Cava, violenta lite in ospedale finisce in sparatoria: 2 feriti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
15
Stampa
Prima la lite, poi gli spari. Momenti di tensione al pronto soccorso dell’ospedale “Santa Maria dell’Olmo” di Cava de’ Tirreni. Una lite degenerata con due feriti da arma da fuoco, scatenata dopo il diniego del medico di guardia per un ricovero di un 80enne cavese. I protagonisti sono due infermieri, padre e figlio, uno del “Ruggi d’Aragona” e l’altro del 118 che, nel pomeriggio, hanno accompagnato l’anziano parente al pronto soccorso dell’ospedale di Cava de’ Tirreni.

 

I due tentano di bypassare la fila convincendo il medico di turno che, però, rifiuta: è da qui che nasce un diverbio che, con il passare dei minuti, assume toni sempre più accesi fino a degenerare con l’arrivo del padre del medico, presumibilmente avvisato dall’interessato. Un arrivo dal quale scaturisce un nuovo alterco che culmina con l’estrazione, da parte del genitore del dottore di turno, di una pistola, che viene puntata direttamente verso le gambe del figlio dell’ottantenne recatosi al pronto soccorso: viene esploso un colpo che ferisce l’uomo.

In difesa del padre gambizzato interviene il figlio, nipote dell’anziano, che si scaglia contro il responsabile del gesto: parte una nuova colluttazione nel corso della quale viene esploso un secondo colpo che, stavolta, attinge a un fianco proprio il papà del medico. I due feriti sono stati soccorsi e operati per estrarre i due proiettili mentre sono in corso le indagini per chiarire l’esatta dinamica dei fatti.

Fonte Repubblica

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

15 COMMENTI

  1. Cos e pazz 😳😳😳 , ma davvero stiamo all’età’ della clava , provo tanta vergogna , altro che paese del terzo mondo , stiamo messi Davvero male !!!

  2. Il problema è il CONTESTO nel quale si opera SEMPRE che parte da FUORI dell’ospedale dove dovrebbe esserci un filtro e se questo filtro non c’è e viene affidato all’ansia dei familiari che portano il congiunto in ospedale che viene ricoverato perchè non c’è bisogno e viene riaffidato alle cure del medico curante….ora se i posti letto vengono continuamente ridotti,se le dimissioni sono rallentate a causa della riduzione del personale,se non c’è un posto di polizia in ospedale con VERI poliziotti,se il paziente (o i familiari che lo accompagnano) contesta la decisione del medico di guardia di non ricoverare,se nel pronto soccorso lo stesso medico deve assistere decine e decine di persone CONTEMPORANEAMENTE…cosa può succedere secondo voi?

  3. questi meritano la denuncia per corruzione xkè a salerno sono abituati cosi amici degli amici passano avanti poi ci lamentiamo che i nordisti ci schifano

  4. Nei paesi civilazzi si trovano i responsabili gli si rompe il culo per bene e vi assicuro che inizieranno a calare di molto questi fenomeni.

  5. x donato

    Tranquillo che la gran parte dei “nordisti” non “schifano” le origini. Invece scrivere cose a testa di cefalo è motivo molto più serio per essere “schifati”, e non solo dai “nordisti”.

  6. 10:07 con quello che è successo al ruggi qui a salerno hai pure il coraggio di parlare della piccola svizzera? e poi ancora non si è capito di dove sono tutti i personaggi, ma poi vi chiedo, conta tanto se sappiamo che sono di cava, matierno, pastena o baronissi??? qui c’è solo gente da arrestare, sia i parenti che volevano avere un trattamento particolare, sia il padre del medico che non c’entrava nulla in questa vicenda (fino al momento in cui è entrato nella discussione). Mi chiedo però cosa faceva la vigilanza, lì c’è il presidio all’ingresso h24 se non sbaglio

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.