I frammenti del Muro di Berlino (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Dopo l’unificazione tedesca e il crollo dell’Unione Sovietica la storia sembra finita con la fine della guerra fredda. L’Occidente vince sul piano politico e ideale. Il libero mercato si afferma ovunque, persino in Russia che dell’URSS è l’erede principale. La democrazia rappresentativa, racchiusa nella parola d’ordine “rule of law”, conquista i paesi già del campo socialista. Si gira  un copione a lieto fine, degno delle pellicole hollywoodiane d’una volta.

Fra il 2004 e il 2007 si consuma il big bang delle adesioni simultanee di dodici nuovi stati membri, tutti quelli già di influenza sovietica salvo Cipro e Malta. Le due isole aderiscono per ragioni geo-politiche, sul piano economico e istituzionale non hanno un passato da emendare.

A distanza di quindici anni l’happy end tarda a manifestarsi. I venti del nazionalismo, oggi detto sovranismo, spirano negli stati membri di nuova adesione. La mappa è variegata. La crescita di Polonia, Ungheria, Cechia (i tre principali attori del Gruppo di Visegrad) è notevole, supera persino la crisi finanziaria che attanaglia il resto dell’Unione. Le percentuali oscillano fra il 2 e il 4% all’anno, parte del PIL è dovuto all’arrivo dei fondi strutturali con le politiche di coesione messe in campo da Bruxelles per facilitare l’assimilazione.

In politica la gratitudine non è una dote, conta l’interesse nazionale. Questo è il credo che viene dagli stati membri interessati. Il punto di svolta è dato dalla decisione della Commissione (2015) di riallocare d’autorità un certo numero di profughi presso tutti gli stati membri, così sgravando quelli di primo impatto (Grecia e Italia sul Mediterraneo, Germania in quanto destinazione finale).

L’afflusso di stranieri, di religione se non di etnia diversa, rianima il sentimento nazionale: quella fede nella sovranità che si era assopita con l’euforia dell’adesione e della prestazione economica. L’adesione all’UE è percepita come tutela delle sovranità riacquistate dopo il dominio sovietico: e cioè in senso opposto allo spirito originario.

Le Comunità europee nacquero nei Cinquanta (il primo atto fu la Dichiarazione Schuman del 1950) proprio per combattere i nazionalismi, che erano ritenuti da politici e intellettuali illuminati la causa primigenia dei conflitti.

I precedenti filosofici erano illustri. Basti citare il libretto di Immanuel Kant “Per la pace perpetua” e le riflessioni di Albert Einstein nel carteggio con Sigmund Freud. Tre giganti del pensiero che in epoche diverse (Kant a fine Settecento, Einstein e Freud fra le due Guerre mondiali) attribuiscono la voglia di nazionalismo alla sovranità assoluta degli stati. Questa porta al protezionismo economico fino allo stato di belligeranza per conquistare spazi territoriali e commerciali.

Se si aggiunge l’elaborazione sulla superiorità di certe razze su altre, il precipitare  della civiltà europea verso il baratro è ineluttabile. Il discorso non va mai in archivio. I  rigurgiti si avvertono anche in Italia e Germania, malgrado che i due paesi fossero i protagonisti  di quella stagione.

Si dirà che gli stati membri orientali sono distanti da certe derive. Il che è vero. I partiti al potere fanno riferimento al PPE,  il cui europeismo è di lunga lena. Si dirà che i morsi della crisi si avvertono ovunque e che il timore dell’altro è arduo da fugare anche per i benintenzionati. Anche questo è vero.

Pur tuttavia le pulsioni sovraniste si diffondono, fanno leva su sentimenti comuni, predicano la scorciatoia di soluzioni semplici a problemi complessi. La chiave sta nel rifiutare l’articolazione delle relazioni internazionali per vagheggiare un passato immaginato ad arte.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.