La Rcm a Civitavecchia: al via il cantiere per la nuova darsena traghetti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
L’impresa salernitana Rcm Costruzioni approda al Porto di Civitavecchia. Come azienda esecutrice per il Consorzio Stabile Grandi Lavori, l’impresa di Sarno  realizzerà il pontile della nuova darsena traghetti nell’ambito del progetto ‘‘BClink: MOS for the future’’.

Questa mattina in rappresentanza del gruppo, i fratelli Elio ed Eugenio Rainone hanno ricevuto dall’Autorità di Sistema Portuale Del Mar Tirreno Centro Settentrionale la consegna del cantiere. L’opera, che sarà realizzata presumibilmente in 12 mesi, avrà ricadute positive anche a livello occupazionale.

“Per la R.C.M. Costruzioni, questo intervento rappresenta – hanno dichiarato i rappresentanti del gruppo, Elio ed Eugenio Rainone – la possibilità di confermare la consolidata esperienza del nostro gruppo nella realizzazione di importanti infrastrutture portuali, aggiungendo l’intervento di Civitavecchia all’elenco di lavori effettuati ed in corso in numerosi e importanti porti italiani”.

Alla società F&M Ingegneria, leader in Europa nel settore della progettazione delle opere marittime, il compito, attraverso l’ingegnere Tommaso Tassi, di curare la progettazione esecutiva, coordinata alla proposta migliorativa.

Il progetto di Civitavecchia, co-finanziato dalla Commissione europea, è di fondamentale importanza  per rispondere all’aumento e all’ulteriore sviluppo del traffico Ro/Ro e Ro/Pax non solo sulla “rotta” Civitavecchia–Barcellona, sempre più competitiva, anche in ragione dei vantaggi di carattere ambientale, ma anche, in virtù dell’attività di promozione che l’Authority sta portando avanti, sulle potenziali nuove linee marittime con il nord Africa.

“Siamo in una fase molto importante per le Autostrade del Mare. Grazie al progetto “BClink” avremo un ulteriore rafforzamento del corridoio intermodale tra il porto di Civitavecchia e il porto di Barcellona con benefici non solo in termini di traffici ma anche in termini di sicurezza e sotto il profilo ambientale.

Il trasporto intermodale, infatti, in cui la componente marittima sia prevalente, determina indubbi vantaggi sulla riduzione delle emissioni nocive nell’aria, rispetto al trasporto tutto su gomma, e contribuisce a decongestionare il traffico sulle nostre strade e autostrade – ha dichiarato il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Francesco Maria di Majo – Con il completamento di opere infrastrutturali portuali come la nuova darsena traghetti il porto di Civitavecchia assurgerà, quindi, a vero e proprio polo dei segmenti Ro-Ro e Ro-Pax (principalmente collegamenti di linea con Tunisi e Barcellona) dell’Italia Centrale”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.