False residenze per sconti sepoltura defunti: arresti ad Angri

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
False dichiarazioni di residenza in cambio di sconti per la sepoltura e la tumulazione dei defunti. Sono finiti, così, nei guai, insieme ad altre tre persone, i custodi del cimitero di Angri, in provincia di Salerno. Nella mattinata di oggi, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Nocera Inferiore, i carabinieri della stazione di Angri) hanno eseguito le misure cautelari del divieto di dimora nella provincia di Salerno e l’interdizione dai pubblici uffici, emesse dall’ufficio Gip del tribunale di Nocera Inferiore, nei confronti di 5 persone, ritenute complessivamente responsabili – a vario titolo – di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, truffa, violazione di sepolcro, abuso d’ufficio e falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico. In totale, l’inchiesta riguarda 18 persone: tre accusate di spaccio e 15 di truffa, violazione di sepolcro, abuso d’ufficio e falsa ideologia commessa dal privato in atto pubblico. Le indagini, che hanno preso spunto dal decesso, avvenuto il 1/2/2019 di un 19enne di Angri affetto da patologia congenita hanno svelato un traffico di stupefacenti nel territorio del Comune (posto in essere dai 3 soggetti colpiti dal divieto di dimora) e, parallelamente, hanno portato alla luce alcune condotte illecite inerenti alla gestione dei servizi cimiteriali angresi. In particolare, è emerso che due degli indagati, custodi del cimitero, dipendenti del Comune di Angri – a carico dei quali è stata applicata la misura della sospensione dall’esercizio del pubblico servizio – in virtù di un accordo con diversi familiari dei defunti, concertavano la ricezione di dichiarazioni false di residenza delle persone decedute per corrispondere un ammontare inferiore a quanto previsto per la sepoltura e tumulazione del defunto. Nel corso delle indagini, alcune aree del cimitero sono state sottoposte a sequestro preventivo di iniziativa da parte della Stazione di ANGRI – a causa di gravi carenze e violazioni igienico-sanitarie e di sicurezza rilevate – e nell’ambito dell’operazione, agli indagati, sono state preventivamente sequestrate le somme di denaro profitto dei reati contestati in danno del Comune di Angri.

Fonte PuntoAgronews

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.