Ma siamo più liberi o più occupati (di Claudio Tortora)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Si chiediamocelo. Perchè è vero che internet, i telefonini, i treni veloci, i 1000 canali televisivi, hanno velocizzato la nostra vita, ma siamo proprio sicuri che  non ci ha rubato niente tutto questo?

Si ci ha dato la  capacità di potere raggiungere tutto e tutti in  pochi secondi e di essere raggiunti  ovviamente. Ma forse un po’ di privacy, il gusto di una scoperta ed anche dell’attesa di una notizia ci manca.

Se si pensa a diversi anni fa, per esempio, nella nostra città, quando non c’erano ancora le radio libere, per conoscere il risultato della Salernitana si doveva  aspettare  che qualche  quotidiano (allora vi erano Il Tempo, il Roma ed il Mattino), ne dessero notizia, magari in serata.

Se per  esempio ti davi appuntamento con un amico e per un motivo qualsiasi, tardavi, non riuscivi più ad incontralo e magari lui pensava che gli avevi dato buca e tu pensavi, che c’era rimasto male. Allora dovevi attendere il rientro a casa per poi riparlare e chiarire etc…

Se passeggiavi con una persona in un posto affollato e ti perdevi di vista, perché magari tu camminavi e la persona che ti accompagnava si era fermata davanti ad una vetrina, a volte era impossibile riacchiapparsi.

E pensate se si era in un’altra città, diventava un problema, magari si chiamava in albergo per dire: se telefona mia moglie ditele che ci rivediamo in albergo.. oppure che l’attendo  qui a tale posto… Pensate, è vero quanti disagi, ma pensiamo anche a quanti accorgimenti in più, attenzioni, in più si avevano per le persone.

Non era tutto così scontato,  da un risultato sportivo, ad una semplice passeggiata. C’erano molti più disagi, ma  forse c’era più pepe nei rapporti, meno stanchezza e soprattutto non c’era la noia, la ripetitività, che comporta sempre la routine che ti attanaglia.

Oggi  se notate per strada, pochissimi passeggiano e parlano, molti invece  parlano si ma al telefonino, a volte se usano le cuffie, diventano ridicoli, perché sembra che parlino da soli , specialmente in macchina!

Io sono convinto, che alcuni addirittura fingano di parlare, per evitare di salutare questo o quello, per darsi magari un tono, comunque per evitare  eventuali incontri o dialoghi.

Questo per fare in fretta e di corsa tutto. Per poi, sempre di corsa, ritornare a casa, sedersi su di un divano, prendere un telecomando, cambiare 70-80 canali, non riuscire a trovare niente che è di tuo gradimento e quindi iniziare a sbuffare ed annoiarsi. Pensiamo anche al rapporto amoroso.

Un incontro tra due persone prima aveva un percorso ben definito e soprattutto tempi non brevi.  Già per conoscere l’indirizzo di una persona che ti interessava, dovevi avvicinare fisicamente amici ed amici degli amici.

Poi dovevi trovare chi tra questi,quasi sentendosi un traditore, ti indicasse  il numero di telefono. Inventarti una scusa per incontrare la persona sotto casa o in altro luogo, per poi poterla telefonare, in orari stabiliti.

Infatti imperversava la canzone Fatti mandare dalla mamma a prendere il latte… Se poi la cosa andava a buon fine e diventava seria, allora c’era la cosiddetta dichiarazione d’amore e poi… il fidanzamento in casa!!!!

Tutto questo senza telefonino ed internet, durava una eternità.

Ma era un tempo lungo, nel quale pregustavi ed avvertivi sensazioni belle .Per cui i dolci momenti erano di più e duravano molto più a lungo.

Forse era questo il privilegio che si è perso,forse sarà questo tempo lungo che non c’è più che porta con se  quella noia di cui già abbiamo parlato.

Sarà che la velocità nell’esecuzione delle cose, eccezion fatta per lo sport e fatti scientifici, non ha mai portato grandi risultati. Ma io insisto che la nota dolente dei nostri tempi è la noia, quella che leggiamo sui volti dei ragazzi che stanno davanti ad un bar, birre  in mano, senza neanche guardarsi, o in discoteca a farsi bombardare dalla musica per non parlare, per evadere, per allontanarsi da tutto quanto, magari anche usando sostanze un tantino alternative, per sfuggire dalla…noia… la vera malattia di questo mondo che corre, ma non sa dove va e dove vuole arrivare.

Allora cerchiamo telefonini che ci possano far navigare su internet, che ci facciano seguire le notizie del tg in tempo reale, che ci faranno tra un pò  aprire anche le porte di casa, fare la spesa, lavorare, educare i figli, crescerli, e magari anche farsi visitare via internet, sempre più in casa e sempre più annoiati e soli, di fronte ad una luce di un monitor che ci illumina il viso, ricordandoci che è l’unico amico che ci è rimasto!!

Riprendiamoci i sogni ed anche, il tempo giusto per viverli!!!

Claudio Tortora

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.