Scontri Nocerina-Foggia e simboli delle SS naziste, Daspo per ultrà pugliesi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Nel corso della mattinata su delega della Procura della Repubblica di Nocera Inferiore, Agenti della Questura di Salerno in collaborazione con quelli della Questura di Foggia hanno dato esecuzione proprio nella città pugliese ed a Rodi Garganico a 9 decreti di perquisizione emessi a carico di 8 persone appartenenti al gruppo ultras del Foggia denominato “Vecchio Regime” nonchè alla sede del gruppo per aver introdotto all’interno dello stadio “San Francesco” di Nocera Inferiore simboli propri delle “SS” della Germania Nazista.

Il blitz effettuato in mattinata giunge al termine di un’articolata indagine coordinata dalla Procura di Nocera e condotta dal locale Commissariato che ha permesso di individuare molti dei facinorosi che si erano resi responsabili dei gravi incidenti verificatisi prima e dopo l’incontro di calcio del 15 settembre scorso.

Le indagini erano scattate subito dopo l’incontro di calcio ed aveva permesso in pochi giorni di arrestare 2 persone e denunciarne a piede libero altre 14 di cui 13 appartenenti alla tifoseria della Nocerina e 3 a quella del Foggia.

Sono poi proseguite nelle settimane successive e dopo una attenta analisi di molti filmati relativi alle violenze di quegli incidenti, si è arrivati a dare un volto ed un nome (molti facinorosi erano travisati) agli appartenenti della tifoseria pugliese che si erano resi protagonisti degli scontri e degli atti di devastazione compiuti al termine della partita durante il tragitto di ritorno da Nocera Inferiore a Nocera Superiore.

Tra gli appartenenti agli scontri anche 4 degli 8 facenti parte del gruppo ultras “Vecchio Regime” destinatari delle perquisizioni odierne.

Complessivamente sono 17 le persone appartenenti ai vari gruppi ultras del Foggia denunciate a piede libero (8 delle quali facenti parte al gruppo già menzionato) che dovranno rispondere a vario titolo dei reati di devastazione, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, lesioni personali al danneggiamento con l’aggravante di aver agito con armi e oggetti atti ad offendere.

Le perquisizioni hanno portato al sequestro di numerosi oggetti e materiali riconducibili all’ideologia di estrema destra del gruppi. Nei confronti delle persone il Questore di Salerno ha emesso il DASPO con misure variabili dai 3 agli 8 anni con obbligo di firma.

VIDEO TELENUOVA.TV

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Ma veramente in Italia per andare in galera quali prove o esami bisogna affrontare perché penso che sia una cosa ardua e difficilissima.

  2. Anche chi non paga le tasse è un delinquente e dovrebbe andare in galera.
    Ma in Italia c’è una parte politica che evade e difende chi evade con la finzione di chiudere i porti.
    Una parte politica che succhia a vantaggio di pochi (nord) con la finzione antieuropeista.
    Questa parte politica ha creato ciò che oggi è!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.