Dl fisco, no multe a negozianti senza Pos. Slitta a settembre il 730

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
Una lunga maratona durata 14 ore e il dl fisco incassa il via libera della commissione Finanze della Camera. Ok alle norme sul carcere agli evasori ma la maggioranza si spacca. Le opposizioni hanno protestato lasciando i lavori. Protesta che ha riguardato anche le norme sugli appalti. Fra le altre novità, la scadenza del 730 va dal 23 luglio al 30 settembre. Il sottosegretario Villarosa: “Niente sanzioni ai negozianti senza Pos”.

Ecco le principali:

Slitta a settembre scadenza 730 – Approvato un emendamento che riscrive il calendario fiscale, con la scadenza del 730 che passa dal 23 luglio al 30 settembre. Cresce anche la platea dei contribuenti che possono usare il 730: oltre ai dipendenti e ai pensionati, possono presentarlo anche i titolari di redditi assimilati a quello di lavoro dipendente e i titolari di redditi di lavoro autonomo occasionale

Multe per seggiolini bebè – Approvato anche un emendamento al dl Fisco che rinvia al 6 marzo le multe per chi non si adegua alle nuove norme sui seggiolini auto per i bambini e fa salire da uno a 5 milioni gli stanziamenti previsti nel 2020 per le agevolazioni sotto forma di credito di imposta.

Iva assorbenti bio – L’Iva passa dal 22% al 5% per gli assorbenti compostabili o lavabili. Il sottosegretario Alessio Villarosa è intervenuto spiegando che “c’è un impegno del governo per intervenire totalmente” sulla questione, in modo da allargare lo spettro delle tipologie di prodotti igienici femminili per i quali sarà abbassata l’Iva.

No multe a negozianti senza pos – Il sottosegretario al Mef, Alessio Villarosa, ha annunciato su Facebook che è stata “approvata l’abrogazione delle sanzioni per i commercianti che non hanno il pos per i pagamenti con carta di credito/debito”.

Carcere evasori – Via libera della commissione Finanze della Camera alle norme sul carcere agli evasori ma la maggioranza si spacca: Italia Viva ha infatti votato no. “La decisione di rinviare applicazione della spazzacorrotti per equiparare le regole di trasparenza tra partiti e fondazioni è un clamoroso errore che la commissione ha fatto nottetempo col voto favorevole di M5S, Pd e Leu e il voto contrario di Italia Viva”, ha scritto questa mattina su Twitter Luigi Marattin, di Italia viva.

Straordinari di polizia e vigili del fuoco – In arrivo 180 milioni di euro per pagare gli straordinari dei poliziotti e dei vigili del fuoco effettuati prima del 2019 e non ancora liquidati, in deroga alle norme vigenti. La proposta di modifica approvata nello specifico prevede che 175 milioni di euro siano destinati al pagamento dei compensi per il lavoro straordinario delle forze di polizia e 5 milioni di euro al corpo nazionale dei vigili del fuoco.

Le altre misure – La commissione Finanze della Camera ha approvato l’emendamento del governo al dl fisco che autorizza per il 2019 “una spesa da 460 milioni per il finanziamento di investimenti infrastrutturali della rete ferroviaria nazionale”. Introdotto poi un incentivo per l’acquisto di airbag per moto.

In base alla norma, dal 2020 si potrà detrarre fino a 250 euro (il 50 per cento di una spesa massima di 500 euro) “per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale moto airbag”. Per il provvedimento sono stati stanziati fino a 30 milioni di euro all’anno. Infine, Iva al 4% per l’acquisto di auto ibride ed elettriche da parte di persone con disabilità.

fonte AdnKronos

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Vergognosa l’eliminazione delle sanzioni x chi non si adegua al pos… non lo vogliono proprio risolvere il problema dell’evasione.

  2. Alessandro, ancora non hai capito che l’evasione viene fatta proprio grazie ai sistemi elettronici?? quanto ci metterai a capirlo? pensi che l’evasione sia quella dei dieci euro di cornetto e caffe?? lo sai che i milioni di euro in nero vengono spostati solo grazie a transazioni bancarie, triangolazioni e transazioni elettroniche? pensi che ci sia il barista o l’idraulico che porta i camion di banconote all’estero in sacchi di canapa??? quando lo capirai ??

  3. Con l’eliminazione del contante e a quel punto l’uso obbligatorio dei pagamenti elettronici i signori idraulici,elettricisti, meccanici, etc etc etc (nessuno escluso) finirebbero di dire SOLO CONTANTI….
    Chi evade milioni (e pure non mi sta bene) almeno pagano milioni di stipendi.il resto evade x tenerselo senza partecipare alla tassazione collettiva. Tutta qst simpatica gente poi a 70 anni si lamenterà di prendere la pensione minima (e sono assolutamente contrario all’aumento di tali pensioni..perché un cazzo hai volontariamente versato..ed un cazzo di prendi in pensione)
    La giustizia sociale è SE FAI QUALCOSA È BENE … ALTRIMENTI a pagare saranno i solito noti.

  4. perfetto, con questa risposta alessandro ha dato la prova inconfutabile che non ha capito niente della questione e di quanto detto giustamente da uno. poteva tacere, ma ha preferito parlare e confermare

  5. Tutta questa gente, come dici tu Allessandro i contributi per la pensione se li è pagati di tasca propria, e se sapessi come è dura mettersi le mani in tasca, e non come accade ai dipendenti, il quale versano per conto loro su uno stipendio reale ed un contributo virtuale per il lavoratore

  6. Hanno obbligato le aziende a pagare con bonifico e va bene, hanno obbligato noi tutti ad avere un conto corrente anche per la pensione e va bene, ci hanno bombardato con i media e quant’altro per fare i pagamenti con il pos e adesso che fanno ci obbligano a pagare in contanti se i commercianti non si adeguono al pagamento elettronico? Si parla di equità ma qui mi sembra che si faccia del classismo … come sempre chi lo prende in quel posto è sempre il povero cittadino che si deve cercare di risolvere da solo tutti i problemi che questi “signori” ci propinano ogni giorno ormai!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.