Manovra: Lo “scippo” nascosto sulla casa. Ecco la mazzata sui proprietari

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Nella manovra varata dall’esecutivo giallorosso dopo una nottata di “risse”, tensioni e discussioni, spunta un rincaro su una tassa specifica che non piacerà a milioni di italiani.

Infatti tra le pieghe tassarole di questa manovra c’è la batosta sugli affitti. Il govenro ha infatti deciso di aumentare l’aliquota della cedolare secca. Una tassa pagata da milioni di proprietari di case che decidono di affittare un appartamento. La cedolare secca infatti adesso sale al 12,5 per cento. Un rincaro non da poco sull’aliquota che permetterà allo Stato di fare cassa.

La aliquota lieviterà di ben due punti e mezzo percentuali passando dal 10 al 12,5 per cento. Il provvediemtno riguarderà milioni di proprietari che di fatto adesso dovranno aprire il portafogli per un esboros imprevisto. E le associazioni di categoria e il mondo immobiliare è già sul piede di guerra.

“Il Governo avrebbe deciso di aumentare l’aliquota della cedolare secca sugli affitti abitativi a canone calmierato. È una misura sociale, ha abbattuto l’evasione nelle locazioni, non costa nulla allo Stato… e il Governo decide di aumentare l’aliquota. Sconcertante”, ha affermato il presidente di Confedilizia, Giorgio Spanzani Testa. Le opposizioni intanto vanno all’attacco dell’esecutivo e sottolinenano quanto sia stata imprudente la mossa di mettere le mani nelle tasche di chi ha una casa:

“La cedolare secca sugli affitti per sempre, ma sale al 12,5%. Ecco il regalo del governo che ha promesso di tagliare le tasse, che ha spergiurato di non inserire la patrimoniale nella lista infinita di gabelle a cui siamo sottoposti. E invece, puntuale come i post autocelebrativi dei ministri grillini, ecco l’aumento su una misura che ha contribuito sensibilmente a eliminare gli affitti in nero.

Lo dicono i dati della Guardia di Finanza, dei ministeri competenti e delle associazioni di categoria. Tutti, all’unanimità. Una misura che produce un gettito certo e sostanzioso per le casse dello Stato.

Comprendiamo le difficoltà del ministro di Gualtieri di tenere insieme le proposte di un’armata brancaleone, ma eviti di spremere gli italiani come limoni”, ha affermato il deputato azzurro Roberto Cassinelli. Insomma ancora una volta la manovra di matrice rossa ha un obiettivo chiaro: tasse, tasse e ancora tasse.

Fonte Il Giornale.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Purtroppo, pur essendo di diversa matrice politica, devo dire che questo articolo è troppo fazioso per essere analizzato….consiglierei all autore un’attenta lettura dei principi progressivi di tassazione…

  2. Per me non cambia nulla….anzi ben venga che i ricchi e i proprietari paghino qualche Lira in più.
    La cedolare secca al 10% era un obbrobrio iniquo…contro i valori di un piccolo stipendio che arriva anche al 20% al netto di detrazioni.
    Ora al 12 e 50% e si piange!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.