Salerno allagata: chiusi alcuni sottopassi, disagi alla viabilità

Stampa
La pioggia continua a cadere su Salerno provocando allagamenti e disagi alla viabilità. Monitorati i sottopassi come quello di Via San Leonardo e Mercatello. Chiuso a metà quello di via Racioppi su via Zanotti Bianco nel quartiere Pastena. Sempre a Pastena attenzione puntata anche sul sottopasso di via Rocco Cocchia. Le avverse condizioni meteo stanno creando disagi alla circolazione con molte strade allagate.

Situazione difficile anche in provincia dove si registrano allagamenti ed alcune criticità. Sul maltempo e i danni che sta provocando in particolare in altre realtà d’Italia intervengono i geologi con una nota:

«Abbiamo maltrattato il territorio, modificando le morfologie dei luoghi, consumando suolo e impermeabilizzando grandi superfici, costruendo nelle aree destinate al transito delle acque. Gli eventi di cronaca che registriamo in questi giorni sono la naturale conseguenza del nostro agire.

Se non abbiamo il coraggio di cambiare la politica applicando il principio della sostenibilità economica, sociale e ambientale dello sviluppo, saremo condannati a rincorrere le emergenze e magari avviare ricostruzioni negli stessi luoghi». Lo ha affermato oggi, Antonello Fiore, Presidente Nazionale della Società Italiana di Geologia Ambientale (SIGEA).

“Non dobbiamo meravigliarci troppo degli eventi che stiamo registrando in questi giorni – ha continuato Fiore – dobbiamo meravigliarci della frequenza con cui oggi accadano questi eventi. Dobbiamo rendici conto che non possiamo più parlare di eventi eccezionali se questi si ripetono ogni anno all’inizio dell’autunno.

Dal dopoguerra a oggi abbiamo maltrattato il territorio, modificando le morfologie dei luoghi, consumando suolo e impermeabilizzando grandi superfici, costruendo nelle aree destinate al transito delle acque. Gli eventi di cronaca che registriamo in questi giorni sono la naturale conseguenza del nostro agire. Se non abbiamo il coraggio di cambiare la politica applicando il principio della sostenibilità economica, sociale e ambientale dello sviluppo saremo condannati a rincorrere le emergenze e magari avviare ricostruzioni negli stessi luoghi.

Abbiamo impermeabilizzato troppo le nostre città e le aree limitrofe a esse, abbiamo fogne bianche urbane, dove esistono, senza manutenzione e progettate 20-30 anni con un regime di precipitazioni non confrontabili con gli attuali.

Serve cambiare la politica di uso del territorio – conclude il presidente Fiore – risanando gli errori del passato e progettando il futuro in maniera coerente. Serve educare i cittadini all’autoprotezione, serve una coscienza di adattamento al cambiamento climatico».

7 Commenti

Clicca qui per commentare

  • La Montecarlo del sud come dice il principe de Luca non riesce a fronteggiare una giornata di pioggia

  • L’unico argomento dell’anno dell’opposizione a Salerno? Da novembre a metà gennaio..
    Le lucine di de Luca…le odiano, le detestano ma in verità ci portano i figli alla Villa Comunale a vedere gli asini come lor….ops le Renne, le scimmie urlatrici da social, ed i pinguini sugli scogli..
    Il bestiario dopotutto è completo..
    Lasciamoli ragliare..

  • Antonello Fiore, Presidente Nazionale della Società Italiana di Geologia Ambientale (SIGEA) ha ragione quando afferma che ciò che sta succedendo è causato dal fatto che abbiamo maltrattato il territorio. Ha però omesso di dire che il popolo, specialmente dalle nostre parti, deve cambiare atteggiamento di fronte alla politica. Non bisogna votare chi può darci un aiutino ma votare in base alla coerenza, alla onestà e alla rispettabilità del candidato di qualsiasi corrente politica. Con un po’ di dignità a Salerno ed in Campania possiamo dire basta a favoritismi a figli ed appartenenti alla casta.

  • Per non parlare delle caditoie che ormai sono stracolme di fango…Stamane, giusto per, sono passato da via Schipa, il tratto che va dall’incrocio di via rafastia a quello con via vernieri, le caditoie sono colme o, addirittura, non si vedono perché ormai ricoperte dal fango…Io mi chiedo, già abbiamo un problema strutturale delle fogne sottodimensionate poi ci mettiamo anche la manutenzione ordinaria, la quale non eseguita effettuata annualmente, i corsi di torrenti e fiumi pieni di sporchi e luridi…ma dove la vogliamo incanalare quest’acqua??? iniziassero col pulire, annualmente, le caditoie, a pulire ogni 6 mesi il letto e gli argini dei fiumi, poi parliamo di sottodimensionamento….Abbiamo il sottopasso di Via S.Leonardo e quello di Pastena, via corenzio, che si allagano puntualmente, ma una soluzione per ovviare questo problema la vogliamo trovare, questi sottopassi sono dotati di impianto di sollevamento fognario???
    Siamo nel 2019, quasi 2020, e ancora che ci facciamo cogliere impreparati….Politica politicante!!!!

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.