Salerno: scatta il nuovo piano traffico in città

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
Rafforzamento dei trasporti pubblici su gomma e su ferro e cambio della viabilità tra via Mobilio, Vinciprova e Irno.

Sono queste alcune novità del nuovo piano traffico promosso dall’amministrazione comunale e realizzato dall’Università di Salerno e presentato al Comune di Salerno. Lo scrive Le Cronache oggi in edicola

Tra i punti cardine l’ampliamento dei servizi pubblici e l’incremento in particolare delle corse della metropolitana leggera anche in vista del progetto di allunga mento fino all’aeroporto di Pontecagnano Faiano.

Si valuta in tal senso anche la concessione alle Ferrovie dello Stato delle stazioni della Metropolitana di Salerno. Le Ferrovie potrebbero così garantire più corse ma anche una maggiore capienza dei convogli.

Ancora più autobus in città e più collegamenti anche con le frazioni collinari che a quanto pare beneficeranno anche di progetti di mobilità per accorciare le distanze.

Si valuta – scrive Andrea Pellegrino su Le Cronache – l’ipotesi di un totale cambio dell’attuale viabilità in corrispondenza della Cittadella giudiziaria di Salerno, della Lungoirno e delle già discusse rotatorie dell’Irno.

Le proposte
– sono state individuate intersezioni e direttrici che richiedono particolare attenzione in termini di vigilanza;
– sono state individuate le intersezioni in cui è opportuno prevedere dispositivi per la dissuasione della sosta;
– sono state analizzate possibili soluzioni alternative riguardanti:, Viale Unità d’Italia, Via Vinciprova, Piazza Michele Scozia, via Irno, via Croce, via Nizza.
– Progettazione di un sistema di gestione intelligente in tempo reale delle intersezioni semaforizzate lungo la direttrice di corso Garibaldi (altezza stazione).

2a. Trasporto collettivo urbano
Filosofia generale
– ridefinire una rete di servizi chiara, schematica e facilmente comprensibile.
– Incrementare le frequenze del servizio non coerenti con un servizio urbano
– Ridurre la lunghezza delle linee
– Ripensare i servizi a bassa domanda e periferici con servizi di natura differente (servizi a chiamata, taxi collettivo, ecc.)
– garantire la copertura di tutte le zone a maggiore densità abitativa.
La proposta
– 7 linee principali circolari con nodi di interscambio in piazza Concordia e via Vinciprova
– 3 linee longitudinali
– 4 trasversali
– Frequenza compresa tra 8-12 minuti
– Nodi di interscambio in corrispondenza di aree di sosta
– Priorità semaforica in corrispondenza delle intersezioni semaforizzate
– Proteggere direttrici principali dalla sosta illegale bordo strada (concentrare controllo, sistemai di dissuasione della sosta)
– servizi Metropolitana

2b. Trasporto collettivo Extra-urbano
Filosofia generale
– i collegamenti con i comuni più vicini devono essere meglio supportati per disincentivare l’uso dell’auto sulle distanze minori;
– numero corse devono essere coerenti con le reali esigenze di mobilità;
– orari e frequenze devono essere coerenti con le reali esigenze di mobilità;
La proposta
– rimodulare la frequenza del servizio da/verso comuni limitrofi
– ridurre sovrapposizioni tra gomma-ferro

3. Mobilità dolce
Filosofia generale
Un’alternativa all’uso dell’auto, soprattutto sulle direttrici longitudinali, possono essere rappresentate dalla bicicletta e dai piedi. Entrambe le soluzioni devono essere incentivate con infrastrutture/servizi dedicati, supporti tecnologici adeguati e da opportune di campagne finalizzate ad incrementare la percezione delle suddette modalità da parte della popolazione.

Le proposte
– Salerno@Piedi
È stato disegnato un sistema di MetroPedonale a servizio dei principali attrattori della città: percorsi pedonali per muoversi verso i principali attrattori: piacevoli, minime pendenze, protetti, segnalati e implementabili in un’unica APP.
– SalernoINbici
Sono tati individuati di 5 circuiti ciclabili a pedalata normale e/o assistita (anche utilizzabili da monopattini elettrici) in sede propria e con rastrelliere ogni 500 metri. i circuiti sono integrati tra loro e integrati con il sistema delle linee TPL. È ragionevole immaginare servizi di bike-sharing a pedalata normale e assistita.
– PediBuSalerno
A partire dalla MetroPedonale, sono stati individuati percorsi PEdiBUs per favorire gli spostamenti a piedi degli studenti opportunamente supportati.
– Implementare politiche di marketing (rendere il cittadino consapevole dell’utilità di uno spostamento a piedi/bicicletta) e, soprattutto, di incentivazione alla mobilità dolce: agevolazioni in base ai km fatti a piedi in bici (abbonamenti trasporto pubblico, sconti su TARI, ecc..)

4. Sosta
Filosofia generale
In attesa della realizzazione di nuove aree di sosta (e.g. Piazza Libertà) è necessario individuare una struttura chiara e gerarchica dell’offerta di sosta. L’utente che entra a Salerno e/o che si muove all’interno della città deve avere un quadro chiaro della posizione, del riempimento, delle tariffe e dei percorsi per raggiungere i parcheggi pubblici (ma anche privati). È, inoltre, necessario
a) limitare i tempi di ricerca parcheggio che moltiplicano le lunghezze degli spostamenti,
b) favorire la sosta in parcheggi periferici per gli utenti in ingresso in città,
c) disincentivare l’uso dell’auto per spostamenti inferiori al chilometro,
d) favorire la rotazione della sosta (per residenti e commercianti).

