Asilo degli orrori, telecamere scoprono schiaffi e pugni di maestre e suora

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Schiaffi e pugni ai bimbi dell’asilo di cui avrebbero dovuto prendersi cura. I carabinieri di Piacenza hanno diffuso le immagini, riprese dalle telecamere nascoste poste nell’istituto materno San Giovanni Bosco di San Polo, che hanno incastrato tre maestre, tra le quali una suora, direttrice della struttura, arrestate nei giorni scorsi per aver maltrattato i loro alunni. Il video in questione documenta quanto subito dai bambini nella scuola che al momento resta chiusa. Sull’indagine vige il più stretto riserbo circa i particolari, da parte degli inquirenti, ma già dal filmato diffuso dai militari si riesce a comprendere la gravità della situazione. Stando alle prime informazioni trapelate, pare che tutto sia partito dopo alcune segnalazioni da parte di genitori.

“Una condotta abituale con l’unica intenzione criminosa di ledere l’integrità psicologica, morale e fisica dei piccoli ospiti della scuola, e rendere loro particolarmente dolorosa l’esperienza della convivenza scolastica”, ha scritto nell’ordinanza di custodia cautelare nei giorni scorsi il giudice per le indagini preliminari Luca Milani, che ha accolto le tesi del pm Matteo Centini al termine degli accertameni dei carabinieri di San Giorgio, guidati dal luogotenente Marco Dubrovich. Un’inchiesta relativamente breve, durata poco più di un mese, ovvero il tempo di raccogliere, secondo gli inquirenti, prove sufficienti dai filmati delle telecamere nascoste dentro l’asilo. “Non stiamo parlando di violenze inaudite – ha detto il pubblico ministero – ma una serie di comportamenti fisici e verbali imposti ai minori che sono l’unica parte lesa della vicenda”. Tra gli episodi contestati ci sono vere e proprie minacce, da “ti metto la testa nel water” a “ti faccio mangiare la carta igienica” fino a “vi fucilo”, umiliazioni, un bambino ad esempio veniva costretto a mangiare da terra, stando carponi, una mela che gli era caduta, ed altri episodi di “bullismo sessuale” (“un bimbo veniva tenuto qualche secondo in mutande davanti ai compagni per punizione, un altro veniva deriso perché nel fare pipì si era bagnato”

Fonte Retenews24

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.