressione o la morte di qualcuno ?
    A mare….!!!

  3. Non siamo in un paese civile. L avesse fatto in Svizzera o Australia L avrebbero sicuramente encomiato x le proprie gesta con una medaglia d oro. Grazie Adam continua così. I residenti di via Clark sono con te

  4. Il Sig.Formisano ha espresso un pensiero che mi trova d’accordo. La finta solidarietà,forse mossa anche da interessi economici e l’intolleranza che io in parte giustifico,quando leggi fatti di cronaca drammatici.

  5. Dove sono tutti i perbenisti che lo avevano difeso e soprattutto che dissero che aveva bisogno di aiuto?A Parole tutti bravi ad accogliere, ma nei fatti zero.

  6. sono una persona normale, che non si fa debiti con la bocca e che non accoglierebbe nessuno, e non ha timore di dirlo, perché non ci fidiamo del vicino di casa, figuriamoci di estrenei di altre culture. E tu formisano chi hai accolto, visto che ti sei messo sul piedistallo a fare retorica?

  7. citofonare ONG, sono occupate? ecco il VERO problema: li portano qui (PER SOLDI, NON PER soccorso, per aiutarli o balle simili) e poi se ne fregano. Dove stanno ora? stanno traghettando altri clandestini schiavi per fare compagnia a questa persona? Perchè non si occupano QUI di quelli che GIA stanno in italia in condizioni di indigenza (ITALIANI E NON)?????? ma certo, meglio fare i buoni e gli splendidi, riempirsi di accoglienza, belle parole, accusare chiunque di fobie, razzismo .. il tutto .. a pagamento però! non c’è che dire, complimenti alle ong, ai partiti e alle persone che le sostengono: DOVE SIETE??? ve lo dico io, girati dall’altra parte! fino a quando? finché non ci sarà qualcosa da guadagnare o magari il politico di opposizione da insultare, ma prima di allora di queste persone, di cosa fanno realmente e di come vivono ve ne frega. Questa è la prova, così come per tutti quelli che bivaccano a milano per esempio, e in tutte le grandi città, basta andare in stazione per trovarli.
    COmplimenti ong e seguaci a pagamento.

    Formisano, sono d’accordo ma in parte: dovresti distinguere causa ed effetto, azione e reazione, prima e dopo! …i supposti razzisti non lo sarebbero se non fosse imposta loro una accoglienza ipocrita e finta, a pagamento, generando condizioni al limite della legalità..

  8. il sign.Formisano che si erge a dispensatore di chicche di saggezza e di purismo etico-sociale,trovando sempre la via di mezzo dovrebbe spiegare,nel caso specifico,se il povero Adam,passate le fanfare del buonismo dilagante debba rimanere un pericolo pubblico per se’ e altri o debba essere rimpatriato nel suo paese??????

  9. Partiamo dall’ultima notizia di Adam di ritorno a Salerno

    https://www.salernonotizie.it/2019/09/23/adam-liberato-dal-centro-di-espulsione-e-di-nuovo-solo-in-strada-le-foto/

    Abbiamo pensato di andarlo ad attendere davanti al cancello del Cpr di Bari per non lasciarlo solo, per non farlo ripartire dallo stato di abbandono, di solitudine, di rischio dell’acutizzarsi di quel disagio mentale che aveva portato a diversi atti difficili da comprendere ed immagina per una persona nella piena consapevolezza di intendere e di volere

    Per non lasciarlo solo davanti a quel cancello del Cpr di Bari, perché altro non sarebbe accaduto che la sua rimessa in libertà secondo quello che prevede il diritto nel rispetto dei diritti

    Per continuare o meglio riprendere quel percorso flebile ma esistente di sostegno ad una esistenza minima ed abbandonata, nonostante il precedente ricovero in psichiatria per una ipotetica “pericolosità sociale” MAI, e dico MAI riscontrata.