Le proposte
– Definizione di un’organizzazione gerarchica delle aree di sosta in parcheggi periferici, semi-centrali e centrali.
– Rimodulazione delle tariffe, ipotizzando tariffe sensibilmente crescenti tra aree di sosta periferiche e centrali;
– Realizzazione di sistemi di integrazione modale di tipo Park & Ride coordinati con il nuovo assetto del trasporto collettivo;
– Implementazione di sistemi tecnologici “avanzati” di informazione all’utenza (APP e pannelli) in grado di indicare la soluzione di sosta migliore in base alla disponibilità reale e alle esigenze dell’utente.
– Ridefinizione delle modalità di tariffazione: distinguere aree di sosta adibite a lunga sosta (tariffe decrescenti nel tempo) e aree di sosta adibite a sosta breve (tariffe crescenti nel tempo).
– Definizione di tariffe differenziate per:
o ora del giorno (penalizzando le ore di maggiore afflusso/congestione);
o residenti e non residenti;
o per possessori di abbonamenti al trasporto;
o per utenti che normalmente si spostano a piedi/bici.
– Rivisitazione della estensione di alcune ZPRU.
– Introduzione di nuove ZPRU, ovvero l’estensione della tariffazione della sosta ad aree attualmente non tariffate ma fortemente congestionate.

5. Tecnologia
Appare opportuno creare un’unica piattaforma in grado di mettere a sistema le numerose fonti di dati delle diverse componenti del sistema di trasporto. L’idea è un’unica APP che integri informazioni esistenti e rappresenti il sistema di trasporto plurimodale e intermodale della città di Salerno.
– Aree di sosta (posizione, disponibilità attuale e futura, tariffe, percorso)
– Percorsi, orari e posizione mezzi trasporto collettivo
– Percorsi pedonale (percorso, opportunità lungo il percorso e tempo di viaggio) e possibili coincidenze lungo il percorso con il trasporto collettivo
– Percorsi ciclabili (percorso, opportunità lungo il percorso e tempo di viaggio) e possibili coincidenze lungo il percorso con il trasporto collettivo
– Gestione del sistema di park and Ride
– Fenomeni di congestione e percorsi alternativi

6. Cultura della mobilità sostenibile sostenibilità

E poi c’è un problema dì lungo termine. Bisogna cambiare la mentalità e la sensibilità delle persone, avvicinare le persone a comportamenti di mobilità differenti. Questo richiede uno sforzo di “Imprinting” culturale che deve portare ad un educazione sulla sostenibilità dei propri spostamenti, sugli effetti e sui benefici di uno spostamento sostenibile (piedi, bici,…).
– L’auto Deve diventare la opzione ultima cui pensare.
– Bisogna Ricostruire fiducia e Affidabilità del sistema.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. Restano sulla carta?
    Mi spiego: nell’articolo ci sono idee irrealizzabili al momento come l’aumento delle corse metropolitane.

  2. Ancora a parlare di mobilità ma senza le corsie preferenziali dove volete andare a sbattere se ci sono più autobus e le auto parcheggiano in doppia e tripla fila come possono essere puntuali e avere uno scorrimento veloce

  3. A Salerno avevamo le corsie preferenziali lato lungomare dal teatro verdi al ponte fiume irno andando verso sud.. Inoltre per una mobilità ecologia filobus sul percorso urbano da via ligea allo stadio arrechi con cadenza di 15 minuti in ora di punta

  4. Fate anche parcheggi gratis o ad un euro al giorno x bici nei pressi di vinciprova o stazione, perché anche chi vuole utilizzare la bici non trova brutte sorprese, a salerno ci sarebbe una grande affluenza a questo servizio

  5. Allora: io abito a Pastena e se devo scendere in centro con i miei cari, utilizzando la metro, mi viene a fare quasi 10 euro (4 pax).
    Al di là di tutte le morali ambientaliste (che io spero vengano adottate dalla cittadinanza) bisogna tener conto di tutte quelle persone che non hanno la volontà o i mezzi per lasciare l’auto a casa.
    Di tutti quei cittadini che corrono su e giù per l’intera giornata e non possono aspettare il trenino vita naturaldurante (2 corse all’ora).
    Delle numerose persone che, per loro sfortuna, sono costrette a dover accudire i loro cari malati e quindi ad utilizzare l’auto per qualsiasi banale motivo.
    Ecco, si incomincia ad ascoltare la voce di tutti.

  6. chiaro che bisogna agevolare i residenti con tariffe agevolate dicasi per l area suburbana in modo da poter prendere piu volte metro e bus….e basta con ste quadruple file …….

  7. ma scusate… l’abbonamento costa circa 35€ al mese… viaggi illimitati… bus – eh, i bus… funzionassero a dovere, molti più utenti ci sarebbero eccome – ed il trenino urbano… ma che volete di più? 4 persone 10€… si, perchè probabilmente compri il biglietto corsa singola… non trovate sempre scuse…

  8. Se si iniziasse a far rispettare il codice della strada,senza auto parcheggiate in modo incivile,il traffico sarebbe scorrevole e si scoraggerebbero gli automobilisti che sono abituati ad arrivare fin sulla soglia del negozio o ufficio di loro interesse. Lavoro da fare tutti i giorni e a tutte le ore e non come adesso una tantum. Ma è mai possibile che da Mercatello al Teatro Verdi se ti va bene impieghi mezzora?

  9. Se vuoi risolvere il problema ci vogliono parcheggi fuori città a prezzi onesti e mezzi pubblici che viaggiano su corsie preferenziali con tempi di attesa di max 15 minuti. Se non hai queste cose sono tutte chiacchiere.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.