Dl fiscale, Ance Aies Salerno: «Norma su ritenute da ritirare immediatamente»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
L’articolo 4 sulle ritenute del dl fiscale sarà un salasso per le  imprese e un pesante aggravio burocratico per la Pubblica  Amministrazione. “Va ritirata immediatamente la misura del dl fiscale che prevede, dal  prossimo 1° gennaio 2020, che il versamento delle ritenute per i  lavoratori dipendenti impiegati negli appalti e subappalti venga  effettuato direttamente dal committente.

Si tratta di una norma iniqua  che rischia di avere conseguenze devastanti su imprese e Pubblica  amministrazione tanto più che la disposizione esclude la possibilità,  per le medesime imprese appaltatrici/subappaltatrici, di versare i  contributi previdenziali, assistenziali ed i premi assicurativi per i  dipendenti impiegati nell’esecuzione della commessa, mediante la  compensazione con propri crediti fiscali”.

Lo chiede con forza l’Ance  Aies Salerno con una specifica lettera inviata da presidente Vincenzo  Russo alla rappresentanza parlamentare del territorio. “Ci viene richiesto – sottolinea Russo – un nuovo adempimento che obbliga le  imprese ad anticipare le ritenute effettuate.

L’introduzione di tale meccanismo – conclude – aggraverà pesantemente la gestione  amministrativa delle commesse, per tutti i soggetti coinvolti nell’operazione, dal committente fino al subappaltatore o subfornitore, rischiando di paralizzare l’esecuzione dei contratti”.

Si stima, infatti, che questa misura determinerà un costo per le  imprese salernitane pari a circa 12 milioni di euro all’anno e  un’ennesima complicazione burocratica per il settore.

Un impatto enorme, per un sistema produttivo già stremato dallo split payment  (2,4 miliardi di liquidità in meno), dai ritardati pagamenti della Pa  (8 miliardi di arretrati), che unito all’impossibilità di compensare i  contributi assistenziali e previdenziali con i crediti fiscali, sempre  prevista all’art.4, mina la sopravvivenza delle imprese.

L’Ance attende quindi un immediato intervento del Governo, come annunciato dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante l’Assemblea  dell’Associazione dello scorso 30 ottobre, per risolvere il gravissimo  problema.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.