Laboratori analisi presi d’assalto, stop ai ticket già da oggi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
«Domani (oggi per chi legge ndr) non sappiamo se possiamo ancora accettare le ricette». E’ questa la frase pronunciate, a più riprese ieri, dai medici dei centri per le analisi della città di Salerno. Lo scrive Le Cronache oggi in edicola

Ieri mattina, in molti laboratori regnava il caos, con ore e ore di attesa anche solo per prenotare una visita. La ragione è presto detta: già da questa mattina, infatti, tutte le analisi dei laboratori potrebbero tornare a pagamento e i cittadini hanno ben pensato, per ovvie ragioni, di anticiparsi e sfruttare la ricetta del medico di famiglia per provare a pagare di meno, soprattutto in caso di esami estremamente costose.

Così, si torna a parlare di blocco delle prestazioni, a causa dell’esaurimento del tetto spesa che – sempre più spesso – mette a repentaglio il diritto alla salute e il di ritto a potersi curare.

Ad essere stati d’assalto, ieri, molti laboratori analisi della zona orientale con pazienti costretti ad ore ed ore d’attesa. Già i primi giorni del mese di ottobre si era registrato un vero e proprio assalto dei laboratori clinici e centri radiologici, in occasione prima settimana di apertura delle convenzioni.

Per analisi di sangue e urine e per quelli radiologici si parlava infatti di richieste che risultavano addirittura triplicate. E come preannunciato, proprio l’incremento sembra aver fatto registrare un nuovo stop – che doveva verificarsi nelle prime settimane del mese di novembre – ma che in molti centri sembra, purtroppo, essersi anticipato.

A farne le spese saranno, ancora una volta, soprattutto gli anziani e le persone esenti dal pagamento del ticket, che avevano atteso la riapertura delle convenzioni, dopo il blocco per l’esaurimento dei tetti di spesa trimestrali, per poter fare tutti gli accertamenti che erano stati prescritti dai medici di famiglia.

Fonte Le Cronache

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Praticamente curarsi, è diventato come fare la spesa al supermercato, si aspettano le offerte.
    Vada avanti governatore, non faccia caso a di caverna che la slinguazza

  2. Oramai in Campania si pagano le tasse per dodici mesi e si riceve assistenza sanitaria per sei
    Evviva il terzo mondo

  3. qui non e’ solo de luca,lui ha la colpa di essere un mitomane e vuole fare vedere quello che non c’e'” la sanita’ che funziona in campania ” e’ un politico,il guaio viene dal governo centrale che non mette a disposizione le somme bastanti a coprire le spese nell’anno e gli ospedali che per fare un esame ci vogliono tempi lunghi,il problema e’ che se noi cittadini non ci ribelliamo e blocchia mo questo schifo di paese andremo sempre peggio e chi ha possibilita’ si cura altri soccombono.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.