‘No al parco giochi in Piazza Alario’ Lettara aperta all’Assessore Antonia Willburger.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
Gentilissima sig.ra Antonia,
Lei non mi conosce. Non se ne faccia un cruccio. Sono un semplice cittadino, senza alcun pregio.

Io, invece, La conosco. Per il cognome che porta e per quanto ha fatto, e continua a fare, per la cultura di questo territorio. E, anche per la mia cultura.
A Suo papà, Peter, il Comune di Pollica ha devotamente dedicato una strada della frazione di Acciaroli. Lì ‘approdò’, negli anni ‘60, quando quel luogo era un arido e sbrecciato borgo di pescatori, per immergere il Suo talento ‘continentale’ nelle forme, nei colori e nella umanità della nostra terra.

Ne fece luogo di vita, già a quel tempo, con altri pionieri: il biologo Ancel Keys, scopritore della dieta mediterranea, a Minnelea, e il pianista François Joel-Thiollier che, sulla terrazza della casa di Pollica, di fianco al Convento, suonava all’universo. Ma non furono i soli.
A Raito, la linfa della Sua vita si inaridì per sempre. Ma non si inaridì quella spirituale, che Lei ha ereditato e sta diffondendo con impegno.

Per questo, la notizia della Sua nomina ad Assessora alla Cultura della Città mi ha offerto nuove frontiere e ha aperto il cuore a nuove speranze. Perché l’ho ritenuta il giusto riconoscimento per i Suoi meriti e non la risposta a richieste di nuovi equilibri in seno alla Giunta, come pure qualcuno ha sostenuto.

Guardi, io faccio parte di quei cittadini che iniziarono a scrivere riempiendo decine di paginette con i ‘puntini’ e le ‘asticelle’ e che tuttora pensano che la cultura, per quanto orientata, non possa esprimersi in posizione subalterna rispetto alla politica.

Non sarebbe più cultura. Sarebbe politica. Perché la cultura è scienza e coscienza, è una miscela di sapere, pensiero e sentimento. Ma, soprattutto, è libertà. La cultura non è a servizio di ‘qualche parte’, è a servizio di tutti.
Il giorno 09 Ottobre, Lei ha partecipato alla riunione di Giunta che ha approvato il progetto del nuovo ‘Parco Giochi’ in Piazza Alario.

Lei sa che Piazza Alario fa parte della storia di questa Città. Lei sa che fu realizzata dalla omonima, nobile, famiglia ebolitana agli inizi dell’800 e che, con i coevi edifici che la circondano, crea uno dei pochi luoghi nei quali si esprime, in pieno, l’identità della nostra Comunità.

E sa, poi, che questo progetto la snatura, ne invade e soffoca la superficie, ne impedisce la funzione di area a servizio della vita. Non è possibile che diventi un campo da gioco, benché per i più piccoli, né che possa ’fare la plastica’ come un’attrice sul viale del tramonto.

La Piazza deve ritornare ad essere il cuore verde del quartiere e un attrattore turistico, con il tappeto di erba, i fiori colorati e profumati, la fontana, i giochi d’acqua, le panchine e un giusto spazio per i più piccini.

Il parco giochi, con la pista di atletica, si può fare altrove, dove non sarebbe una offesa all’ambiente, alla storia e alla memoria.

Lei sa, ne sono convinto, che l’impianto di quella Piazza esprimeva, con la creatività del tempo, l’amore per la natura, la passione per la nostra terra, il piacere della vita in comune. Tutto quello che Suo papà venne a scoprire, 60 anni fa, e che riuscì a trasformare in emozione per l’anima e ispirazione per la mente.

Lei sa tutto questo, ma ha espresso il Suo voto favorevole. Forse deve qualche chiarimento. Non a me. A Suo papà.
Mi perdonerà se, con il rispetto che Le è dovuto, La saluto con mutata stima.

Alfonso Malangone
cittadino salernitano
21/10/2019

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Il parco giochi in quella piazza sarebbe sbagliato, per favore risparmiate a Salerno questo ulteriore orrore.

    Ci sono cose che non vanno cambiate, solo amate e restaurate.

  2. si potrebbe realizzare su quel belvedere a pochi metri dalla piazza che l’Amministrazione comunale ha totalmente abbandonato

  3. Bella lettera. Sarebbe bello vedere la piazza anche senza tutte quelle auto intorno che la soffocano.

  4. Lasciate in pace quella piazza, anzi, sistematela e poi lasciate che i cittadini se la godano come è sempre stata.

  5. Invece di fare scempio sulla piazza storica, che riporta al fascino dei noti “giardini parigini” basterebbe scendere un po’ più giù di via Sabatini lateralmente al palazzo del “Genio Civile” dove insiste un’area semi abbandonata di auto private e lì collocare tale struttura ludica. Magari sviluppandola su due livelli fino a quota del precitato piano stradale lasciando inalterata l’area parcheggio sottostante

  6. Concordo con la lettera. A parte i soldi buttati, è una vergogna cancellare il proprio passato, tra l’altro per fare spazio a plastiche e gomme colorate. Quella piazza non ha bisogno di nulla se non di ordinaria manutenzione del verde, magari giusto una sistemata alla pavimentazione attorno agli alberi. Ma forse costa troppo poco, quindi…

    11:46, buona idea! ci avevo pensato pure io, sta cadendo a pezzi quel meraviglioso belvedere.. si aspetta che peggiori così poi spendiamo di più inqualche appalto “europeo”????

  7. Al di là dei toni garbati della lettera, mi sembra che questa vicenda faccia da “pendant” con quella che contrasta il doppio senso su via B. Croce.
    Giusta poi l’osservazione di Ant.
    Tutte quelle auto parcheggiate in zona possono convivere con il verde che si vorrebbe bello e rigoglioso nei giardini della piazza??

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.