Arriva l’ultima arma del Fisco: l’evasometro ‘anonimatizzato’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La nuova arma del Fisco si chiama “anonimometro”. Si tratta di uno strumento che servirà a controllare le spese di milioni di italiani rapportandole al reddito dichiarato.

Di fatto il nome per esteso del nuovo strumento è “Evasometro anonimatizzato” e trova posto, come ricorda ilSole24 Ore tra i 50 articoli del ddl di Bilancio. Nel suo primo anno di vita, l’evasometro potrebbe già assicurare alle casse dello Stato circa cento milioni di euro di recupero dall’evasione fiscale. L’arma del Fisco in questo caso fa un passo avanti e va oltre i normali controlli.

Infatti il Fisco potrebbe usare in modo più approfondito la mole di dati che monitora e, nel rispetto della privacy, andare ad approfondire le verifiche fiscali con un incrocio di informazioni che finora era rimasto solo sulla carta.

Su tratta infatti di un controllo massivo dei dati che provengono anche dalla Superanagrafe. In questo modo le verifiche saranno più approfondite assicurando l’anonimato del contrubuente.

Ad ogni situazione a “rischio” viene dato un numero che poi viene trasmesso nelle diverse banche dati. Dopo una verifica di tutti parametri allora i contribuenti a rischio verranno messi sotto la lente del Fisco e monitorati costantemente con la richiesta di spiegazioni in caso di forti anomalie.

Il piano del Fisco ha un obiettivo chiaro: evitare i rilievi del Garante della Privacy che finora è stato l’ultimo baluardo contro l’invadenza degli occhi delle Entrate sui movimenti di milioni di contribuenti. Insomma per il Fisco non ci saranno più segreti. Per accendere il nuovo evasometro bisognerà attendere l’iter parlamentare di questa settimana.

Prima del prossimo weekend, il governo dovrebbe depositare il disegno di legge di Bilancio per l’avvio del processo di approvazione. Superata questa scadenza partiranno già i primi controlli. E questo intreccio di dati potrebbe tornare utile anche per la lotteria degli scontrini.

Infatti sia le Entrate che le Dogane dovranno rilasciare una piattaforma da cui verranno estratti profili dei contribuenti “vincitori” della lotteria. In questo momento è prevista la comunicazione del codice fiscale all’esercente per poter partecipare. Ma a quanto pare si va verso un’altra direzione.

Un codice Qr che identifica il contribuente e che verrà comunicato al commerciante dopo l’iscrizione alla piattaforma elettronica. Insomma il Fisco ci marcherà da vicino e ogni movimento potrebbe arricchire la banca dati degli indizi in caso di accertamento.

Fonte IlGiornale.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.