Sanità in Campania, svolta De Luca: “A fine mese stop al commissariamento”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
“Davvero siamo alla vigilia di una svolta storica per la nostra Sanità e la Campania”. A dichiararlo con un post su Facebook il Governatore Vincenzo De Luca. Si è svolta nel pomeriggio di mercoledì al Ministero dell’Economia di via XX Settembre a Roma, congiuntamente con i rappresentanti del MEF e del Ministero della Salute, la riunione del tavolo tecnico di verifica degli adempimenti necessari alla fuoriuscita dal Commissariamento della Regione Campania.

Il tavolo tecnico ha verificato sia gli adempimenti di carattere finanziario, sia quelli relativi ai Livelli Essenziali di Assistenza (Lea). Su entrambi, i Ministeri hanno espresso parare favorevole. Tale parere sarà formalmente rassegnato alla Regione la prossima settimana.

“Era un passaggio indispensabile per poter sottoporre al Consiglio dei Ministri la richiesta di conclusione del commissariamento – scrive il Governatore –. Tale passaggio sarà formalizzato nella Conferenza Stato-Regioni programmata per il 28 di questo mese che acquisirà formalmente i pareri tecnici positivi. Nel corso della riunione sono state anche sbloccate le premialità 2016 e 2017 per complessivi 600 milioni di euro a favore della Campania”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. Adesso migliorare gli ambienti e licenziare camorristi e fannulloni compresi i professori che usano l’ospedale come alcova.

  2. Vediamo un po’ questo mare di soldi se riesce a far ripartire la sanità in Campania , perché così in basso nn è mai caduta nessuna regione . E soprattutto che vengano integrati dottori qualificati nn i soliti macellai

  3. Molto bene, abbiamo ottenuto un bilancio a posto ma ora bisogna lavorare sulla qualità dei servizi. Vada avanti governatore.

  4. Ha ancora il coraggio di fare proclami. La Sanità in Campania è da quarto mondo. Convenzioni con strutture private praticamente inesistenti (peggio di Caldoro), liste di attesa con tempi bibblici, macchinari obsoleti o non funzionanti, ambulatori asl da incubo, fornitori non pagati e mezzi di contrasto non forniti, etc. Il tutto è testimoniato da migliaia di pazienti che si rivolgono in altre regioni per i propri problemi di salute. Basta con favoritismi a figli ed appartenenti alla casta

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.