Si sente male durante battuta di caccia sui monti Lattari, salvato dai Vigili del Fuoco

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Brutta avventura, nel pomeriggio di ieri, per D.A. cacciatore di Cetara di 69 anni colto da malore durante una battuta di caccia sul monti Lattari nel territorio di Maiori.

Intorno alle 16, il nucleo elicotteri dei vigili del fuoco, in stretta collaborazione con la squadra di terra del distaccamento di Maiori, hanno effettuato una velocissima operazione di  un recupero di un cacciatore di 69 anni colto da malore.

Il tutto si è svolto in circa 10 minuti, dall’arrivo sul posto del Drago (nome in codice degli elicotteri VV.F.) fino al trasporto in ospedale.

Il malcapitato, durante una battuta di caccia al cinghiale, ha avvertito un malore, probabilmente causato anche dallo sforzo fisico nel percorrere un tragitto in un luogo particolarmente impervio dei monti Lattari, nel comune di Maiori.

Dopo essere stato prontamente soccorso dai suoi amici cacciatori, i quali gli hanno prestato le prime assistenze, resosi subito conto che le condizioni dell’amico non tendevano a migliorare, prontamente hanno allertato i vigili del fuoco.
Dopo circa un’ora di cammino, sul posto, è giunta la squadra dei vigili del fuoco di Maiori, capitanata dal caposquadra Capuano Felice.

Il responsabile della squadra, valutando bene la situazione, in considerazione dell’approssimarsi del tramonto e del maltempo che continuava ad imperversare, ha ritenuto opportuno far intervenire il loro elicottero che, dopo pochi minuti di volo, è giunto sul posto.

Immediatamente il DRAGO (nome in codice degli elicotteri dei VV.F.) ha calato i propri elisoccorritori, con l’ausilio del verricello.
Il malcapitato è stato prelevato così dagli elisoccorritori mediante una verricellata.

Questa operazione, già particolarmente complessa dovuta alla tipica orografia del territorio, è stata resa ancora più impegnativa per via delle avverse condizioni meteo.
Immediatamente dopo è stato trasportato all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi di Aragona prima dell’imbrunire e consegnato alle cure dei sanitari.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.