Allagamenti nel casertano: Coldiretti: stesso fenomeno, effetti diversi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

A seguito del nubifragio che si è abbattuto in Campania, colpendo in particolare l’area casertana, Coldiretti ha attivato la sua unità di crisi attraverso gli uffici territoriali per rilevare i danni alle imprese agricole. Il direttore regionale Salvatore Loffreda ha effettuato un sopralluogo in tutta l’area verificando che lo stesso fenomeno meteorologico ha generato due effetti diversi tra l’area a nord del casertano e quella a sud. Nel bacino idrografico del Volturno gli effetti sono stati differenti.

Nella zona alifana il fiume e i canali di bonifica hanno retto il sovraccarico d’acqua, con una situazione sostanzialmente sotto controllo e danni limitati. Nel basso Volturno sono stati invece i Regi Lagni ad esondare, invadendo per centinaia di ettari la pianura campana tra Pignataro Maggiore, Capua, Grazzanise, Cancello Arnone e Castel Volturno.

“I fenomeni straordinari – dichiara Salvatore Loffreda, direttore di Coldiretti Campania – sono ormai una costante, a causa dei cambiamenti climatici. Le aziende agricole sono costrette a fare i conti con bombe d’acqua improvvise. Tuttavia, la mano dell’uomo può mitigare o aggravare il dissesto idrogeologico che ne deriva.

Le forti piogge di queste ore vedono sulla stessa asta fluviale del Volturno casertano una condizione di allerta fisiologica a nord e una devastazione a sud. La differenza è data dalla mancata manutenzione dei canali, che è ormai la seconda minaccia dopo i cambiamenti climatici. I Consorzi di Bonifica devono svolgere il proprio ruolo fino in fondo se non vogliamo distruggere i campi ad ogni acquazzone”.

Ha partecipato al sopralluogo nell’alto casertano anche Alfonso Santagata, presidente del Consorzio Sannio Alfano. “Nonostante tutto – dichiara Santagata – il lavoro di pulizia e manutenzione ha dato i frutti sperati. Pur in presenza di un’improvvisa massa d’acqua che arriva a carico dei corpi idrici superficiali, i canali hanno retto l’urto nella zona alifana. Questo non ci consente di abbassare la guardia, ma possiamo tirare un sospiro di sollievo per i territori agricoli interessati e per le strade di comunicazione”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.