“Ti sposo se mi fai possedere le tue figlie”. E lei accetta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Orrore nella città di Malchow, nel nord est della Germania, dove un uomo ha preteso che la sua compagna le facesse violentare le figlie di 1 e 4 anni in cambio del matrimonio. A fare la folle richiesta – come spiegato dal Mirror – è stato un trentaquattrenne a cui, paradossalmente, la fidanzata ha risposto affermativamente. E gli abusi, stando a quanto appurato dalla polizia, sarebbero effettivamente avvenuti. L’uomo avrebbe infatti stuprato le bimbe con il beneplacito della compagna, che lo avrebbe lasciato fare indisturbato perché desiderosa di sposarlo a ogni costo.

L’uomo e la donna si erano conosciuti in una chat di incontri e tra i due era esploso un amore decisamente morboso, soprattutto da parte di lei, disposta ad accettare qualsiasi richiesta del compagno, persino quella più assurda e atroce: farle violentare le figlie come condizione per convolare a nozze. Anche a questa richiesta – alla quale, per logica, sarebbe dovuta seguire un’immediata denuncia – la donna ha dato il suo consenso. L’uomo è stato arrestato dalla polizia e condannato a un anno e quattro mesi di reclusione. La donna, al momento, non ha ricevuto una condanna ma rischia l’imputazione per aver fatto da complice al compagno.

Fonte Fanpage

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. per quanto mi riguarda la cosa assurda è che lui sia stato condannato e la madre no. Lui ha proposto questa bestialità, ma se la madre, e sottolineamo madre, ha detto sì, ha concesso le figlie, le ha vendute. Se la madre avesse detto no, allora si sarebbe trattato “solo” di una proposta oscena e un “tentativo di reato”, ma il fatto che abbia acconsentito è proprio quello che ha generato la violenza. Quindi è la madre che dovrebbe avere la pena maggiore, oltre che la perdita della patria potestà. Sarà che siccome è donna allora non è reato? “avrà avuto i suoi motivi psicologici”? non prendiamoci in giro. Dove sono le femministe metoo sempre pronte a crocifiggere gli uomini? sono occupate a denunciare presunte violenze di trent’anni fa?

  2. Un anno e quattro mesi? Qui li danno a chi butta le cicche di sigarette sulla testa dei vicini. E che condanna è?

  3. avrebbero dovuto mettere l’uomo in un recinto di maiali neri affamati, e la z..della madre in un locale senza uscita pieno di topi affamati.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.