    Arrivato a Salerno, ci si è preoccupati di non farlo tornare in strada a dormire, mangiare, ma si è trovato una esperienza cristiana di accoglienza, non sicuramente adeguata per la problematica medica ma volenterosa di non lasciarlo solo, per poter iniziare un percorso più incisivo, più determinato, più rispettoso dei diritti di un uomo ed in particolar modo di una persona con qualche difficoltà relazionale e cognitiva

    Da quel giorno una rete di persone lo accompagnano:
    🤝con il volontario che lo ha accompagnato alle diverse visite mediche e psichiatriche
    🤝con l’avvocato volontario che lo segue nell’iter per far sì che gli venga riconosciuto un permesso di soggiorno, necessario al suo inserimento in un percorso di riabilitazione. Senza documenti, sarebbe condannato a rimanere ancora in strada in un inutile stato di abbandono dannoso per tutti.
    con la rete di amici di Adam che lo va a salutare durante il giorno nei luoghi che egli frequenta, come facciamo tutti noi
    🤝con i volontari che presso la struttura fanno il turno di notte per assicurarsi che tutto passi nel migliore dei modi con la struttura professionale che si è resa disponibile ad accoglierlo per le opportune, necessarie cure
    🤝con l’esperienza del terzo settore che ha messo a disposizione le proprie professionalità per trovare i fondi per provvedere alle sue cure cliniche

    Tutti noi lo accompagniamo in attesa che chi, già da tempo (da molto tempo) doveva provvedere a diagnosticare la sua problematica, a curare la sua problematica ad individuare apposite strutture per questo; un’attesa che oramai ha raggiunto gli oltre quindici giorni, che ha richiesto telefonate, incontri, messaggi ma che ad oggi rimane ancora UN’ATTESA

    Oggi Adam non dorme in strada, la mattina DA UOMO LIBERO quale è, esce e gira, passeggia per la città, rientra per il pranzo, riesce nel pomeriggio, rientra per la sera, si prende cura di se, lavandosi quotidianamente, cura il luogo in cui è ospitato provvedendo alle pulizie quotidiane della stanza

    Adam oggi dialoga sicuramente di più rispetto ai giorni del pre Cpr

    Adam oggi passeggia e si reca nei luoghi a lui cari o che per lungo tempo hanno fatto parte della sua vita, della sua storia ma forse inserito in una struttura potrebbe recuperare un nuovo equilibrio e nuovi riferimenti di quotidianità

    Adam sicuramente non ha risolto le problematiche diagnosticate perché, come noi, anche lui attende l’inizio del giusto percorso di accompagnamento al recupero cognitivo e psicologico
    Tutti noi siamo in attesa che chi, già da molto tempo doveva provvedere a collocarlo adeguatamente per evitargli uno stato di abbandono in strada dannoso per tutti
    Tanto ci tenevamo a chiarire da semplici cittadini e uomini e donne di buona volontà
    Antonio, Rossano, Rossella, Luca, Giuliano, Gaetano. Giuseppe, Mauro, Giorgio, Mario, Francesco, Marta, Caterina e tanti altri amici di Adam

  10. Caro Sig. Antonio,
    ed al disagio dei residenti e commercianti di via Clark chi ci pensa?
    Sono due anni che cerchiamo di trovare ad Adam un luogo che lo ospiti adeguatamente, perché lì in quelle condizioni e con le sue problematiche mentali non può stare, ma a nulla è servito contattare associazioni, vigili, polizia e carabinieri e chi più ne ha più ne metta.
    Intanto anche noi ci siamo sentiti abbandonati per la strafottenza e menefreghismo del sistema che non funziona.
    Con tutto il rispetto per la storia ed il vissuto di questo ragazzo dico che la non può stare perché se non è mentalmente sano ed io non mi sento tranquillo.
    Non lo avete visto voi dimenarsi a cazzotti contro la vetrina del mio negozio, non è venuto a casa vostra a buttare i suoi rifiuti come ha fatto con me ed altri in zona, non avete dovuto accompagnare voi ogni sera la vostra segretaria a prendere la metropolitana per paura di trovarselo dietro, quindi finitela di fare chiacchiere e portatevelo voi a casa oppure rimediategli una sistemazione da uomo libero da un’altra parte che noi abbiamo già dato.
    Grazie

  11. Ringrazio il sig. Antonio per la testimonianza di quanto finora si è fatto e ancora si tenta di fare per risolvere il problema del povero Adam.
    Giusta risposta a quanti blaterano salvinianamente di rimpatri, giuste punizioni, invasioni e quant’altro, poveri stolti destinati ad essere giudicati dalla storia e dal Dio che la domenica pregano ipocritamente in chiesa.
    Ringrazio altrettanto il sig. Marcello che ha messo in luce l’altra parte del problema, ovvero i residenti di Via Clark che da anni subiscono una situazione spiacevole, senza che nessuno riesca a trovare una soluzione.
    La verità come al solito sta nel mezzo, non esiste una soluzione facile ad un problema complesso, con buona pace di chi parla per slogan.

