Salerno: donna licenziata perché iscritta alla Cgil

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
“L’hanno licenziata perché iscritta alla Cgil”: è la denuncia lanciata dalla Flai Cgil di Salerno dopo che una lavoratrice di una azienda agricola della provincia di Salerno, leader nel settore della quarta gamma, è stata licenziata.

La lavoratrice – spiega il sindacato in una nota pubblicata da Rassegna.it – si era da poco iscritta alla Flai Cgil, insieme ad un’altra collega, che ha invece subito una sospensione di tre giorni senza retribuzione.

“Formalmente l’azienda ha adottato il provvedimento perché la dipendente non avrebbe rispettato l’obbligo di fumo all’interno di un’apposita area di appena due metri per tre, allestita all’esterno dello stabilimento”, scrive la Flai Cgil Salerno, secondo cui questo sarebbe stato soltanto un pretesto “per allontanare dall’azienda una dipendente che aveva scelto di aderire al sindacato diventando rappresentante aziendale”.

Prima del licenziamento e della sospensione, le due dipendenti avevano ricevuto due contestazioni da parte dell’azienda, notificate peraltro nello stesso giorno.

Un “comportamento antisindacale” è la denuncia della segreteria provinciale della Flai Cgil, che adesso sta assistendo la lavoratrice licenziata e la collega sospesa, avviando una battaglia legale “per chiedere l’annullamento del provvedimento di licenziamento ed il reintegro – afferma la segretaria generale Flai Cgil Salerno, Giovanna Basile – in una delle principali realtà del settore della quarta gamma che si è resa protagonista di un’azione così spropositata nei confronti di due lavoratrici solo perché hanno aderito al sindacato”.

“Prima del licenziamento – racconta la dipendente licenziata – avevo subito soltanto un richiamo. Il regolamento aziendale prevede invece che ci siano tre richiami, poi l’ammonimento ed infine il licenziamento. Per un comportamento analogo – aggiunge – finora un collega aveva subito soltanto una sospensione di un giorno».

Ma i campanelli d’allarme erano già scattati da qualche tempo. «Subito dopo la mia iscrizione al sindacato – prosegue la dipendente – avevo subito degli spostamenti di reparto ed un cambio mansioni, senza che mi venisse dato nessun tipo di formazione specifica. Inoltre, i colleghi avevano cominciato a non rivolgermi il saluto. Insomma – conclude amareggiata la dipendente – un vero e proprio atteggiamento di straining dovuto alla mia appartenenza al sindacato”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.