In arrivo l’autovelox anti-cellulare: fotografa fin dentro l’abitacolo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
Arriva TruCam, l’autovelox anti-cellulare: una nuova tecnologia pronta a colpire gli automobilisti meno ligi alle regole. Spesi per il nuovo strumento elettronico 19.837 euro per sostituire il vecchio telelaser in funzione dal 2005. I dettagli dell’apparecchio voluto per contrastare anche i più indisciplinati alla guida.

TruCam, l’autovelox anti-cellulare
Uno strumento pronto a far discutere, ma voluto per aumentare la sicurezza in strada a cittadini e automobilisti. Per i guidatori di Limena, in provincia di Padova, arriva il TruCam, la nuova tecnologia moderna e sofisticata studiata per contrastare le infrazioni di strada, prima su tutte l’eccesso di velocità.

Capace anche di rilevare cosa avviene all’interno della vettura, questo nuovo sistema di controllo è capace di rivelare se colui che si trova alla guida non ha le cinture o sta usando il cellulare.

Questo nuovo telelaser è infatti dotati di un occhio elettronico capace di “pizzicare” gli automobilisti che stanno infrangendo le regole stradali: un apparecchio in grado di riprendere le immagini delle vetture in avvicinamento, partendo da una distanza di oltre un chilometro e indipendentemente dalla velocità cui viaggiano.

Le novità di TruCam
TruCam è un autovelox capace di registrare immagini in alta definizione, catturando il numero di targa e tutte le informazioni sul guidatore e la vettura, salvando i dati su un hard disk per avere prove concrete delle infrazioni.

Un mezzo capace di registrare vari tipi d’irregolarità in una volta sola: portatile, permetterà alle pattuglie di fermare immediatamente il veicolo o di conservare il materiale per farlo successivamente. A Limena, l’amministrazione comunale ha stanziato ben 19.837 euro per l’acquisto del nuovo autovelox, che andrà quindi a sostituire quello più vecchio in funzione dal 2005.

fonte it.notizie.yahoo.com

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. Questo non e’ uno stato democratico ma uno stato dittatoriale che decide cosa fare delle persone come è quando vuole. Che vergogna.

  2. Lo so…direte che lo fate perchè vi preoccupate che non ci accada nulla di male…
    ma come siete buoni…vedete come sono brave queste persone che si preoccupano tanto per noi…direbbe ironicamente il grande Edoardo…
    Cari dittatori ci vedremo al voto!

  3. Uno stato civile è uno stato che mi protegge dai pezzenti come voi, una dittatura è uno stato dove quelli come voi contano qualcosa. Per questo l’Italia è più simile ad una dittatura. Ben vengano strumenti sempre più potenti ed efficienti per tenervi al guinzaglio, voi dovete vivere con il costante terrore anche di respirare, le persone civili devono poter vivere senza il pensiero di voi che andate girando a fare danni.

  4. per il cretino delle 5 del pomeriggio, il giorno in cui avrai un verbale con ritiro della patente, fatto con un sistema come questo, in cui in una foto SEMBRA che TU parli a telefono, allora i “pezzenti” gioiranno e rideranno a crepapelle sulla tua stupidità manifesta. Lo Stato dovrebbe proteggere dalla stupidità come la tua, ma purtroppo non c’è rimedio. Faccio notare la tua violenza dittatoriale, roba da campo di sterminio, io ti censurerei guarda

  5. non esiste alcun caso di verbali con ritiro della patente fatti per una foto in cui sembra che si parli al telefono, esistono invece miliardi di casi di pezzenti e cafoni che guidano come le bestie che sono parlando al telefono e mettendo in pericolo le persone per bene, e che anche quando vengono fermati è difficile contestargli qualcosa visto che il telefono sparisce subito nel nulla. Quindi ben venga questo sistema, ben venga ogni sistema che serve a scorticare vivi di multe questi miserabili finchè non si mettono paura anche di rispondere al telefono a casa loro. I cafoni si governano con il terrore e la ferocia, mica con la ragione.

  6. anonimo stupido, esistono eccome, centinaia di verbali fatti senza contestazione alcuna, spediti a distanza di mesi, per eccesso di velocità, divieto di sosta, con il cosiddetto “street control” (ho prove dell’operato “fuorilegge” dei vv.uu. per mancata contestazione e falso in atto pubblico, dichiarando che il soggetto non era presente mentre invece aveva la telecamera attiva in auto…). è evidente che non sai di cosa parli, per cui torno ad augurarti di incappare in uno di questi casi, così la finirai di dare del pezzente a destra e a manca, definendo null’altro che te stesso.
    I casi di cui parli ci sono, ma quello che non arrivi a capire è che questo sistema sarà solo l’ennesimo bancomat per fare soldi, te lo spiego caro “buontempone”: io vigile o ff.oo. faccio foto a raffica, poi recupero tutte quelle in cui uno sembra parlare a telefono o sembra fare qualcosa di contemplato dal codice della strada e parte la multa automaticamente! POI, dopo MESI, al “buontempone anonimo 14.26” arriva la multa ed è compito suo contestarla, ovviamente dimostrando i fatti e pagando per il ricorso… che pena che fai, ma ti compatisco, non ci arrivi non è colpa tua. Il miserabile sei tu purtroppo, che accusi a caxxo chiunque tu ritenga “pezzente”. Ti aspetto quando riceverai il primo verbale del genere, te lo auguro, come è capitato a me e ad amici: verbali completamente falsi ma per i quali il ricorso ci costava piu del verbale.. pezzente, TU.

  7. questa tecnologia permette di fotografare in alta definizione fin dentro l’abitacolo e di registrare velocità, targa ed altri dati.

    Se è tutto ok, è tutto ok.
    Se parli al cellulare mentre guidi, si vedrà. E poffete, verbale.

  8. per lo scienziato degli stivali: quello è il mondo ideale, quando torni nella mondo reale ne riparliamo. Quando, poffete, avrai un verbale falso o sbagliato e il ricorso ti costerà più del verbale allora, ri-poffete: ci faremo grasse risate alla faccia tua e della tua scienza.
    Intanto ti faccio presente che nulla viene fatto per altre infrazioni che creano incidenti, come non usare le frecce, scavalcare la striscia bianca a centro strada (=contromano), sosta in curva, sorpassi vietati e via dicendo, come pure camminare troppo PIANO su strade a scorrimento veloce!

  9. aggiungo una cosa per il signor poffete, guardando una foto puoi dire con certezza che uno “parla”???!? quando ragionerai forse capirai, ma intanto poffete, beccati il verbale. Una foto ritrae un ISTANTE, ci arrivi a capirlo? Ad esempio sono stato fermato perchè ero con la testa appoggiata al braccio sinistro sulla portiera: una foto avrebbe fatto dedurre agli scienziati come te che stavo parlando al telefono, ma la realtà, constatata al momento, era che non avevo alcun cellulare, né in funzione, né acceso, né in auto! Buon verbale a te, caro poffete! Auguri!
    p.s. tutti i metodi possono essere validi, ma il problema sta nel loro utilizzo. In altre parole, è fondamentale la constatazione al momento! se viene a mancare tutto si trasforma in un bancomat o in taluni casi in estorsione legalizzata. Furono anche sentenza di Cassazione sull’obbligo di constatazione al momento… ma poi si sa, pecunia non olet, e quindi vai con i bancomat legalizzati, i quali con la scusa della sicurezza sono tollerari dai signori “poffete” che ragionano nel mondo delle favole

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.