Cava, non ricoverano il padre: rissa in ospedale con arma da fuoco

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Due persone sono rimaste ferite a Cava de’ Tirreni (Salerno) in seguito a una sparatoria avvenuta di fronte all’ospedale “Santa Maria Incoronata dell’Olmo”.

La lite sarebbe iniziata all’interno del nosocomio, presumibilmente per motivi legati alla sanità. A sparare per primo sarebbe stato il padre del medico coinvolto nella discussione. Entrambe le persone ferite, secondo quanto si apprende, sono ricoverate ma non sono in pericolo di vita.

Tutto è iniziato da una semplice frase: «Per favore si accomodi fuori».  Il medico di turno, cavese, non sembra disposto a fare un’eccezione al regolamento e lo invita ad aspettare in sala di attesa. L’infermiere non accetta l’ordine perentorio e inizia a minacciarlo. Il chirurgo ribatte: «La denuncio».

A questo punto il figlio del paziente lo aggredisce e gli stringe le mani al collo. A fermarlo sono gli altri infermieri in servizio, che lo portano fuori. La calma sembra ristabilita, ma non è così. Nel piazzale dell’ospedale arriva il papà del medico, professore in pensione (i carabinieri dovranno accertare se è stato il figlio a chiamarlo), che si scaglia contro l’infermiere: spintoni, urla e poi inspiegabilmente l’uomo estrae una pistola dalla tasca dei pantaloni.

Solo una manciata di secondi e con freddezza colpisce l’infermiere a un braccio e una gamba. L’uomo finisce a terra, mentre il padre del chirurgo scappa verso una piccola traversa di fronte all’ospedale. Lo insegue il figlio dell’infermiere ferito: dopo una colluttazione, viene raggiunto da un proiettile alla caviglia. I carabinieri dovranno accertare se il colpo è partito fortuitamente. A soccorrerlo sono gli stessi sanitari del Santa Maria dell’Olmo, increduli per quanto accaduto. «Per una banalità poteva accadere una tragedia – si lasciano scappare -. Un proiettile vagante poteva colpire anche noi».

Intanto in una nota in riferimento all’episodio occorso nel pomeriggio di oggi presso il Presidio Ospedaliero Santa Maria dell’Olmo di Cava de’ Tirreni, l’AOU San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno attende l’esito delle indagini in corso da parte dell’Autorità Giudiziaria, precisando che la Direzione Commissariale ha prontamente attivato il servizio ispettivo aziendale.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. La Piccola Svizzera … Cava dei Tirreni … una città allo sbando … amministrativamente e non solo ….

  2. Mentre i Dirigenti sono in Comune e querelano le persone per una piccola aggressione dettata dalla loro spocchia…i Medici sono in prima linea … soli ed abbandonati

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.