  12. In questo manicomio di paese qualche pazzo in più vuoi che sia un problema?

    Quelli sani di mente sono già andati o stanno preparando le valige.

  13. ai buonisti ottusi che continuano a mettere salvini nel discorso: non arrivate a capire che salvini è una soluzione al un problema che i cittadini SENTONO quotidianamente??? non è il problema, ma la soluzione! giusta o sbagliata non sta a me dirlo, ma iniziate a capire questo. Dopodiché, la vostra soluzione quale sarebbe? io ne vedo solo una da parte vostra: continuare a importare poveri e clandestini e ad addossare le colpe a chi sta a casa propria accusandolo di razzismo e di non fare abbastanza! bene, di tutto questo la gente è stanca. Quando VOI avrete una soluzione per i problemi della gente normale, lavoratori, famiglie, allora salvini sparirà. Al momento, visto che VOI non avete soluzioni ma solo accuse e attitudine a scaricare i problemi creati da voi sugli altri, allora salvini o chi per lui hanno strada spianata! Il problema siete VOI e le vostre NON-soluzioni. La sinistra deve tornare a fare la sinistra, per il cittadino, l’operaio, la classe media e medio bassa italiana, cosa che ha smesso di fare da decenni ormai…
    Unica vostra soluzione è accusare gli altri, diffondere odio personale verso il salvini di turno, e siete pure ipocriti perchè la totalità delle persone che si dichiarano di centrosinistra, nei fatti, in mia esperienza, dicono frasi ben più razziste di un salvini (al quale non ne ho mai sentite tra l’altro).
    Le vostre soluzioni, dove stanno? (oltre a importare a pagamento nuovi schiavi e clandestini)

  14. Matteo ed altri: il problema, quello, lo avete importato voi, lo capite? in italia di emarginati ne avevamo pure prima, così come per sone con problemi mentali, ma quella persona in oggetto qui non ci stava, e probabilmente neppure ci vuole stare!
    Quando si sradica una persona dalla propria famiglia e dal proprio paese, il risultato più comune è proprio questo.. Pensate i fare del bene a queste persone, “accogliendo”, invece li state uccidendo, VOI. Provate voi a voler andare in un paese e a ritrovarvi obbligatoriamente a vivere in un altro, senza famiglia senza affetti senza soldi probabilmente.. questo è il risultato, colpa di chi li importa e di chi sostiene questi loro viaggi (dietro lauto compenso, mascherato da “aiuto”).

    Questi che importano clandestini dall’africa, assieme alle leggi assurde europee che obbligano a stare in un paese che non hanno scelto loro, sono la VERA CAUSA del problema di questo e altri ragazzi.

    “Esseri sradicati non hanno che due comportamenti possibili: o cadono in una inerzia dell’anima che equivale alla morte, o si gettano in attività che tendono sempre a sradicare, spesso coi metodi più violenti, coloro che non lo sono ancora” (Simone Veil, deportata nazista)

  15. Voglio sprecare cinque minuti del mio tempo e provare a rispondere all’illuminato che usa “uno” come nickname.
    Ho riletto tutti i commenti, nessuno parla di Salvini. Mi sa che l’ossessionato da Salvini sei tu. Solo io ho accennato alle politiche Salviniane, perchè, “uno”, svegliati, Salvini ci ha (s)governato per quattordici mesi fino all’altro ieri. E la sua “politica” (la definirei piuttosto propaganda h24) è stata sempre e solo incentrata sui migranti.
    Dici che i migranti li portiamo noi qui. Davvero credi a quello hai detto? Cosa darei per poterti guardare in faccia e sentirti dirlo a voce alta senza vergogna. O sei ignorante (nel senso che ignori, che non conosci l’argomento), o sei in malafede. Pensi davvero che il PD, il tanto vituperato PD, o le ONG, le criminali ONG, vadano ogni giorno in Africa o in Asia a prelevarli forzatamente per portarli qui e lasciarli per strada? O non è forse vero che siamo testimoni di un evento epocale, le migrazioni transcontinentali che nei prossimi anni saranno sempre più importanti e devastanti, a causa di guerre, cambiamenti climatici, crisi economiche? E che non ci saranno muri o leggi che potranno porre un freno se non si interverrà a livello globale?
    E pensi davvero che Salvini sia la soluzione? Dimmi, cosa ha fatto Salvini in quattordici mesi, a parte blaterare e fare finta di chiudere i porti, bloccando qualche nave mentre a Lampedusa continuavano ad arrivare a centinaia, alla chetichella come sempre, da almeno venti anni a questa parte? Per inciso, chi viene in Italia lo fa solo perché è il porto più vicino, poi scappano in Francia, Germania, nord Europa. Trattati o non trattati. Scappano dall’Italia. Ma di questi arrivi quotidiani Salvini taceva. Si faceva bello con poche centina di persone bloccate sulle navi delle ONG, poi quasi tutti scesi a terra.
    Ed ora che non è più lui alla guida, per screditare il primo timido accordo informale tra Italia, Francia, Germania e Malta, primo passo concreto (ma sicuramente insufficiente), cosa dice? Che è inutile perché con le ONG arriva solo il 10% degli immigrati? Dico, non ti senti vagamente preso per i fondelli?

