La traccia di un pagamento, l’orma del cittadino (Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Nella manovra licenziata dal Governo è prevista la introduzione di un super bonus da riconoscersi all’inizio del 2021 in relazione alle spese effettuate con strumenti di pagamento tracciabili nei settori in cui è ancora molto diffuso l’uso del contante.

Allo scopo di incoraggiare i cittadini all’utilizzo degli stessi, è stata altresì stabilita la istituzione di estrazioni e premi speciali per le spese pagate con moneta elettronica e sanzioni per la mancata accettazione dei pagamenti con carte di credito o bancomat.

C’è da dire che alcuni dati smentirebbero la vulgata secondo la quale l’Italia sarebbe maglia nera nella classifica dei Paesi che usano più denaro liquido. Se la media europea è di 117 transazioni annue pro capite, il nostro Paese si colloca a metà graduatoria con 55,9.

Mentre la Germania – locomotiva d’Europa – in cui non c’è limite al contante, è di poco distante, con 54,9. Qui da noi, i pagamenti elettronici sono in crescita; nel 2018 i 28,3 milioni di carte di credito registrate hanno totalizzato operazioni per un valore complessivo di 80,3 miliardi di euro.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, crede molto negli effetti benefici dell’intero pacchetto di provvedimenti fiscali e, sullo specifico argomento, dà personali rassicurazioni: “Andremo ad azzerare o ridurre sensibilmente le commissioni”. Già, perché fra le eccezioni mosse da ogni direzione, ci sarebbe anche quella relativa al costo della transazione, che rispetto ad altri Paesi risulta ancora elevato.

Nel corso degli ultimi anni, la tecnologia ha compiuto enormi passi in avanti; il bancomat e la prepagata son diventati di uso comune, in particolare fra i giovani, anche per le App e le funzioni annesse allo smartphone. Ma la principale obiezione riguarda la difficoltà che continuano ad incontrare le persone anziane, o comunque abituate all’uso della moneta.

Al di là degli eccessivi allarmismi, benché ridotto, l’uso dei liquidi non è affatto bandito e 2000 euro per il cittadino medio, ragionevolmente, sarebbero pure bastevoli.

Il problema sull’utilizzo o no delle carte, infondo, per la gran parte è relativo; la enfatizzazione del tema, forse, ci ha un po’ distratti dal dato, a mio avviso, più insidioso: il cittadino da ora in poi sarà monitorato; che beva un caffè, assapori una pizza, acquisti un capo d’abbigliamento e così via.

Oltre che essere localizzati attraverso i GPS dei nostri, ormai, inseparabili telefonini, saremo costantemente osservati dall’occhio del “grande fratello”, il quale, prima ancora che concentrarsi sul contribuente medio avrebbe potuto e dovuto essere meno distratto su tutto ciò che costituisce lo sterminato patrimonio della “grande evasione”.

Avrebbe conseguito prima e con maggiore efficacia il risultato sperato e, di conseguenza, sarebbe stato più persuasivo nei confronti di ciascuno e, certamente, apprezzato da tutti.

Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.