Renzi e la inquietudine della leadership (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Matteo Renzi ha giocato d’anticipo e anziché attendere “La Leopolda”, così come aveva lasciato intendere, per l’addio al Partito Democratico e annunciare la nascita di “Italia Viva”, ha scelto le pagine de “La Repubblica”, il salotto di “Porta a Porta” e i tasti di Twitter. Del tutto comprensibile l’amarezza che aleggia al Nazareno costretto a registrare un’altra, dolorosa scissione.

Con lui, in Parlamento, Maria Elena Boschi e una pattuglia di altri 14 senatori e 25 deputati, tra cui le ministre Bellanova e Bonetti e il senatore Nencini, presidente del PSI, grazie alla disponibilità del quale a Palazzo Madama si è potuto costituire il gruppo autonomo, “Partito Socialista Italiano-Italia Viva”, a cui aderisce anche la senatrice Conzatti, in rottura con FI.

Nel PD restano, invece, fra gli altri, il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini; il capogruppo al senato, Andrea Marcucci; il deputato, Luca Lotti. Neppure il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha seguito l’amico e predecessore. Personalità che ora sono guardate da chi, con ammirazione e da chi, con un pizzico di diffidenza.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, informato da Matteo Renzi a scelta fatta, ha espresso fermo disappunto, in particolare per la tempistica. Tanto più perché se tale mossa – nell’aria da tempo – fosse stata fatta prima che componesse la squadra di Governo, gli avrebbe consentito di elaborare un ragionamento più approfondito e di calibrare la sua maggioranza, secondo gli effettivi assetti. Oramai, le repentine contraddizioni e le sortite del rottamatore non dovrebbero stupire nemmeno più. Sarebbe ridondante elencare le più note.

Renzi, inducendo Zingaretti a rincorrere e abbracciare Di Maio, ha favorito lo sblocco di una situazione di ambasce e concorso a determinare la nascita dell’attuale Esecutivo. Tuttavia, se volessimo interpretare gli eventi secondo il pensiero machiavellico, peraltro a lui caro, potremmo rilevare che l’ex premier ha evitato, con le elezioni anticipate, la conseguente decimazione dei componenti il Giglio Magico e dei loro aggregati.

Ragionevolmente gran parte dei suoi compagni di ventura non sarebbero stati ricandidati, o riconfermati. Ed invece, quel “fiore” destinato ad appassire, d’incanto si è rigenerato in un nuovo spazio politico. “Italia Viva” si presenta come un’area liberal-democratica che ammicca ben oltre coloro che simpatizzano per i Dem; tant’è che pure tra le fila berlusconiane c’è stato chi ne ha colto da subito la insidia.

Sul piano strategico, bisognerebbe fare chapeau a Matteo Renzi per la rara abilità; per il guizzo felino con cui è riapparso nel momento più delicato e per come sia riuscito ad imporsi sulla scena e a condizionare l’intero copione. Osservando meglio, però, quanto avvenuto negli ultimi giorni, risulta complicato non restare almeno confusi dalla frenesia degli accadimenti. Fatti che finiscono col disorientare e alimentare la incertezza, non solo nei palazzi, ma soprattutto fra la gente.

Sarà il tempo a stabilire se Renzi sia stato o no capace di indicare una strada conveniente, oltre che per sé e i suoi, anche per il Paese. Il problema è che pazienza e tempo da investire sulla fiducia, l’Italia, quella pulsante, quella verace, pare proprio non ne abbia più.

Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.