  16. Matteo: impara a leggere, ti dico solo questo. “blaterano salvinianamente di rimpatri” chi lo ha scritto!??!
    detto questo non entro nel merito delle scemenze di chi continua a sostenere l’illegalità e gli ingressi clandestini, cosa che nessun paese di nessun partito politico, compresi (e soprattutto comunisti e di sinistra) consente! Tutto il resto che hai scritto sono solo sciocchezze che vengono da profonda ignoranza e scarsa conoscenza della realtà africana. Accordo informale?!?! ma ti rendi conto della balla che dici e dite??! informale che vuol dire?!? che non conta nulla! infatti già se ne sbattono dell’accordo, e gli sbarchi sono ripresi, a centinaia in pochi giorni.
    Uno che cerca di entrare in un paese che non è il suo, a migliaia di km dal suo, non è uno stinco di santo. La legge internazionale consente ai rifugiati di entrare nel PRIMO paese non in guerra: ti risulta che dalla nigeria il primo paese non in guerra sia l’italia? a parte il fatto che non c’è guerra in nessuno di quei paesi..
    Salvini non taceva, anzi, quello che dici sugli sbarchi “non ong” è la prova che lui non è mai stato contro la persona africana in sé, ma contro il “giro economico e POLITICO” che ruota attorno alle ong! Il fatto che “taceva” come dici tu, vuol dire che li accettava! e quindi per correttezza morale (che vi manca completamente) dovreste dargliene merito, e invece lo attaccate!
    Studia invece di fare il saccente e giudicare moralmente gli altri per il solo fatto che sostegono legalità e rispetto per le leggi da parte di tutti..
    Potrei dire tanto altro ma perderei l’acqua e il sapone, oltre che tempo che non ho inquesto momento. I presi per i fondelli siete voi, purtroppo, e non ve ne accorgete! State a parlare di politica di destra quando poi NESSUN partito di sinistra accoglie come voi vorreste (a parole). Prova ad entrare a Cuba, in Cina (o in qualunque altro paese di sinistra o “democratico” tipo Francia o Germania) senza documenti e poi vieni a scriverci come ti è andata e a farci la morale, se sei ancora in condizione di farlo…. che pena che fate

  17. Rileggi il mio post, e chiedimi scusa. Avevo appunto detto che avevo accennato alle politiche salviniane. Impara a leggere tu.
    Poi potrai affontare una discussione, a mio avviso le inesattezze sono tutte nel tuo ultimo messaggio, da leggere con un sottofondo sonoro di dita che stridono sugli specchi.
    Ma qui è inutile continuare a discutere, anche io ho del sapone da non sprecare. Ho già sprecato ben più di cinque minuti, e cliccato su troppi semafori!
    Ti auguro buona vita.

  18. ma che vai blaterando TU su “uno”?? TU scrivi “blaterano salvinianamente” per PRIMO e poi dici che nessuno ha parlato di salvini?? ma chiedi scusa TU, agli italiani pensanti e pure alla lingua italiana. La discussione sei TU a non essere in grado di portarla avanti, lui di inesattezze non ne ha scritte neppure una, infatti non elenchi neppure una di queste “supposte inesattezze”.
    “blaterano salvinianamente” (cit. Matteo 24 Settembre 2019 at 10:26, dalla memoria cortissima e dalle unghie consumate sugli specchi della palese falsità!)

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.